Gli Esperti Rispondono 16 aprile 2018

Uno specializzando può avere la partita IVA?

In linea di principio lo specializzando non può svolgere attività lavorativa e quindi non dovrebbe avere la partita IVA. Ciò posto, non vi sono motivazioni ostative se è richiesta per lo svolgimento delle attività ammesse dalla Legge: sostituzioni a tempo determinato dei medici di medicina generale e guardie mediche notturne, festive e turistiche.

In linea di principio lo specializzando non può svolgere attività lavorativa e quindi non dovrebbe avere la partita IVA. Ciò posto, non vi sono motivazioni ostative se è richiesta per lo svolgimento delle attività ammesse dalla Legge: sostituzioni a tempo determinato dei medici di medicina generale e guardie mediche notturne, festive e turistiche.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...
Formazione

Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi

Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esa...
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...