Gli Esperti Rispondono 19 Agosto 2015 17:19

Il mondo delle assicurazioni

La responsabilità contabile amministrativa del medico

di Assicurazione

Sono un medico farmacista responsabile della struttura farmaceutica presente nella mia azienda ospedaliera. Lo scorso anno, a causa sicuramente di una carenza organizzativa interna, alcuni prodotti di particolare valore economico depositati presso la farmacia sono scaduti, e quindi risultati inutilizzabili. La casa farmaceutica non ha acconsentito alla sostituzione, sia a causa dell’eccessivo tempo trascorso e sia perché non si trattava del primo caso. Lo scorso mese ho ricevuto dalla mia azienda ospedaliera un preavviso sul fatto che sarei stato chiamato a rispondere del danno procurato pari al costo di tali farmaci. Ho subito presentato una denuncia alla mia assicurazione, ove sono assicurato per la mia colpa grave. Purtroppo il mio assicuratore mi ha respinto la denuncia, affermando che “non si tratta di un danno fisico o materiale correlato alla mia attività sanitaria”. Credevo di aver stipulato una polizza di responsabilità completa, ma mi accorgo che non lo è affatto. Devo prendermela con gli assicuratori o… con me stesso? 

Lei tocca un tema poco conosciuto ma che emerge ricorrentemente quando un dirigente sanitario del SSN incappa in questo tipo di responsabilità. La situazione è questa: il medico del SSN è un dipendente della pubblica amministrazione. In questa posizione egli risponde dei danni che direttamente o indirettamente può procurare alla sua azienda di appartenenza (limitatamente al caso di colpa grave). I danni che il medico può procurare sono normalmente, in relazione alla sua professione, di natura fisica. Questo è il motivo per il quale l’attenzione si è maggiormente concentrata sulla colpa grave per danno di natura fisica. Ciò non esclude, come detto, che il medico possa essere chiamato a rispondere anche per danni che con la lesione fisica nulla hanno a che vedere. Soprattutto i dirigenti che hanno la responsabilità di gestire beni e risorse umane sono particolarmente esposti a questo tipo di responsabilità che – preciso – è sempre esclusa nella polizza colpa grave. Si tratta proprio del caso che Lei mi ha prospettato. Si è verificato infatti un danno di natura patrimoniale che non è dipeso da un  evento di natura materiale. Alcuni assicuratori, in verità, hanno nel loro listino questa polizza la cui utilità purtroppo, come ho sopra dichiarato, non viene pienamente valutata dai medici, soprattutto da quelli che non sono responsabili di struttura.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura 

Articoli correlati
Fumo: 91 esperti scrivono alla commissaria europea per la salute per sollecitare l’applicazione del principio di riduzione del danno
In occasione della Decima Conferenza delle Parti (COP10) che si terrà a Panama dal prossimo 25 Novembre, 91 esperti di salute pubblica e riduzione del danno hanno sottoscritto una lettera inviata alla commissaria europea per la Salute e la sicurezza alimentare, Stella Kyriakides, per sollecitare l’importanza dell’applicazione del principio della riduzione del rischio nella definizione delle politiche pubbliche di contrasto al fumo
Nella scelta di un trattamento terapeutico può configurarsi il caso di colpa grave?
Il medico, innanzi a un paziente che deve esser sottoposto a cure, ha libertà di scelta sulla terapia, fermo restando che il paziente deve essere informato e concordare sulla stessa. La scelta, inoltre, deve essere fatta sui metodi e sulle terapie approvate dal mondo scientifico. Qualora il medico scegliesse, in alternativa, un rimedio che non […]
Colpa grave, novità dalla Cassazione penale
Quando si può parlare di colpa grave? Novità e precisazioni emergono da una recente sentenza della Corte di Cassazione
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Dl Covid, Evangelista (M5S): «Finalmente per operatori sanitari punibilità solo per colpa grave»
«Non si può non tenere conto della situazione e del contesto in cui i nostri sanitari hanno operato durante quest’anno per far fronte al Covid-19» sottolinea la senatrice M5S
“Mi sento bene”, il progetto di inclusività in cui la dermocosmesi specialistica incontra il sociale
La farmacista e cosmetologa Myriam Mazza: «Il nostro lavoro, in sinergia con quello del dermatologo, è la chiave per aiutare le donne a prevenire e trattare patologie cutanee invalidanti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.