Lavoro 28 Febbraio 2019

OPI Arezzo: da Pupo a Burioni, dai calciatori a Ridge, tutti contro la violenza. Il 4 marzo evento formativo

L’hashtag lanciato dagli infermieri aretini è stato condiviso da decine di migliaia di persone, tra cui celebrità come Pupo, Ciccio Graziani, Roberto Burioni, Paolo Conticini, Giovanni Malagò e Ronn Moss. Il presidente dell’Ordine Giovanni Grasso: «Diciamo no alle aggressioni sul personale sanitario e chiediamo maggiore sicurezza»

Quello della violenza contro il personale sanitario continua ad essere un tema all’ordine del giorno. Si calcola che l’89% di medici, infermieri e altri professionisti della salute abbia subito aggressioni fisiche, verbali o psicologiche. L’Ordine delle professioni infermieristiche di Arezzo si è quindi mobilitato con una campagna per dire basta alla violenza. Ha lanciato l’hashtag #rispettachitiaiuta, che in pochi giorni è stato condiviso da decine di migliaia di persone, tra cui celebrità del mondo dello sport, dello spettacolo e della sanità come Pupo, Ciccio Graziani, Roberto Burioni, Paolo Conticini, Giovanni Malagò e l’attore americano Ronn Moss. Ha poi organizzato, per il prossimo 4 marzo, una giornata di formazione e informazione dedicata ai professionisti, che vedrà anche la partecipazione della presidente della FNOPI Barbara Mangiacavalli. Nel corso dell’iniziativa verrà presentato uno spot di sensibilizzazione contro i sempre più frequenti episodi di violenza, e verrà insegnato ai partecipanti come riconoscere e gestire l’aggressività.

LEGGI ANCHE: AGGRESSIONI, L’87% MEDICI CONTINUINITA’ ASSISTENZIALE SI SENTE IN PERICOLO. MAIO (FIMMG): «NECESSARIA PROCEDIBILITA’ D’UFFICIO»

«Questa è un’iniziativa di sensibilizzazione della popolazione per dire no alle aggressioni – commenta ai nostri microfoni Giovanni Grasso, presidente dell’OPI di Arezzo –. È importantissimo riuscire a far comprendere ai cittadini che i professionisti che incontrano negli ospedali lavorano per garantire il loro diritto alla salute. Gli operatori, al contempo, devono sapere gestire nel minor tempo possibile una situazione di emergenza».

Presso l’Auditorium Pieraccini dell’ospedale San Donato di Arezzo, si confronteranno sul tema i rappresentanti di medici, infermieri e professionisti sanitari tecnici, a cui seguirà l’intervento dello psichiatra e criminologo Massimo Picozzi.

«Quello che chiediamo alle istituzioni – conclude Grasso – è ovviamente maggiore sicurezza, ma anche un’informazione non aggressiva destinata ai cittadini, che devono essere rassicurati sulle competenze e la professionalità degli operatori della salute».

LEGGI ANCHE: INFERMIERE DI FAMIGLIA, ACETI (FNOPI): «CHIEDIAMO CHE VENGA PREVISTO DAL NUOVO PATTO PER LA SALUTE»

 

Articoli correlati
«Stabilizzazione, aumenti salariali e riconoscimento della professione». Le richieste degli infermieri al Circo Massimo
«Siamo oltre duemila», comunica Nursing Up che ha convocato la piazza romana degli infermieri. Al centro della vertenza la richiesta di un comparto contrattuale autonomo. E il Ministero promette l'apertura dell'istruttoria
di Tommaso Caldarelli
Eutanasia, FNOPI e FNOMCeO alla Camera: «Medici e infermieri devono potersi attenere ai loro Codici deontologici»
Alla Camera sono riprese le audizioni sulla legge in materia di rifiuto dei trattamenti sanitari e liceità dell’eutanasia. Tra le richieste della Federazione degli Ordini dei Medici l’affidamento della certificazione dello stato clinico del richiedente a team professionali medici e l’attuazione omogenea della legge sulle Cure Palliative
Fondazione Onda: «Ben otto operatori sanitari su dieci testimoni di episodi di violenza fisica o verbale»
Questi sono alcuni dati dell’indagine di Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, presentata al IV Congresso nazionale, nell’ambito del progetto “Gli stereotipi di genere in sanità: un percorso culturale” dell’iniziativa di Regione Lombardia ‘Progettare le Parità in Lombardia 2019’
Anziani e RSA, appello di FNOPI per riforma urgente e condivisa: «Servono almeno 29.700 professionisti»
Barbara Mangiacavalli, presidente della Federazione delle professioni infermieristiche, sottolinea la volontà degli infermieri, che già si occupano in prima linea dei fragili e degli anziani, di essere parte attiva nel cambiamento che il nuovo modello di sanità che si sta via via disegnando richiede
Elezioni Campania, Carbone (De Luca Presidente): «Con l’infermiere di quartiere più vicini a chi ha bisogno di assistenza»
Tra i candidati al Consiglio regionale della Campania c’è Ciro Carbone, Presidente dell’OPI Napoli, in corsa per la lista del Presidente De Luca: «Noi infermieri, e tutti gli operatori sanitari siamo spesso vicini a chi soffre. Per questo credo che la mia professione possa avermi dato un background importante per fare politica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...