Gli Esperti Rispondono 19 giugno 2018

Sembra che la mia azienda ospedaliera continui ad applicare la trattenuta del TFS anche se ho optato per il TFR. Come posso ottenere un riscontro effettivo?

A seguito di una verifica sulla mia busta paga, sembrerebbe che l’azienda ospedaliera per la quale lavoro continui ad applicare la trattenuta del TFS anche se effettivamente da anni io ho optato per il TFR. Come posso ottenere un riscontro effettivo? Per una verifica corretta della sua situazione è necessario che lei si rivolga ad […]

A seguito di una verifica sulla mia busta paga, sembrerebbe che l’azienda ospedaliera per la quale lavoro continui ad applicare la trattenuta del TFS anche se effettivamente da anni io ho optato per il TFR. Come posso ottenere un riscontro effettivo?

Per una verifica corretta della sua situazione è necessario che lei si rivolga ad un consulente specializzato che dovrà analizzare la sua documentazione: sicuramente le verrà richiesto di fornire buste paga, contratto di lavoro ed eventualmente anche il documento attestante il passaggio da TFS a TFR. Le ricordiamo, peraltro, che talune aziende, al fine di realizzare gli adeguamenti della struttura retributiva e contributiva conseguenti all’applicazione del TFR, adottano il c.d. meccanismo della “sterilizzazione”, in virtù del quale la retribuzione lorda viene prima ridotta in misura corrispondente al contributo soppresso del 2,5%, (lasciando quindi invariata la retribuzione netta) e, successivamente (per motivi pensionistici e contrattuali), viene incrementata figurativamente (con un importo pari alla citata riduzione).

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila