Lavoro 30 giugno 2014

1° Luglio 2014: oggi al via l’obbligo di POS per i professionisti 

Intervista a Bruno Zuccarelli, presidente OMCeO di Napoli

Immagine articolo

Entra oggi in vigore la legge 15 del 27 febbraio 2014, la quale sancisce che in tutti gli studi professionali dovrà essere consentito il pagamento attraverso carte di debito per importi superiori ai 30 euro.

Una novità che non ha raccolto grande successo tra i professionisti, in particolar modo della sanità. Sul tema Sanità Informazione ha ascoltato il parere del presidente OMCeO di Napoli, Bruno Zuccarelli.

Presidente Zuccarelli, l’obbligo che scatta proprio oggi è un’altra tegola sulla testa dei medici?
Da un lato si tratta di un fatto positivo, perché inserisce un elemento di tracciabilità grazie al quale non si potrà più additare il mondo medico come una categoria professionale a rischio di evasione fiscale. L’evasione è una piaga da combattere, senza dubbio, ed il POS può essere un’arma molto valida. D’altra parte, bisogna comunque ammettere che si tratta anche dell’ennesimo strumento coercitivo che rende i medici sempre più burocrati e li imprigiona nelle maglie di note, circolari, chiarimenti e integrazioni.

Anche il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha sottolineato l’importanza di adeguarsi al cambiamento purché ci sia il meccanismo giusto per farlo.
Quando parliamo di “dematerializzazione” facciamo riferimento a quelle nuove tecnologie che possono migliorare la funzionalità del nostro lavoro. L’importante è che il professionista non si senta imprigionato in una “gabbia dorata”. Molti colleghi, infatti, si lamentano delle troppe tecnologie che, invece di semplificare, richiedono un maggior impiego di risorse per essere gestite. Credo invece che l’obiettivo da raggiungere sia quello di snellire la burocrazia anche nel settore sanitario, affinché il medico faccia più il professionista e meno il burocrate.

Articoli correlati
Obbligo di Pos: nuove tecnologie ed App ancora meglio delle contromisure
Restano le soluzioni con le condizioni più vantaggiose mentre il Governo pensa a sanzioni ed incentivi e nonostante la riduzione dei costi di commissione
In arrivo le sanzioni per far rispettare l’obbligo di Pos 
Si pensa anche ad incentivi per spingere i professionisti ad adeguarsi alla legge
Criticato e non rispettato. Ma con l’obbligo di Pos si combatte l’evasione
Cresce l'esigenza di introdurre le sanzioni non previste dalla legge e le nuove tecnologie offrono già soluzioni per superare le criticità
Obbligo di POS: i medici di famiglia si adeguano alla legge grazie alle nuove tecnologie 
Il segretario della FIMMG Lazio, Bartoletti: "DoctorPay soluzione innovativa, intelligente, senza canone e costi per l'apparecchio
Obbligo di POS: i medici cercano una soluzione low cost 
Secondo un recente sondaggio per l'85% dei professionisti il prodotto ideale è senza canone e costi di attivazione e con il device gratuito
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...