Lavoro 19 Maggio 2015 17:28

«Anche le aziende sanitarie dalla parte dei medici. Lo Stato risponda dei risarcimenti»

Intervista a Diego Piazza, presidente Acoi: “Stare vicino ai singoli professionisti che decidono di fare azioni individuali per tutelarsi”

«Anche le aziende sanitarie dalla parte dei medici. Lo Stato risponda dei risarcimenti»

Chirurghi italiani sempre più spremuti dai turni di lavoro e dai rischi correlati alla loro specializzazione.


Ore passate con i ferri in mano e la concreta possibilità di essere chiamati in causa, data la delicatezza del loro ruolo, per un presunto episodio di malpractice. Sanità informazione ha parlato con Diego Piazza, Presidente dell’Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani (ACOI) e capo dipartimento Chirurgia Azienda Policlinico-OVE Catania.

Presidente Piazza, i chirurghi italiani sono oberati dal lavoro e dalle responsabilità, ma hanno bisogno di maggiore serenità e libertà.

«Chi fa il chirurgo non può essere spaventato dal lavoro o dalla responsabilità. Rispetto a 25 anni fa chi opera in ambito chirurgico al giorno d’oggi è spaventato da altre cose, da quelle che lo tengono fuori dalla sala operatoria. Mi riferisco a quella che chiamo “chirurgia cartacea”: ovvero l’ enorme – e spesso inutile – burocrazia alla quale tutti noi veniamo sottoposti. In quest’ottica, il chirurgo deve diventare un esperto assicurativo o di diritto civile, penale e amministrativo e deve dare un occhio anche alla Corte dei Conti. Il chirurgo salottiero è chiamato a riunioni su temi improponibili a orari assurdi dalle nostre direzioni generali. In questo modo non si fa che sottrarre i chirurghi alle sale operatorie. Ma il chirurgo, per operare, è lì che deve stare».

In merito alle pressioni sul medico che vanno a ricadere poi sul cittadino, altro tema delicato del quale le istituzioni hanno la necessità di occuparsi è quello degli orari di lavoro. È bene chiarire che le aziende, in questo caso, non sono coinvolte in quelle che possono essere le azioni di rimborso del singolo medico per le ore di lavoro in più non pagate. L’operatore chiede invece conto allo Stato perché è lo Stato il vero responsabile di questa situazione.

«Mi sembra una cosa evidente, anche perché il numero di medici presente in un’unità operativa complessa non viene stabilito dalla direzione generale ma risponde ad una legge dello Stato. Se però consideriamo che ci sono unità operative con un solo chirurgo – e quindi diventa un prigioniero del reparto nel quale deve esercitare – mi chiedo come sia possibile far rispettare un orario di servizio adeguato ad una persona dove è in servizio un solo medico o dove su quattro medici due hanno la 104 e un altro ha un’invalidità per cui non può fare le notti. È un problema che lo Stato deve assolutamente affrontare e risolvere».

Articoli correlati
L’ospedale sicuro e il “paradosso del green”
Egregio direttore, erano tutti, in realtà, orgogliosi quei semplici e immaginari cittadini che frequentavano con piena fiducia gli ambienti di quella struttura ospedaliera dove avevano trovato sempre risposte certe e soluzioni terapeutiche aggiornate verso i problemi sanitari che si presentavano a carico del loro stato di salute. Così come altamente fiero era allo stesso tempo […]
di Emilio Piccione, Emerito di Ginecologia e Ostetricia, Università di Roma Tor Vergata e Cattolica NSBC di Tirana
Perché andare nelle Case della Comunità, se lo studio medico è sotto casa? Risponde Pina Onotri (SMI)
Il Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani, in un’intervista a Sanità Informazione ripercorre le principali criticità del PNNR. Le proposte: «Modificare la legge 502/92 e studiare un meccanismo flessibile di equivalenza scelta/ore, che permetta ai medici con un carico assistenziale inferiore al massimale di coprire un debito orario nelle case di comunità, retribuiti a quota oraria o capitaria»
«Può un infermiere nel 2022 morire di turni massacranti?»
Il nostro sindacato chiede a tutti gli infermieri italiani, in tutti gli ospedali e in tutte le strutture private, da Nord a Sud, di osservare un minuto di silenzio e di raccoglimento. Gli infermieri possono morire a causa dei turni massacranti? La scomparsa della collega Sara Sorge, deceduta in un incidente mortale, sembrerebbe accertato, dopo […]
di Antonio De Palma, presidente Nursing Up
Chirurgia plastica, D’Andrea: «Il Covid non deve penalizzare la formazione dei futuri chirurghi»
«Giusto essere previdenti, ma non si può privilegiare l'assistenza dei contagiati Covid a danno della prevenzione e della formazione dei futuri medici» dichiara il Presidente Nazionale del Collegio dei Professori dei Chirurghi Plastici Italiani
Covid-19, Consulcesi: «Operatori sanitari allo stremo, tra turni massacranti e minacce da no vax»
Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi: «Da quando è scoppiata la quarta ondata siamo stati sommersi da segnalazioni da parte di operatori sanitari: doppi turni non retribuiti, pressioni e minacce da parte dei no vax. È inaccettabile e per questo il nostro servizio di consulenza legale gratuita a disposizione di tutti coloro che necessitano di supporto»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 3 febbraio 2023, sono 671.338.563 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.838.235 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...