Lavoro 7 Agosto 2019

Anaao contro il ‘riposo spezzatino’. Costantino: «Corte UE dica se deroga a direttiva è lecita. Per noi non lo è»

Il sindacato promette di dar battaglia per assicurare il riposo sufficientemente lungo e continuo previsto dalle direttive europee anche ai medici in pronta disponibilità. Il sindacalista: «Non prospettiamo il muro contro muro, ma credo che le Leggi vadano rispettate da tutti»

di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Immagine articolo

«Siamo convinti che l’interpretazione derogatoria della direttiva europea sugli orari di lavoro presente nel nuovo contratto della dirigenza medica e sanitaria non sia lecita. Per questo chiediamo una risposta alla Corte di Giustizia europea». Sergio Costantino, membro della direzione nazionale del sindacato Anaao-Assomed, commenta così a Sanità Informazione la scelta del sindacato di ricorrere alla Corte dell’Unione contro il “riposo spezzatino” durante la pronta disponibilità introdotto dal nuovo contratto. Il testo prevede infatti che la chiamata in servizio sospenda, e non interrompa, le 11 ore di riposo imposte dalla norma europea e che le ore mancanti vengano recuperate immediatamente e consecutivamente dopo il servizio reso. Tuttavia nel caso in cui, per ragioni eccezionali non sia possibile applicare questa disciplina, le ore di mancato riposo saranno fruite in un’unica soluzione nei successivi tre giorni.

LEGGI ANCHE: PRONTA REPERIBILITÀ, ECCO PERCHÉ IL NUOVO CONTRATTO DEI MEDICI POTREBBE VIOLARE LA DIRETTIVA EUROPEA SULLE 11 ORE DI RIPOSO

Perché questa norma non vi piace?

«Semplicemente perché travisa quelle che erano e sono le indicazioni della Comunità europea. Un riposo sufficientemente lungo e continuo (valutato al minimo in 11 ore, non al massimo di 11 ore): questo è un dato che non lascia spazio ad interpretazioni, fatti salvi i casi ben normati dalla Direttiva. Se una persona qualsiasi avesse una notte insonne, quali sarebbero le sue condizioni l’indomani? Immaginatevi questo ed il dover lavorare in debito di sonno in un settore tanto difficile e critico quale può essere quello medico ospedaliero».

Cosa vi aspettate dal ricorso alla Corte di Giustizia europea? In caso di pronunciamento favorevole, pensate che la norma possa cambiare?

«La domanda è proprio questa: è lecita questa interpretazione derogatoria rispetto alla norma generale?  Noi siamo convinti di no. La Corte dovrà darci una risposta coerente alla domanda che verrà posta. In caso favorevole dovrebbero essere abrogate le disposizioni che la prevedono».

Se l’articolo del contratto sulla pronta disponibilità non dovesse cambiare, siete pronti ad ulteriori ricorsi? Vi aspettate anche ricorsi da singoli medici?  

«La procedura non sarà immediata e ci potrebbero essere diverse strade percorribili; tuttavia la disponibilità messa in campo dal nostro sindacato ad una trattativa negoziale è stata interpretata non come buona volontà ma come segno di debolezza. Senza voler prospettare il muro contro muro, credo che le Leggi vadano rispettate da tutti, non solo dai dipendenti. Per l’azione legale ci saranno ovviamente delle agevolazioni per i nostri iscritti, ma non si possono escludere azioni isolate da parte dei singoli non iscritti. Credo che l’azione possa fungere da forza di traino per il nostro sindacato, che non ha obiettivi di lucro. La forza del sindacato è quella di schierare il migliore team di super-esperti legali per affrontare l’argomento».

Non ritiene rischioso affidare alla contrattazione decentrata un tema così delicato?

«È da tempo previsto un supporto capillare in tutte le sedi decentrate e sono già in fase di ultimazione i corsi specifici per i rappresentanti sindacali periferici per renderli “invulnerabili” ad interpretazioni esclusivamente datoriali. In ogni caso, il significato della contrattazione decentrata è anche in funzione della casistica. Per fare un esempio, se il fatto accade una volta l’anno, ha un significato meno inquietante e potranno essere attivate delle difese specifiche locali; se dovesse invece accadere 15-20 volte il mese e più volte per notte nel singolo reparto, ci troveremmo di fronte ad una guardia attiva mascherata. In questi casi non dovrebbero esserci solo promesse, ma assunzioni per difendere concretamente sia la tenuta del Servizio sanitario nazionale, sia la salute di operatori e pazienti».

LEGGI ANCHE: CONTRATTO MEDICI, QUICI (CIMO): «ECCO LE INSIDIE NASCOSTE». E DICHIARA LO STATO DI AGITAZIONE

Articoli correlati
«Il riposo deve essere di 11 ore e continuativo anche dopo la reperibilità». Anaao ricorre alla Commissione Europea
Per gli operatori sanitari del Ssn sarebbe stato violato il sistema minimo di tutele della salute e della sicurezza dei lavoratori
Celebrazione 60 anni Anaao Assomed, Troise: «Il futuro del sindacato è in mano ai giovani e alle donne»
«Una grande storia collegata all’Art. 32 della Costituzione. Rivendichiamo più occupazione e meno precarietà: la qualità delle cure dipende dal lavoro stabile e da investimenti in termini di crescita, sicurezza e formazione». Le parole del segretario Carlo Palermo ai festeggiamenti del 60° anniversario del sindacato
Inchiesta Panorama, Palermo (Anaao): «Formazione torni centrale ripristinando dotazioni organiche»
Il segretario del più grande sindacato dei camici bianchi risponde all’inchiesta del settimanale diretto da Maurizio Belpietro e spiega: «La situazione delle dotazioni organiche è così mal messa che l’orario che dovrebbe esser istituzionalmente destinato alla formazione viene di fatto utilizzato per attività assistenziali»
Sanità, il presidente ARAN: «Nel 2020 si chiude nuovo contratto»
Antonio Naddeo, presidente dell'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni a sanità informazione: «In legge bilancio stesse risorse per rinnovo contratti 2019-2021 della tornata precedente. In corso discussione Governo-sindacati se sono sufficienti»
Contratto 2019-2021, Papotto (Cisl): «Non basta finanziamento previsto in Legge di Bilancio, servono più risorse»
Il Segretario generale della Cisl Medici sottolinea: «È chiaro che ci aspettiamo per il 2019-2021 un finanziamento più adeguato per poter recuperare questi dieci anni di fermo contrattuale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 24 febbraio 2020 sono 79.434 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 25.044 mentre i morti sono 2.619. I CASI IN ITALIA Bollettino delle or...