Gli Esperti Rispondono 15 Settembre 2015

Il mondo delle assicurazioni

La “disdettabilità” delle polizze di responsabilità professionale per sinistro

di Assicurazione

Sono un odontoiatra libero professionista con oltre venti anni di attività. Dopo vent’anni sono incappato nel primo incidentale professionale. Un mio cliente mi ha chiesto di essere risarcito per un “impianto” da me, a suo dire, installato in maniera scorretta. Ovviamente ho subito denunciato l’accaduto al mio Assicuratore con il quale ho in corso una polizza ormai, con numerose modifiche e aumenti di premio, da oltre dieci anni. Il mio Assicuratore, con inaspettata tempestività, mi ha disdetto la polizza. Preciso che la questione riguarda una richiesta di modeste dimensioni economiche.

In effetti il contratto di assicurazione, compreso quello della Responsabilità medica, è un contratto tra privati. Le regole sono preventivamente stabilite tra le parti e da esse accettate. Quindi, dal punto di vista formale nulla si può eccepire all’Assicuratore. Spesso tuttavia l’Assicuratore fa un uso inopportuno di tale facoltà, come mi sembra nel suo caso.
Tuttavia quando – speriamo presto – l’assicurazione della responsabilità medica obbligatoria avrà regole certe e precise allora avrà efficacia una norma circa la facoltà dell’assicuratore di disdettare le polizze a seguito di sinistro. Infatti la bozza del Decreto Presidenziale – che con ingiustificato ritardo ancora non vede la luce – prevede che la polizza potrà essere disdettata solo dopo la completa definizione di almeno due danni. E, con i ritmi del nostro sistema giudiziario, questa regola sembra garantire una durata a vita intera delle polizze.
Quindi non ci rimane che attendere ed anche sperare che gli Assicuratori, notoriamente abilissimi, non escogitino qualche contromossa a loro vantaggio!

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura 

Articoli correlati
Formazione ECM, ad Aosta prima sanzione verso un odontoiatra inadempiente
Sospensione di tre mesi per un professionista già segnalato anche in Francia per lo stesso motivo. A prevedere sanzioni per chi non si aggiorna sono la legge Lorenzin 3/2017, e prima ancora il decreto legislativo 138 del 2011 che parla di “illecito disciplinare”. AIO: "Chi non si forma si ferma...". Anelli: "Dal 2020 incentivi e sanzioni per aggiornamento ECM"
Due interventi, 13 anestesie e la chemioterapia: il piccolo Ascanio ce l’ha fatta. Curato all’Umberto I
Una storia a lieto fine di buona sanità. È quella di Ascanio, che oggi ha 10 anni e quando ne aveva solo due è stato colpito da un brutto male –  nefroblastoma di Wilms, un cancro raro – e ha dovuto affrontare 13 anestesie, 43 sedute di chemioterapia e due interventi chirurgici.  «Era il febbraio del 2011 – […]
Responsabilità medica, la FNOPI lancia la polizza assicurativa per gli infermieri con Unipol Sai
La polizza si caratterizza per un massimale di 5 milioni di euro, il prezzo annuale attualmente più basso sul mercato (22 euro) per coprire responsabilità civile professionale, responsabilità patrimoniale, responsabilità civile per colpa grave e per danno erariale
Osservatorio Onda, Tumore al seno: centri italiani modelli virtuosi per la cura delle donne
Tempestività nell’assistenza e cura, tempi di attesa contenuti, possibilità di essere seguite da un team multidisciplinare in ogni fase della malattia e di usufruire di percorsi diagnostico-terapeutici strutturati ed efficienti all’interno dell’ospedale. Questi i risultati di un’indagine promossa da Onda e curata dall’Osservatorio Nazionale sulla Salute nelle Regioni Italiane che ha coinvolto 89 Unità Operative […]
Firenze, al Meyer il cane “Budino” scaccia la paura del dentista
L’odontofobia, la paura del dentista, colpisce il 20% dei bambini. E così, all’ospedale pediatrico Meyer di Firenze si è pensato di ricorrere ad un assistente alla poltrona un pò particolare ma molto apprezzato dai bambini. Si chiama Budino, è un meticcio color caramello e aiuta i medici a curare le carie e gli altri problemi dentali dei bambini […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...