Gli Esperti Rispondono 19 Agosto 2015

Il mondo delle assicurazioni

La responsabilità contabile amministrativa del medico

di Assicurazione

Sono un medico farmacista responsabile della struttura farmaceutica presente nella mia azienda ospedaliera. Lo scorso anno, a causa sicuramente di una carenza organizzativa interna, alcuni prodotti di particolare valore economico depositati presso la farmacia sono scaduti, e quindi risultati inutilizzabili. La casa farmaceutica non ha acconsentito alla sostituzione, sia a causa dell’eccessivo tempo trascorso e sia perché non si trattava del primo caso. Lo scorso mese ho ricevuto dalla mia azienda ospedaliera un preavviso sul fatto che sarei stato chiamato a rispondere del danno procurato pari al costo di tali farmaci. Ho subito presentato una denuncia alla mia assicurazione, ove sono assicurato per la mia colpa grave. Purtroppo il mio assicuratore mi ha respinto la denuncia, affermando che “non si tratta di un danno fisico o materiale correlato alla mia attività sanitaria”. Credevo di aver stipulato una polizza di responsabilità completa, ma mi accorgo che non lo è affatto. Devo prendermela con gli assicuratori o… con me stesso? 

Lei tocca un tema poco conosciuto ma che emerge ricorrentemente quando un dirigente sanitario del SSN incappa in questo tipo di responsabilità. La situazione è questa: il medico del SSN è un dipendente della pubblica amministrazione. In questa posizione egli risponde dei danni che direttamente o indirettamente può procurare alla sua azienda di appartenenza (limitatamente al caso di colpa grave). I danni che il medico può procurare sono normalmente, in relazione alla sua professione, di natura fisica. Questo è il motivo per il quale l’attenzione si è maggiormente concentrata sulla colpa grave per danno di natura fisica. Ciò non esclude, come detto, che il medico possa essere chiamato a rispondere anche per danni che con la lesione fisica nulla hanno a che vedere. Soprattutto i dirigenti che hanno la responsabilità di gestire beni e risorse umane sono particolarmente esposti a questo tipo di responsabilità che – preciso – è sempre esclusa nella polizza colpa grave. Si tratta proprio del caso che Lei mi ha prospettato. Si è verificato infatti un danno di natura patrimoniale che non è dipeso da un  evento di natura materiale. Alcuni assicuratori, in verità, hanno nel loro listino questa polizza la cui utilità purtroppo, come ho sopra dichiarato, non viene pienamente valutata dai medici, soprattutto da quelli che non sono responsabili di struttura.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura 

Articoli correlati
“Sicurezza delle cure e tutela dei diritti”, appuntamento alla Sapienza. Fineschi (Medicina legale): «Focus su novità legge Gelli»
«Vogliamo dimostrare, dati alla mano, che le strutture che si organizzano con il rischio clinico sono le più virtuose» spiega Vittorio Fineschi, Professore Ordinario di Medicina Legale alla Sapienza di Roma e Responsabile scientifico del convegno insieme alla professoressa Paola Frati
Responsabilità professionale, MISE al lavoro su decreti attuativi legge 24. Gelli: «Contenziosi in diminuzione con risk management»
«Nelle regioni dov’è applicata la Legge si riducono le controversie: finalmente c’è un governo del rischio in sanità e della sicurezza delle cure per i cittadini» ha sottolineato a Sanità Informazione Federico Gelli, relatore della Legge alla Camera e presidente della Fondazione Italia in Salute
Errori in sanità, Riccardo Tartaglia: «Istruire i medici ad una comunicazione ‘difficile’»
«È opportuno che ricevano una specifica formazione sulla comunicazione ‘difficile’ improntata alla massima trasparenza e chiarezza», così il Direttore del Centro Gestione Rischio Clinico Regione Toscana
Nella scelta di un trattamento terapeutico può configurarsi il caso di colpa grave?
Il medico, innanzi a un paziente che deve esser sottoposto a cure, ha libertà di scelta sulla terapia, fermo restando che il paziente deve essere informato e concordare sulla stessa. La scelta, inoltre, deve essere fatta sui metodi e sulle terapie approvate dal mondo scientifico. Qualora il medico scegliesse, in alternativa, un rimedio che non […]
La polizza di responsabilità civile sanitaria garantisce soltanto nei casi di danno fisico?
Sono il direttore di un laboratorio di analisi e ricerca di un Istituto Pubblico. Alcuni giorni orsono ho ricevuto una citazione da un paziente che mi imputa, nella mia qualità di responsabile del laboratorio, la perdita di documentazione sanitaria non ripetibile chiedendomi un risarcimento per il danno subito, valutato di forti dimensioni in quanto l’indisponibilità […]
di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...