Lavoro 15 Gennaio 2020 15:24

Aggressioni, in Campania arrivano le ambulanze hi-tech con geo-localizzatore e pulsante d’allarme

Il presidente della Regione Campania De Luca: «Dobbiamo difenderci da soli anche se è un compito che spetterebbe allo Stato, che fa orecchie da mercante dal 2018». Galano (Asl Napoli 1): «Sistema che tutela il personale e ammonisce i malintenzionati. Ci aspettiamo grandi riscontri»

Presentate oggi a Napoli le nuove misure anti aggressione per gli operatori sanitari, durante la conferenza stampa organizzata presso l’Ospedale del Mare che ha visto la partecipazione, oltre che del dg della Asl Napoli 1 Ciro Verdoliva e del Direttore del 118 della Asl Napoli 1 Giuseppe Galano, anche del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca.

Protagonista l’ambulanza prototipo dotata di 4 telecamere di videosorveglianza e geo-localizzatore, dispositivi che entreranno a far parte di 40 vetture entro la fine di febbraio 2020. Il sistema, illustrato dal dg Ciro Verdoliva, permette il monitoraggio dei veicoli e, attraverso dei sensori di bordo, rende possibile raccogliere una serie di dati telemetrici; in particolare è collegato con la centrale alla quale trasmette in modo continuo la posizione GPS del mezzo.

LEGGI ANCHE: «METTETE LA POLIZIA NEGLI OSPEDALI, LE AGGRESSIONI SONO QUOTIDIANE». IL GRIDO D’ALLARME DEI MEDICI DI NAPOLI

Un’altra novità a bordo delle vetture sarà il pulsante MyDay: una novità che consentirà di attivare in tempo reale l’allarme che arriva in centrale. Una volta allertata la centrale, questa sarà in grado di individuare la posizione del mezzo e, quindi, di attivare la visione delle immagini, entrare in contatto con gli operatori e lanciare l’allarme alla Sala Operativa Forze dell’ordine. Ma il pulsante MyDay è previsto anche all’interno dei Pronto Soccorso San Paolo, Loreto Mare, dei Pellegrini, San Giovanni Bosco, Ospedale del Mare, Capilupi e anche del PS Veterinario del Frullone, che già dal 10 gennaio godono di un collegamento telefonico diretto con la Sala Operativa della Polizia di Stato, ed alcuni di questi (Loreto Mare e Pellegrini) dal 13 gennaio anche con la Sala Operativa del Comando provinciale dei Carabinieri.

«Abbiamo dovuto rimboccarci le mani – dichiara il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca  – e difenderci da soli, perché lo Stato alle nostre richieste di aiuto, già dal 2018, ha fatto orecchie da mercante. Eppure in qualsiasi Paese civile difendere il comparto sanitario dai delinquenti spetterebbe allo Stato. Siamo partiti a febbraio, e la strada per avere tutte le autorizzazioni non è stata facile. Ma ce l’abbiamo fatta, e questo è solo uno dei tantissimi punti su cui abbiamo lavorato senza sosta».

«È una battaglia di civiltà che stiamo vincendo – aggiunge ai nostri microfoni De Luca – perché la sanità della Campania è fatta di questo, di migliaia di uomini e donne che hanno creduto nell’obiettivo che gli abbiamo dato: essere i primi, uscire dal commissariamento e puntare ad essere la prima sanità in Italia, in tutti gli aspetti».

«Queste iniziative – osserva il dottor Giuseppe Galano, direttore U.O.C. Servizi 118 e attività territoriali Asl Napoli 1 – rappresentano sicuramente una svolta per la lotta alle aggressioni che punta alla sicurezza del personale. La videosorveglianza è un deterrente per i delinquenti che confondono la nostra mission, che è quella di dare salute e benessere alla cittadinanza. Questo sistema da un lato tutela il personale e dall’altro ammonisce i malintenzionati. Certo, il percorso non è stato privo di lungaggini burocratiche, ottenere di poter videosorvegliare un mezzo di soccorso non è semplice anche per un discorso di privacy – conclude Galano –  ma lo abbiamo fatto in modo impeccabile e tecnologicamente avanzato. Ci aspettiamo grandi riscontri».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Recovery Plan, la sfida della Campania: «È la nostra occasione per riorganizzare la sanità del territorio»
Cappiello (Anaao): «Abbattere liste d’attesa e istituire i Pronto Soccorso nelle AOU tra le priorità»
Campania, 300 ex guardie mediche pronte a potenziare le USCA. Ma dalla Regione nessuna risposta
L'avvocato Erich Grimaldi, del "Comitato per il diritto alla cura tempestiva domiciliare nell'epidemia di Covid-19", ha inviato una diffida a Palazzo Santa Lucia (Ufficio di presidenza e Unità di Crisi), Prefettura, Comune e Protezione Civile di Napoli, e a tutte le Asl della regione con la quale chiede di conoscere la ragione di questo ritardo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 gennaio, sono 99.225.963 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.130.179 i decessi. Ad oggi, oltre 64,02 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»