Lavoro 20 Febbraio 2020 12:21

A Roma una denuncia penale al giorno per i medici. Accertamenti tecnici preventivi in aumento

Mediazione verso il tramonto. Raffaele La Russa, Professore di Medicina Legale dell’Università La Sapienza di Roma: «Task force Consulcesi&Partners una risposta davvero completa ed affidabile per tutti i professionisti della sanità»

Più di una denuncia al giorno viene presentata soltanto alla Procura di Roma contro i sanitari. Iniziative che nel 70%-80% dei casi vengono archiviate perché risultano infondate, ma che in ogni caso provocano indagini, procedure di verifica e valutazioni aziendali che generano preoccupazioni ed ansie per i sanitari incriminati. I dati emergono nel corso del Convegno su “Rischio Clinico e Contenzioso” organizzato da La Sapienza Università di Roma in collaborazione con il gruppo Consulcesi. In oltre vent’anni, i contenziosi contro i medici e gli operatori sanitari sono aumentati, si stima addirittura di un 200% in più.

«Vi è una maggiore consapevolezza degli strumenti introdotti dalle nuove leggi, più agili, quindi la gente è più fiduciosa in una risposta rapida e aumenta l’accesso alla domanda di Giustizia» ha spiegato a margine del convegno il Giudice Dott. Alberto Cisterna, Presidente della XIII Sezione del Tribunale di Roma, specializzata proprio nel contenzioso sanitario. Medici sempre più nel mirino, quindi, che sono costretti ad affrontare lunghi e sfiancanti iter giudiziali sia in sede penale che civile, per non parlare dei rischi di venir chiamati a rispondere di presunti danni erariali davanti alla Corte di Conti e per illeciti disciplinari. Nella maggioranza dei casi – circa 7-8 su 10 – le denunce penali si risolvono con un nulla di fatto ma è inevitabile l’investimento di tempo e denaro, come anche il coinvolgimento personale per il medico. Proprio per andare in soccorso ai sanitari che, tra mille difficoltà lavorative, si trovano a dover affrontare anche le conseguenze di una denuncia, una richiesta di risarcimento o un atto di citazione, è nata la Task force legale e medico-legale di Consulcesi & Partners. Un servizio di consulenza completamente gratuito che risponde alla richiesta di aiuto del professionista sanitario fornendogli, con assoluta tempestività, una prima assistenza giuridica sul caso prospettato, nonché una prima valutazione tecnica (First Opinion) fornita da un medico legale esperto del settore, indirizzandolo verso le migliori cautele difensive da attivare nell’immediatezza del fatto. «La Task force C&P vuole riunire le migliori professionalità in ambito di responsabilità legale, medico sanitaria ed assicurativa per poter dare ai medici e a tutti gli operatori sanitari, la migliore tutela penale, civile e amministrativa nei casi di malpractice. Uno dei punti di forza della Task force sta nella nostra rete di legali e di professionisti universitari e di alto livello, capillarmente distribuita su tutto il territorio nazionale», dichiara il Dott. Raffaele La Russa, Professore di Medicina Legale La Sapienza di Roma.

LEGGI ANCHE: CONTENZIOSO LEGALE, CISTERNA (TRIBUNALE DI ROMA): «TREND IN AUMENTO, NEL 98% DEI CASI SI RICORRE AD ATP»

Altro dato emerso al Convegno è che gli Accertamenti Tecnici Preventivi (ATP) sono in vertiginoso aumento: soltanto a Roma 1350 ricorsi dall’entrata in vigore della Legge Gelli entrata in vigore nel 2017, mentre l’istituto della mediazione sta mostrando il fianco, anche in ragione degli scarsi risultati finora raggiunti. Risultato della legge Gelli-Bianco che con l’obiettivo di proteggere i medici e garantire i pazienti, ha previsto anche l’obbligo di tentare una conciliazione stragiudiziale prima di andare davanti a un tribunale. Un intento corretto, ma non senza criticità applicative. La legge, con l’articolo 15, ha introdotto l’obbligo per i giudici di nominare sempre un collegio peritale, composto perlomeno da due professionisti tra i quali sempre uno specialista in medicina legale ed uno specialista nella branca oggetto di disputa. In teoria, una misura che assicura qualità ed equità al contenzioso perché, da un lato, garantisce che l’operato del medico venga giudicato da un sanitario competente in materia e, dall’altro, che il giudice avrà la migliore disamina possibile da un punto di vista scientifico per assumere la decisione più giusta e corretta rispetto al caso concreto. Ma in pratica, questa prassi, virtuosamente spinta da tutti gli organi rappresentativi, è ancora lontana dall’obiettivo di una generalizzata applicazione su tutti gli Uffici Giudiziari del Paese. A Roma, il 98% delle sentenze aderiscono alle conclusioni della consulenza tecnica d’ufficio, In altre parole, il giudice si attiene alle indicazioni fornitegli dal consulente tecnico d’ufficio (CTU). Quindi, non si può più prescindere da una difesa tecnica che coinvolga tutte le professionalità utili al raggiungimento dell’obiettivo di fornire al professionista sanitario la più completa difesa possibile. La Task force di Consulcesi & Partners nasce proprio con lo scopo di fornire, attraverso il proprio network che vede coinvolte le migliori professionalità legali e medico-legali, un servizio tempestivo e completo per dare risposte concrete ed affidabili ai professionisti della Sanità. Consulcesi & Partners con i suoi consulenti legali che rispondono al numero verde 800.122.777 o sul sito www.consulcesiandpartners.it.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

 

Articoli correlati
Gas serra e cambiamento climatico: il Tribunale Internazionale per il Diritto del Mare emette la prima advisory opinion
Legali Consulcesi: “Pronuncia storica che sottolinea la responsabilità degli Stati nel contrastare l’inquinamento dell’aria, riconosciuta, insieme al cambiamento climatico, una reale minaccia per i diritti umani”
Test Medicina, Consulcesi: «Con riforma “doppia” chance per entrare, ma non premia merito»
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Dare agli studenti la possibilità di ripetere il test di ingresso alla facoltà di Medina non è una riforma vera e propria. Il sistema di accesso è sempre lo stesso e non premia i meritevoli. Il ricorso continuerà a rimanere una possibilità concreta per tutti gli aspiranti medici esclusi ingiustamente»
Relazioni tossiche: l’amore patologico colpisce almeno il 5% della popolazione
Gori (docente Consulcesi): «Ce ne accorgiamo solo quando sfocia in gesti estremi, necessaria sensibilizzazione tra medici ed educazione affettiva»
Test Medicina: con ricorso iscrizione con riserva, per esclusi “ultima spiaggia”
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Negli ultimi 20 anni lo strumento del ricorso alla giustizia amministrativa ha permesso a decine di migliaia di studenti, esclusi ai test di selezione alla Facoltà di Medicina, di iscriversi ai corsi, di studiare, di fare gli esami e infine di laurearsi. L'esperienza indica che gli studenti entrati con il ricorso, forse anche perché più motivati, sono tra coloro che possono vantare un ottimo percorso accademico»
Mese della prevenzione del tumore al seno. Petrella (Consulcesi): «Troppa disparità tra Nord e Sud»
L’oncologo e docente Consulcesi: «Necessario potenziare prevenzione e diagnosi precoce»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...