Gli Esperti Rispondono 2 febbraio 2016

Il mondo delle assicurazioni

La definizione di fatti e circostanze note

di Assicurazione

Sono una ginecologa ed esercito la mia attività presso un’azienda sanitaria della Regione Abruzzo. Nutro alcune perplessità relativamente alla effettiva efficacia della polizza RC professionale per colpa grave dei dipendenti di Aziende Sanitarie Pubbliche che mi è stata recentemente proposta. Nel 2011 ho ricevuto un avviso di garanzia per una notizia di presunto reato denunciato da una paziente che per altro ha presentato anche ricorso avverso la decisione del giudice istruttore  di archiviazione. Questa questione giudiziaria, nella quale sono incolpevolmente incappata, inficia le condizioni di polizza proposte? Ed eventualmente la copertura assicurativa che vado a intraprendere diventerebbe estensibile anche a questa vicenda?

L’assicurazione, come tutti sanno, si basa sul principio dell’ “alea”, cioè sulla inesistenza di fatti dannosi noti all’assicurato precedentemente alla stipula della polizza. La risposta al suo quesito dipende dalle condizioni della polizza per colpa grave che le è stata proposta, in particolare dalla definizione di “Fatti e circostanze note” adottata dalla polizza; in altre parole da cosa l’assicurazione intende per Fatti Noti e quindi riguardo cosa esclude dalle garanzie.

Nel mercato assicurativo esistono infatti due differenti definizioni: la prima versione definisce “fatti e circostanze note” tutti quegli episodi conosciuti dall’assicurato che possono far ragionevolmente presagire la concreta possibilità del successivo arrivo di un sinistro, cioè dell’azione di rivalsa della corte dei conti nei confronti del medico. Se la polizza che le hanno proposto contiene questa definizione allora ne consegue che il suo avviso di garanzia costituisce un motivo contrattuale di esclusione della copertura assicurativa. La seconda versione invece, molto più logica e trasparente definisce come fatti e circostanze note esclusivamente questi eventi:

-L’ invito a dedurre o la citazione in giudizio dell’Assicurato dinanzi alla Corte dei Conti.
-La comunicazione con la quale l’azienda sanitaria o la sua  compagnia di assicurazione manifesta all’assicurato di volersi rivalere nei suoi confronti per danni conseguenti ad un evento, errore od omissione attribuibili a colpa grave.

-La segnalazione inviata all’assicurato dall’azienda sanitaria di aver inoltrato informazione alla Corte dei Conti.

Secondo questa seconda versione l’avviso di garanzia da lei ricevuto non concretizza un fatto o  una circostanza nota. Quindi non esclude ed inficia la sua copertura anche riferita a tale avviso. Ovviamente la compagnia sarà coinvolta nel sinistro solo nel caso in cui l’Ente o la Corte dei conti le notificasse di aver iniziato un’azione nei suoi confronti per l’accertamento della sua colpa grave. Le suggerisco pertanto di chiedere chiarimenti al suo assicuratore ed ancor meglio esaminare direttamente il testo di polizza su questo punto. Le parti del contratto da verificare sono quelle delle Definizioni e quelle delle Esclusioni. Potrà tranquillamente sottoscrivere la polizza solo dopo aver avuto la conferma che questa ha adottato la seconda versione in tema di fatti e circostanze note.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura

Articoli correlati
Responsabilità medica, la FNOPI lancia la polizza assicurativa per gli infermieri con Unipol Sai
La polizza si caratterizza per un massimale di 5 milioni di euro, il prezzo annuale attualmente più basso sul mercato (22 euro) per coprire responsabilità civile professionale, responsabilità patrimoniale, responsabilità civile per colpa grave e per danno erariale
Caso ASL Vercelli, interrogazione di Tiramani (Lega): «Serve legare nomina e revoca direttori ASL a criteri meritocratici»
Corte dei Conti ha deliberato che la Direzione dell’Asl Vercelli non ha ottemperato alle prescrizioni e al rispetto dei termini di bilancio preventivo
Certificati “facili”, per la Corte dei Conti paga anche il medico di famiglia, seppur fuorviato dal paziente
Il medico di base che certifichi l’assenza dal lavoro per malattia senza scrupolose verifiche, ancorché ingannato dal dipendente sulle sue condizioni di salute, può essere dichiarato corresponsabile per il danno erariale: lo ha stabilito la Corte dei Conti
Nel caso di “colpa grave”, il medico del Ssn risponde soltanto all’erario
Sono un anestesista dirigente medico presso un’azienda ospedaliera pubblica. Ho ricevuto, insieme alla mia azienda e a tutta l’equipe, una richiesta di risarcimento da un paziente per presunto danno da esso subito a seguito di un intervento chirurgico al quale io ho partecipato nella mia funzione di anestesista. Il mio assicuratore, al quale mi sono […]
di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...