Gli Esperti Rispondono 12 Gennaio 2016 13:09

Il mondo delle assicurazioni

La responsabilità del medico del Ssn per colpa grave

di Assicurazione
Sono il direttore sanitario di un’azienda ospedaliera lombarda. Ho sottoscritto ormai da qualche anno una polizza per la mia responsabilità professionale per colpa grave aderendo ad una Convenzione promossa dal broker della mia azienda. Alcuni giorni orsono ho ricevuto insieme ad altri colleghi una richiesta di risarcimento per un danno che un paziente afferma di aver subìto a seguito di un intervento chirurgico. Premesso che comunque mi sento nel merito totalmente estraneo al fatto in quanto non ho in alcun modo partecipato all’intervento, comunque è evidente che io non posso rimanere inerte di fronte alla richiesta da me ricevuta. Le chiedo quindi in quale modo io debba agire? Devo informare al mio Assicuratore circa la richiesta ricevuta? Quali cautele nel mio interesse devo mettere in atto?

Lei mi chiede se deve denunciare o meno il fatto. Questo mi fa presumere che Lei ben conosce la portata della sua polizza. Ricordiamola a chi ci sta leggendo: il contenuto della garanzia si fonda sulla norma per la quale il pubblico dipendente è ritenuto responsabile dei propri errori solo in caso di acclarata sua “colpa Grave”. In tal caso la P.A. avrà il diritto, a seguito di una conforme sentenza della Corte dei Conti, di richiedere al dipendente la restituzione di quanto versato al terzo danneggiato. Conformemente la polizza per colpa grave  definisce come sinistro soltanto l’inizio dell’azione della Corte dei conti o dell’Ente di appartenenza nei confronti del medico e non la richiesta di risarcimento del terzo.
È quindi indubitabile che il suo caso al momento non può essere classificato come un sinistro denunciabile a termini della polizza per colpa grave. Questo tuttavia non significa che non sia opportuno comunque informare il suo Assicuratore circa questa circostanza. Contemporaneamente è importante che Lei informi la sua Azienda circa il ricevimento della richiesta. È infatti obbligo contrattuale (CCNL) della Azienda sanitaria Pubblica assisterla nella vicenda, assumendo la sua difesa sia nella fase stragiudiziaria che in quella giudiziaria.
Evidentemente, ove nel futuro Lei fosse citato dalla Corte dei Conti o dalla sua Azienda per il recupero del risarcimento pagato al terzo, allora Lei dovrà tempestivamente denunciare il sinistro al suo Assicuratore.
Rimane un ultimo, importante aspetto da chiarire: quello della attenzione alla persistenza della copertura assicurativa nel tempo. Le polizze infatti hanno una loro durata; vengono stipulate ed hanno un periodo di efficacia alla fine del quale scadono. Orbene, nel caso in cui Lei cambiasse Assicuratore, e quindi stipulasse una nuova polizza, Lei dovrà essere molto attento a verificare che il fatto collegato alla richiesta di risarcimento della quale stiamo parlando non sia escluso dalla copertura della nuova polizza in quanto “circostanza nota al momento della sottoscrizione della polizza”. Esistono infatti ancora in giro polizze che contengono questa fortissima insidia a svantaggio del medico assicurato.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura 

Articoli correlati
Responsabilità professionale, FNO TSRM e PSTRP prepara i professionisti sanitari a diventare CTU e periti
Erogato in modalità FAD, il corso è stato presentato in occasione del webinar tenutosi il 19 marzo scorso al quale hanno partecipato circa  300 professionisti. Con questo corso, la FNO TSRM e PSTRP dà seguito ad un impegno assunto con il Consiglio Superiore della Magistratura e con il Consiglio Nazionale Forense per garantire competenze funzionali alla collaborazione tecnica con l’amministrazione della Giustizia e con gli operatori forensi
Responsabilità professionale e Covid-19, Frittelli: «Proporremo al Parlamento modifiche a Legge Gelli»
Dal Forum Risk Management in sanità arriva la richiesta di adattare la legge Gelli al contesto straordinario dettato dalla pandemia. L'avvocato Hazan: «In questi giorni passi avanti sui decreti attuativi»
Ferie negate, turni massacranti e rischi professionali. Avv. Croce (C&P): «Con emergenza ci si sta allontanando sempre di più dalla legalità»
«Tra i rischi per il personale anche quello di essere coinvolti in azioni collettive di responsabilità contro le strutture sanitarie. Il consiglio è di formalizzare il dissenso con richiamo alle norme di legge applicabili e poi “andare al fronte”»
Tamponi Covid, cosa rischia il medico che ne prescrive troppi (o troppo pochi)? Intervista all’Avv. Hazan
«La Legge Gelli è poco applicabile a questi casi perché si fonda sul rispetto delle linee guida. Ma nel caso del Covid non c’è una comprensione esatta di cosa si debba fare»
Il mistero dei decreti attuativi della Legge Gelli. Misiti (M5S): «Da mesi sollecito il Ministero ma nessuna risposta»
Il deputato e medico M5S racconta a Sanità Informazione i suoi incontri al Ministero della Salute per sbloccare l’impasse su delle norme attese dal 2018: «Ho parlato con FNOMCeO, Anaao e Collegio Italiano dei Chirurghi e tutti si sono detti molto preoccupati per il disinteresse che avvolge il tema». Ma Speranza annuncia un'accelerazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 aprile, sono 136.676.442 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.946.124 i decessi. Ad oggi, oltre 788,19 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...