Lavoro 25 Ottobre 2017

50° Congresso Sumai, Magi: «Ecco la nostra proposta per il rilancio del territorio»

Il Segretario Generale Sumai-Assoprof Antonio Magi ha illustrato la ricetta della sigla sindacale per evitare che il sistema sanitario si laceri: «Se non agiamo adesso, torneremo indietro di 37 anni»

Rilancio del territorio, maggiore attenzione verso i giovani e riapertura dei tavoli per il rinnovo economico dell’ACN e del CCNL. Questi i tre punti su cui Antonio Magi, Segretario Generale Sumai-Assoprof (Sindacato Unico Medicina Ambulatoriale Italiana), ha focalizzato la sua relazione in occasione della giornata di apertura del 50° Congresso Nazionale della sigla sindacale in corso a Salerno.

«Il sistema sanitario rischia di lacerarsi e mostra sperequazioni sempre più evidenti e pericolose», ha dichiarato Magi, illustrando le proposte del sindacato per evitare che si torni «a 37 anni fa, con un sistema mutualistico e con i fondi sanitari integrativi voluti fortemente e sponsorizzati da alcuni gruppi economici». La ricetta proposta parte dal rilancio del territorio: «Il paziente deve essere preso in carico sul territorio anche in fase acuta nel caso di un previsto ricovero (dove viene precocemente valutato da una equipe composta dal MMG, dallo specialista ambulatoriale e dall’infermiere) entro le 24 ore prima dell’ammissione alla degenza. Successivamente sarà preso in carico in ospedale dallo specialista e l’infermiere ospedaliero per identificarne fabbisogno assistenziale nella fase post-acuta di dimissione», ha spiegato il Segretario.

«Al termine della valutazione si procede alla definizione del Piano di Assistenza Individuale. Elemento imprescindibile per la riuscita del processo è l’attivazione di percorsi clinico-assistenziali per la fase post-acuta di carattere domiciliare (ADI), in strutture residenziali o semiresidenziali (RSA, Centri diurni Alzheimer con letti sollievo etc.) e di Assistenza Domiciliare Ospedaliera (ADO)».

«Ma per facilitare i percorsi assistenziali di integrazione ospedale-territorio – ha aggiunto Magi – bisogna sfruttare le tecnologie informatiche a disposizione per effettuare il monitoraggio e le conseguenti valutazioni clinico assistenziali dei pazienti attraverso la realizzazione di un network di telecomunicazioni che vede coinvolti paziente, MMG, specialista territoriale e ospedale. In questo modo l’assistenza territoriale costituisce un sistema che integra, con i PDTA (Percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali), gli attori dell’assistenza primaria e quelli della specialistica ambulatoriale convenzionata interna, sia territoriale che ospedaliera e, in una prospettiva più ampia, anche le risorse della collettività (welfare di comunità)».

Tuttavia, se «chi va in pensione non verrà sostituito con l’ingresso di nuovi specialisti» l’intero sistema fallirà e la presa in carico dei cronici, dei PDTA, dell’integrazione territorio-ospedale e di tutto il Servizio sanitario nazionale pubblico rischierà di crollare.  Dunque secondo il segretario del Sumai Assoprof «non è più rinviabile la riapertura del naturale turnover, e proponiamo alle Regioni e alle Aziende Sanitarie, senza aggravio di spesa, di ricoprire immediatamente i turni resisi vacanti principalmente in quelle branche che oggi risultano carenti, rispetto al fabbisogno, ed avviare così il processo di presa in carico mediante la pronta attivazione dei PDTA per coprire la necessaria attività di tipo prestazionale, riducendo così le liste di attesa».

Una proposta che non peserebbe ulteriormente sulle casse di Stato e Regioni perché «uno specialista convenzionato che va in quiescenza ha un costo medio orario superiore del 40-50% rispetto ad un giovane neo-assunto – ha precisato Magi. Pertanto con il costo di 38 ore di uno specialista che oggi va in pensione si possono attivare, con la stessa copertura economica, circa 60 ore di specialistica assumendo un giovane specialista».

Ultimo ma non per importanza, il rinnovo del contratto: «In questi 8 anni, dall’ultimo rinnovo economico, è diminuito il potere di acquisto di tutti i medici specialisti e odontoiatri e le condizioni di lavoro sono decisamente e inequivocabilmente peggiorate. Attendiamo dunque nella prossima Legge di Stabilità non solo la certezza di tutti i fondi necessari per i rinnovi contrattuali della dirigenza e delle convenzioni, ma anche risposte concrete a partire dallo sblocco del turnover e dalla stabilizzazione dei precari, superando gli attuali contratti anomali e libero-professionali e a tempo determinato», ha concluso Magi.

Articoli correlati
Acn specialistica ambulatoriale, Magi (Sumai): «Accettate gran parte delle nostre proposte»
Continuano le trattive per il rinnovo dell’Acn 2016-2018 della specialistica ambulatoriale e il SUMAI Assoprof, principale sindacato di categoria, esprime la sua soddisfazione per come stanno procedendo i lavori. In particolare, il segretario Antonio Magi sottolinea come ci sia l’accordo su “buona parte delle nostre proposte”. «Nello specifico uno dei punti su cui abbiamo trovato […]
Scuole di Specializzazione, il nuovo bando discriminati i medici stranieri. Scoppia la polemica
Il nuovo bando pubblicato dal MIUR ha infatti introdotto tra i requisiti per i medici stranieri il possesso del certificazione di lingua italiana C1
Smart working in sanità, Magi (OMCeO Roma): «Una bella scommessa, ma non aumenti la distanza medico-paziente»
Al parziale scetticismo del presidente dell'Ordine dei Medici di Roma si contrappone l'entusiasmo di Carla Cappiello, presidente dell’Ordine degli ingegneri della Capitale: «Le potenzialità sono enormi: lavorare a distanza riuscendo a fornire la stessa qualità del servizio e garantendo la sicurezza dei dati personali consente di risparmiare su tutte le procedure e sopperire a carenze sociali»
di Viviana Franzellitti e Giulia Cavalcanti
Medici, infermieri e psicologi spiegano il biotestamento in un documento: «Opportunità che tutti devono poter cogliere»
“Conoscere la Legge 219/2017” è il frutto di un lavoro lungo due anni, a cui ha partecipato un’equipe multidisciplinare costituita non solo da medici, infermieri e psicologi, rappresentati dai rispettivi Ordini, ma anche sociologi, esperti di bioetica, giornalisti, professori universitari
di Isabella Faggiano
Circoncisioni rituali, Foad Aodi (Amsi): «È problema sanitario e non religioso. Grazie a Vice Ministro Del Re per interessamento»
Sono più di 11mila le circoncisioni fatte da residenti in Italia o senza permesso di soggiorno, di cui 5mila in Italia e 6mila nei paesi di origine. Il presidente dell'Associazione Medici di Origine straniera in Italia: «Bisogna inserirla nei LEA se possibile, altrimenti occorre trovare una soluzione ad hoc per eliminare la responsabilità medico legale di pediatri e anestesisti perché in quella rituale il chirurgo pediatra non accetta di addormentare il bambino sotto i quattro anni»
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...