Gli Esperti Rispondono 9 Febbraio 2016 16:23

Il mondo delle assicurazioni

La copertura dell’attività di telemedicina diagnostica

di Assicurazione

Vi sottopongo una questione in qualità di medico specialista in Radiologia presso una Asl, in merito alla copertura/tutela assicurativa in condizioni di utilizzo di Teleradiologia e di utilizzazione della firma digitale. Qual è la normativa attuale correlata e/o le clausole  cui si devono attenere gli assicuratori per RC professionale per assicurare i propri clienti? alcuni mi hanno risposto che non possono assicurare l’utilizzo nè della Teleradiologia né della firma digitale perché non si può assicurare ciò che non è presente nel Codice di Procedura Civile. Altri non rispondono o dicono di sì senza apparente cognizione di causa. Vi sarei molto grato se poteste chiarirmi la situazione.

La Teleradiologia, con riguardo alla diagnostica, è un’evoluzione tecnologica della Radiologia, ove vengano rispettati tutti i principi relativi ad una coesistenza collaborativa tra il medico radiologo responsabile dell’esame ed il collega responsabile a distanza della refertazione tramite la interpretazione dell’immagine.
Questa sintetica descrizione prova che la Teleradiologia nella sostanza non si differenzia dalla Radiologia salvo per il fatto che la individuazione delle responsabilità e corresponsabilità può risultare più complessa in relazione alla più articolata “filiera diagnostica”. Nel processo sono infatti coinvolti ed interessati tre soggetti: a) il medico che provvede all’esame; b) la struttura che provvede alla trasmissione delle immagini; c) il medico che provvede alla refertazione.
Assunto che sarà sempre esclusa la fattispecie della responsabilità solidale tra i soggetti, non ritengo che i capitolati di polizza oggi presenti sul mercato escludano la copertura assicurativa nei casi di Teleradiologia.
La questione effettiva, in caso di richiesta di risarcimento, riguarderà invece l’accertamento e la imputazione delle responsabilità ad uno o più dei tre soggetti. Dopo aver analizzato in questa prospettiva i testi di polizza di Responsabilità Civile professionale delle compagnie che più sono presenti in questo segmento, posso affermare che non esiste alcuna esclusione esplicita o deduttiva di questa pratica.
Per altro sarebbe auspicabile che, nei futuri testi di polizza, le compagnie regolamentassero la materia sulla quale anche il DDL Gelli, in corso di approvazione in Parlamento ha sentito l’esigenza di fare un rapido riferimento (art. 7 comma 3).
Stessa risposta vale per la questione della firma digitale. Questa, in quanto apposta in osservanza delle norme che la regolano e la qualificano, ha medesima valenza della firma  apposta materialmente sul documento.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura 

Articoli correlati
Vaccino antinfluenzale, Gimbe: «Raccomandato per tutti, ma per 2 persone su 3 nessuna disponibilità in farmacia»
L’analisi della Fondazione Gimbe sul vaccino antinfluenzale dimostra che nella maggior parte delle regioni non ci sono scorte adeguate a soddisfare la domanda. Alcune non possono garantire il 75% di copertura alle categorie a rischio
Responsabilità medica, la FNOPI lancia la polizza assicurativa per gli infermieri con Unipol Sai
La polizza si caratterizza per un massimale di 5 milioni di euro, il prezzo annuale attualmente più basso sul mercato (22 euro) per coprire responsabilità civile professionale, responsabilità patrimoniale, responsabilità civile per colpa grave e per danno erariale
Vaccini, 1° Regione in Italia per copertura morbillo
Il Lazio è l’unica Regione italiana ad aver superato il 95% della copertura vaccinale per il morbillo nella fascia d’età 0-24 mesi. Come si legge sul sito della Regione, nel Lazio è disponibile l’Anagrafe Unica Vaccinale alla quale, ad oggi, risultano registrati 3.100 scuole e istituti per un numero di alunni complessivo pari a oltre 313 mila che […]
Lazio, netto miglioramento su screening oncologici
«Secondo gli ultimi dati, è aumentato nel Lazio sia il numero degli inviti che quello delle adesioni alle campagne di screening oncologici. Nel 2017 gli inviti per gli screening di mammella, cervice uterina e colon retto, sono stati complessivamente 1 milione e 744.148 mila con un numero di adesioni pari a 470 mila e 608». Lo comunica in […]
Legge Gelli, Giorgio Moroni (Aon): «Nodo assicurazioni? I premi stanno diminuendo, ma aspettiamo decreti attuativi»
«La legge agevola il ritorno degli assicuratori in Italia ma questo è fortemente legato all’approvazione dei decreti attuativi». Il parere dell’esperto Giorgio Moroni di Aon, una delle aziende leader nella consulenza dei rischi e delle risorse umane, nell’intermediazione assicurativa e riassicurativa
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...