Lavoro 21 giugno 2018

Acn medicina convenzionata, arriva il via libera definitivo da parte della Conferenza Stato-Regioni

Antonio Magi, segretario generale SUMAI Assoprof: «Ora ci aspettiamo che venga attuato quanto prevede la Convenzione, ovvero che sia riconosciuto il ruolo degli Specialisti Ambulatoriali Interni nella realizzazione degli obiettivi prioritari di politica sanitaria nazionale». Silvestro Scotti, segretario nazionale della Fimmg: «L’Acn è un punto d’arrivo, ma anche un punto di partenza per ragionare in maniera costruttiva sul futuro della Sanità pubblica e dell’SSN»

Immagine articolo

Dopo la firma con la Sisac e il successivo ok da parte delle Sezioni unite di controllo della Corte dei Conti, mancava l’ultimo tassello per rendere effettivo il nuovo Accordo collettivo nazionale della medicina convenzionata: il via libera definitivo da parte della Conferenza Stato-Regioni. Il disco verde è arrivato ed il testo è entrato quindi formalmente in vigore.

LEGGI QUI IL TESTO DELL’ACN 

Immediata la reazione positiva di Antonio Magi, segretario generale SUMAI Assoprof: «Ora ci aspettiamo che venga attuato quanto prevede la Convenzione, ovvero che sia riconosciuto il ruolo degli Specialisti Ambulatoriali Interni nella realizzazione degli obiettivi prioritari di politica sanitaria nazionale quali il piano nazionale cronicità, il piano vaccinale, l’accesso improprio ai PS, il governo delle liste d’attesa e l’appropriatezza. Il nuovo accordo – prosegue in una nota – ci soddisfa sia sotto l’aspetto economico, sia sotto l’aspetto normativo, in quanto riconosce il nostro ruolo nella realizzazione degli obiettivi prioritari di Politica sanitaria nazionale. Solo aumentando l’offerta assistenziale del Territorio sarà possibile una più efficace presa in carico dei cittadini che vedranno soddisfatte le proprie esigenze di salute, mentre per gli operatori un territorio meglio organizzato e gestito permette una presa in carico di qualità».

LEGGI ANCHE: SANITÀ, PEDIATRI FIRMANO ACCORDO COLLETTIVO. BIASCI (FIMP): «IN MEDIA 800-900 EURO IN PIÙ» 

Anche Silvestro Scotti, segretario nazionale della Fimmg, a poche ore dalla firma si è detto «lieto che si stia chiudendo un percorso centrale per l’assistenza e per il diritto alla salute dei cittadini. Per una medicina di famiglia che veda valorizzato il proprio ruolo e che, del resto, si sente da tempo pronta a fare la propria parte al servizio del territorio. L’Accordo Collettivo Nazionale per la disciplina dei rapporti con i medici di medicina generale è certamente un punto d’arrivo, ma allo stesso tempo anche un punto di partenza per ragionare in maniera costruttiva su temi non meno importanti per il futuro della Sanità pubblica e dell’SSN».

LEGGI ANCHE: MEDICINA GENERALE, FIRMATO ACN: ARRETRATI DA 4MILA A 9MILA EURO. FIMMG: «SIAMO RIFERIMENTO PER SALUTE CITTADINI»

Articoli correlati
Studio rivela: visite dal medico di famiglia allungano la vita. Fiorenzo Corti (FIMMG): «Camici bianchi devono poter compilare un piano assistenziale individuale»
Il vicesegretario nazionale della Federazione dei medici di medicina generale commenta la ricerca pubblicata su BMC Medicine secondo cui i pazienti con malattie a lungo termine che hanno saltato due o più appuntamenti l'anno vedevano aumentare di tre volte il rischio di morte (per qualsiasi tipo di malattia) nei mesi successivi
Emergenza rifiuti a Roma, lettera di Magi a Raggi, Costa e Grillo: «C’è rischio per la salute pubblica. Pronti a fare nostra parte»
Il Presidente dell’Ordine dei Medici della Capitale: «Segnalazioni sempre più frequenti. Nostro obiettivo è tutelare la popolazione facendo sì, insieme ad altri organi preposti, che venga garantito e difeso il suo diritto alla salute»
“Vaccinarsi in gravidanza è un atto d’amore”. Al via campagna Fnopo-Fimmg per promuovere i vaccini
La presidente Fnopo Maria Vicario: «Oggi più che mai noi ostetriche e i medici di famiglia riteniamo fondamentale fornire informazioni scientificamente provate per rassicurare le donne sulla validità e soprattutto sulla sicurezza delle vaccinazioni»
Carenza medici, i direttori dei Ps del Lazio lanciano l’allarme: «Servizi rischiano tracollo». Magi (OMCeO Roma): «Rendere attrattiva specialità»
Il Presidente dell’Ordine dei Medici della Capitale annuncia che chiederà un tavolo in regione per far sì che le risorse umane in organico non siano basate solo sul numero degli accessi ma anche sulle reali attività svolte. Pugliese (Pertini): «Età media è 54 anni, ma qui si fanno tanti turni di notte»
Medicina penitenziaria, Fnomceo chiede incontro urgente al Ministro. Anelli: «Diritto alla salute deve essere garantito a tutti»
Il sistema dell'assistenza penitenziaria è stato trasformato ma nessuno oggi ha contezza di come venga condotto sul territorio nazionale. Mancano, in quest'ambito, i contratti di lavoro, mancano le definizioni dei ruoli, delle competenze sottolinea il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano