Lavoro 6 Luglio 2020

Anaao su Ccnl 2016-18: «Subisce l’effetto Covid, pochi contratti decentrati e confronto regionale»

I risultati dell’indagine Anaao Assomed sullo stato delle relazioni sindacali e della contrattazione collettiva integrativa nelle aziende sanitarie

Immagine articolo

I dati emersi dall’indagine Anaao, condotta su circa 180 aziende sanitarie e terminata il 30 giugno 2020, forniscono risposte importanti sul tema sia delle relazioni sindacali che dello stato dell’applicazione contrattuale 2016-2018 (Ccnl) in Italia. Come evidenzia il sindacato in una nota, l’insorgere della pandemia ha infatti certamente determinato condizioni di estrema difficoltà nell’avvio del confronto e nelle stesse attività applicative. In realtà il “distanziamento” sociale in parte è divenuto anche sindacale, favorendo i comportamenti anomali e in certo modo amplificandoli.

Il Ccnl 2016-2018 ha significativamente innovato le relazioni sindacali, da una parte adeguandosi alla legislazione intervenuta, più orientata a riportare alcune materie alla competenza aziendale, ma dall’altra accentuando fortemente alcune forme di relazioni. Sia sul versante del confronto, con l’Organismo paritetico, del tutto nuovo e fortemente partecipativo, sia sul versante della contrattazione decentrata cui vengono assegnate funzioni di vera contrattazione con materie critiche, anche di tipo economico.

Le relazioni sindacali sono perciò divenute centrali nella nuova contrattazione, certo condizionata dai circa 10 anni di blocco e dal deterioramento dei rapporti tra sindacato e aziende. La survey ha confermato i problemi, con alcune particolarità. Ha evidenziato una situazione che sconta il lungo periodo di stasi, ha delineato le criticità degli apparati delle aziende. Infine ha mostrato la necessità e l’urgenza dell’azione sindacale periferica, resa più organica, omogenea e penetrante a seguito di adeguate attività di formazione dei quadri, che l’Anaao ha progettato e che sta conducendo.

Dalla survey è infatti emerso un forte ritardo nel confronto regionale avviato solo nel 48% dei casi e concluso per il 18%. L’avvio delle procedure di contrattazione nelle aziende solo nel 28% dei casi, con una formale determinazione delle delegazioni sotto il 42%, e rispetto dei tempi previsti solo nel 7.75%. L’elemento innovativo e dinamico costituito dall’Organismo paritetico è stato previsto e in parte costituito solo nel 20% dei casi, con definizione del regolamento solo nel 16%.

Oggettiva criticità, essendo nelle nuove relazioni sindacali elemento propedeutico, l’attività di informazione è la previsione del relativo regolamento solo nel 4,3 % dei casi. In conclusione emerge un quadro critico ma “attivo”, su cui il sindacato si è ripromesso di intervenire subito, con un rafforzamento delle rappresentanze regionali e locali, sia in termini formativi che organizzativi diretti.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Palermo (Anaao): «Assumere 10mila medici e 20mila infermieri, aumentare gli stipendi, aderire al Mes e nel 2021 prevedere 17mila borse»
La “Fase 2” avrà bisogno non solo di un territorio pronto ad individuare precocemente nuovi focolai epidemici gestendo i pazienti a domicilio per quanto possibile, ma soprattutto della piena operatività degli ospedali italiani in termini di posti letto e di dotazioni organiche coerenti per garantire la piena funzionalità degli ospedali Covid e affrontare l’immensa domanda […]
di Carlo Palermo, Segretario Anaao-Assomed
Premialità Covid-19, Anaao: «Assegnata in modo indistinto a Dirigenza e Comparto. Così si oltraggia la dignità di medici e dirigenti sanitari»
«Un vero e proprio schiaffo a quei volti che abbiamo visto su tutti i media segnati dalla stanchezza e dalla sofferenza – dichiara il Segretario Palermo -. La tanto sbandierata riconoscenza per la nostra generosità, lo spirito di servizio e l’abnegazione, passata l’emergenza, cede il posto, come nella Regione Veneto, a più vili e prosaiche esigenze di consenso politico e propaganda elettorale»
Decreto rilancio, Anaao Assomed: «Bene iniezione di risorse, ma lavoriamo per superare criticità»
«Prima il DL “Cura Italia” con 1,410 mld e ora il DL “Rilancio” con un ulteriore incremento di 3,250 mld del finanziamento del sistema sanitario, affrontano le problematiche emerse dalla pandemia. Ora è fondamentale vigilare per la sua conversione in legge e superare le criticità ancora persistenti con giuste proposte emendative» precisa il segretario Palermo
Violenza medici, trend in aumento: il 55% degli operatori vittima di aggressioni. L’indagine Anaao Assomed
Gli psichiatri i camici bianchi più colpiti, seguiti dai colleghi del pronto soccorso. Ma l'80% delle aggressioni non viene denunciato
Coronavirus, Anaao: «Senza protezioni l’ospedale diventa un pericolo». Lettera a Conte e Speranza
«Sia emendato l'art. 7 del Decreto-legge del 9 marzo che dispone che i sanitari esposti a pazienti COVID-19 non siano più posti in quarantena, ma continuino a lavorare anche se potenzialmente infetti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...