Lavoro 7 Agosto 2019

Anaao contro il ‘riposo spezzatino’. Costantino: «Corte UE dica se deroga a direttiva è lecita. Per noi non lo è»

Il sindacato promette di dar battaglia per assicurare il riposo sufficientemente lungo e continuo previsto dalle direttive europee anche ai medici in pronta disponibilità. Il sindacalista: «Non prospettiamo il muro contro muro, ma credo che le Leggi vadano rispettate da tutti»

di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Immagine articolo

«Siamo convinti che l’interpretazione derogatoria della direttiva europea sugli orari di lavoro presente nel nuovo contratto della dirigenza medica e sanitaria non sia lecita. Per questo chiediamo una risposta alla Corte di Giustizia europea». Sergio Costantino, membro della direzione nazionale del sindacato Anaao-Assomed, commenta così a Sanità Informazione la scelta del sindacato di ricorrere alla Corte dell’Unione contro il “riposo spezzatino” durante la pronta disponibilità introdotto dal nuovo contratto. Il testo prevede infatti che la chiamata in servizio sospenda, e non interrompa, le 11 ore di riposo imposte dalla norma europea e che le ore mancanti vengano recuperate immediatamente e consecutivamente dopo il servizio reso. Tuttavia nel caso in cui, per ragioni eccezionali non sia possibile applicare questa disciplina, le ore di mancato riposo saranno fruite in un’unica soluzione nei successivi tre giorni.

LEGGI ANCHE: PRONTA REPERIBILITÀ, ECCO PERCHÉ IL NUOVO CONTRATTO DEI MEDICI POTREBBE VIOLARE LA DIRETTIVA EUROPEA SULLE 11 ORE DI RIPOSO

Perché questa norma non vi piace?

«Semplicemente perché travisa quelle che erano e sono le indicazioni della Comunità europea. Un riposo sufficientemente lungo e continuo (valutato al minimo in 11 ore, non al massimo di 11 ore): questo è un dato che non lascia spazio ad interpretazioni, fatti salvi i casi ben normati dalla Direttiva. Se una persona qualsiasi avesse una notte insonne, quali sarebbero le sue condizioni l’indomani? Immaginatevi questo ed il dover lavorare in debito di sonno in un settore tanto difficile e critico quale può essere quello medico ospedaliero».

Cosa vi aspettate dal ricorso alla Corte di Giustizia europea? In caso di pronunciamento favorevole, pensate che la norma possa cambiare?

«La domanda è proprio questa: è lecita questa interpretazione derogatoria rispetto alla norma generale?  Noi siamo convinti di no. La Corte dovrà darci una risposta coerente alla domanda che verrà posta. In caso favorevole dovrebbero essere abrogate le disposizioni che la prevedono».

Se l’articolo del contratto sulla pronta disponibilità non dovesse cambiare, siete pronti ad ulteriori ricorsi? Vi aspettate anche ricorsi da singoli medici?  

«La procedura non sarà immediata e ci potrebbero essere diverse strade percorribili; tuttavia la disponibilità messa in campo dal nostro sindacato ad una trattativa negoziale è stata interpretata non come buona volontà ma come segno di debolezza. Senza voler prospettare il muro contro muro, credo che le Leggi vadano rispettate da tutti, non solo dai dipendenti. Per l’azione legale ci saranno ovviamente delle agevolazioni per i nostri iscritti, ma non si possono escludere azioni isolate da parte dei singoli non iscritti. Credo che l’azione possa fungere da forza di traino per il nostro sindacato, che non ha obiettivi di lucro. La forza del sindacato è quella di schierare il migliore team di super-esperti legali per affrontare l’argomento».

Non ritiene rischioso affidare alla contrattazione decentrata un tema così delicato?

«È da tempo previsto un supporto capillare in tutte le sedi decentrate e sono già in fase di ultimazione i corsi specifici per i rappresentanti sindacali periferici per renderli “invulnerabili” ad interpretazioni esclusivamente datoriali. In ogni caso, il significato della contrattazione decentrata è anche in funzione della casistica. Per fare un esempio, se il fatto accade una volta l’anno, ha un significato meno inquietante e potranno essere attivate delle difese specifiche locali; se dovesse invece accadere 15-20 volte il mese e più volte per notte nel singolo reparto, ci troveremmo di fronte ad una guardia attiva mascherata. In questi casi non dovrebbero esserci solo promesse, ma assunzioni per difendere concretamente sia la tenuta del Servizio sanitario nazionale, sia la salute di operatori e pazienti».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, QUICI (CIMO): «ECCO LE INSIDIE NASCOSTE». E DICHIARA LO STATO DI AGITAZIONE

Articoli correlati
Carenza medici, Veneto assume 500 neolaureati. FNOMCeO e sindacati all’attacco: «Così si svilisce professione e si abbassa la qualità delle cure»
La Giunta guidata da Luica Zaia ha deliberato l’assunzione di 500 giovani medici, laureati e abilitati, ma non ancora in possesso della specializzazione: sarà sufficiente la frequentazione di un corso. Anaao Assomed annuncia l’impugnazione del provvedimento. Anelli: «Con il pretesto dell’emergenza si mandano allo sbaraglio professionisti con minori competenze»
Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»
La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diventa guardia attiva; in Portogallo viene pagato il 50% delle ore anche se non si viene chiamati
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo
L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna, Irlanda, Germania e Grecia. Consulcesi avvia la battaglia legale per tutelare i medici e ottenere i risarcimenti
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Dalla carriera all’aumento economico, tutto quello che c’è da sapere sul contratto dei medici. E su cosa si dividono i sindacati
Un vademecum del sindacato Anaao-Assomed ha provato a riassumere i punti qualificanti del contratto della dirigenza medica. Ma su molti aspetti le interpretazioni dei sindacati firmatari e quelli contrari divergono. Ecco una mappa con le diverse posizioni
Pronta reperibilità, Anaao – Assomed non ci sta e ricorre alla Corte di Giustizia europea
In base alle normative attuali la chiamata in servizio durante la pronta disponibilità “sospende” il riposo e non lo “interrompe”. Interpretazione contestata dal sindacato guidato da Carlo Palermo che ora punta a un chiarimento definitivo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone