Lavoro 1 Agosto 2019

Aggressioni, guardie mediche tra le più colpite. Maio (FIMMG): «Cambiare approccio organizzativo»

«Non è mettendo cancellate che si risolve il problema: ci sono stati addirittura episodi in cui le guardie mediche sono rimaste auto-sequestrate all’interno». L’intervista a Tommasa Maio, Segretario Nazionale Continuità Assistenziale FIMMG

Immagine articolo

Aggressioni verbali e violenze fisiche, se la vita in corsia per i camici bianchi è sempre più difficile, lo è ancora di più per le guardie mediche, una tra le figure maggiormente colpite. «Le aggressioni riguardano sia le minacce, ma spesso anche percosse con lesioni veramente gravi, in molti casi ci sono addirittura ricoveri», spiega Tommasa Maio, Segretario Nazionale Continuità Assistenziale FIMMG che ai microfoni di Sanità Informazione fa il punto della situazione.

«Il problema serio è che molto spesso i medici che sono medici che ritornano a lavorare lì, – racconta la Maio – hanno paura a denunciare perché temono poi di avere ulteriori ripercussioni. Per questo motivo è importante che l’azione legislativa diventi assolutamente e inequivocabilmente protettiva e che ci siano delle procedure standard, che diventino automatiche nel momento in cui un medico viene anche solamente minacciato. Quello che noi vorremmo è che ci fosse un’azione complessiva di protezione, ma che ci fosse anche un approccio diverso al problema».

LEGGI: «DDL ANTIVIOLENZA SENZA FONDI», LA DENUNCIA DELLA SENATRICE BOLDRINI (PD). ECCO COSA NON È STATO FATTO

Non è una questione di genere. «È una questione di fragilità della figura. La notte dopo l’aggressione che purtroppo subì una collega in Sicilia, due colleghi uomini in una guardia medica in Veneto furono sequestrati da un paziente. Erano due uomini. Poiché numericamente in questo momento i professionisti che svolgono la continuità assistenziale sono per il 60% delle donne è chiaro che questo determina una frequenza maggiore e c’è per carità una fragilità la quale non si può negare, ma non è un fatto legato solo al genere»

«Si tratta di cambiare l’approccio organizzativo nell’integrazione con la Medicina Generale nel suo insieme – continua Tommasa Maio-. Non è mettendo cancellate che si risolve: addirittura ci sono stati episodi in cui le guardie mediche sono rimaste auto-sequestrate all’interno. Il paziente che arriva a noi deve essere consapevole del fatto che per noi un paziente è noto. Non deve poter neanche lontanamente pensare che l’anonimato o l’occasionalità di quell’approccio possa essere per lui un fatto protettivo. Il problema è complesso. Rispetto alle indicazioni c’è il Regolamento dato dal Ministero del 2011. Non è stato pienamente attuato non solo in tutte le Regioni, ma in tutte le Asl. È vero che le azioni che sono state fatte nell’ultimo periodo, soprattutto grazie alle colleghe che hanno avuto il coraggio di fare una nuova violenza su sé stesse, raccontando e denunciando quello che sta succedendo. Sicuramente hanno portato molto più in evidenza il problema. Questo è quello che dobbiamo fare sempre – conclude il Segretario Nazionale Continuità Assistenziale FIMMG – e ci sono state delle risposte, però queste risposte sono frammentarie, in alcune realtà a macchia di leopardo e non ancora esaustive».

Articoli correlati
Manovra 2020, luci e ombre del testo: dai Lea al personale. Tutte le voci della sanità…
Intanto, dal testo su cui lavoreranno entrambi i rami del Parlamento emerge quello che, molto probabilmente, sarà l’indirizzo finale della Legge, soprattutto per quel che riguarda la sanità
“Spazio Etico”: Cisl Medici Lombardia e Istituto di Bioetica lanciano sportello di consulenza legale e psicologica per medici e operatori sanitari
L’iniziativa nata grazie al sostegno dell’ASST Melegnano e Martesana. «Il nemico da battere è essenzialmente lo stress lavorativo per prevenire la ormai nota sindrome di burnout» sottolinea Danilo Mazzacane, Segretario Cisl medici Lombardia
di Federica Bosco
Aggressioni, Speranza apre a presìdi di polizia nei Ps: «Discussione aperta. Migliorare e approvare Ddl prima possibile»
«Dovere dello Stato è "prendersi cura di chi ci cura” ha detto il ministro in vista all’OMCeO Napoli. Il Presidente dell’Ordine dei medici di Napoli Scotti: «Avere qui con noi il Ministro in un momento così delicato è per noi fondamentale. Il messaggio è chiaro: fate presto»
Aggressioni al personale sanitario, Yongjie Yon (OMS-ONU): «Aumentare la consapevolezza per prevenire il fenomeno»
«C’è bisogno di un approccio politico di tolleranza zero e di sostenere la causa a livello pubblico. Serve la collaborazione da parte di tutti per prevenire le aggressioni verso gli operatori sanitari: politica, media e forze dell’ordine» il pensiero del Rappresentante OMS-ONU Yongjie Yon a Sanità Informazione
Aggressioni, l’allarme di FIMMG-Emergenza Sanitaria Territoriale: «Operatori del 118 tra i più colpiti»
La denuncia raccolta da Sanità Informazione la settimana scorsa e confermata dall'ultima aggressione ai danni di un medico e un infermiere in servizio su un'ambulanza di Roma
di Diana Romersi e Giulia Cavalcanti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Salute

Droga, bambini in astinenza. Parla il neonatologo: «Non c’è un picco, ma a volte conseguenze devastanti»

L'intervista ad Antonello Del Vecchio, neonatologo della Società Italiana di Pediatria: «Mix di droghe devastante, ma il loro utilizzo in gravidanza non è in aumento». E a provocare le crisi non c...