Gli Esperti Rispondono 21 settembre 2015

Il mondo delle assicurazioni

Responsabilità e copertura assicurativa per atti dei collaboratori

di Assicurazione

Sono un medico legale libero professionista. Nei giorni scorsi purtroppo si è verificato nel mio studio uno spiacevole episodio. Un mio collaboratore, in mia assenza, ha avuto una fortissima discussione con un cliente degenerata in reciproche contumelie. Il cliente lamentava il fatto che il mio collaboratore avesse smarrito una documentazione sanitaria irripetibile ed indispensabile nell’ istruttoria di una pratica di risarcimento. Preciso che fino ad oggi non vi è stato alcun seguito, anche se il cliente ha minacciato platealmente di adire le vie legali. Le chiedo: sono responsabile per l’eventuale comportamento erroneo del mio collaboratore? La polizza di responsabilità civile professionale copre questa eventualità?

Certamente. In sede civile lei risponde dei comportamenti dolosi o colposi messi in atto dai suoi collaboratori durante l’attività presso il suo studio. Altra cosa invece è la sede penale per la quale la responsabilità è personale e non trasmissibile. Quanto poi alla sussistenza della copertura per tali eventi nelle polizze di responsabilità professionale la risposta è parimenti positiva. In genere, ma non sempre, le polizze di RC professionale coprono i danni procurati dai collaboratori del contraente/assicurato nell’esercizio della loro attività presso quest’ultimo.

Nel suo caso tuttavia il tema deve essere ulteriormente analizzato. Infatti l’eventuale danno procurato al cliente dal suo collaboratore appare essere di natura patrimoniale (per effetto dello smarrimento della documentazione) e non di natura fisico/materiale. Orbene temo che la sua polizza, come la grande maggioranza, limiti la copertura ai soli danni fisici/materiali. Nel suo caso c’è stato, sembra di capire, un danno di natura patrimoniale senza alcun danno fisico.

In conclusione la copertura della sua polizza è valida solo nel caso in cui la garanzia è estesa: ai comportamenti colposi o dolosi dei collaboratori; ai danni di natura patrimoniale procurati senza che si sia verificato un danno fisico/materiale.

Le suggerisco di fare questa verifica anche con l’aiuto del suo assicuratore quanto meno per adeguare la polizza per il futuro.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura 

Articoli correlati
Diritti dei medici e novità legislative: istituzioni a confronto in Senato
Il 18 settembre Sanità Informazione organizza un confronto con i principali esponenti del mondo politico e sanitario sui principali problemi dei camici bianchi alla luce delle ultime novità giuridiche e delle più recenti sentenze che interessano il settore. Coinvolti giuristi, membri del Governo ed esponenti di tutti gli schieramenti parlamentari
Responsabilità professionale, Magi (OMCeO Roma): «La legge ha vulnus, ma l’unione fa la forza, colmiamo mancanze con confronto»
A più di un anno dall’entrata in vigore della legge Gelli, il Presidente dei camici bianchi romani traccia un bilancio: «La norma ha trasformato il campo della sicurezza delle cure, incertezze procedurali fisiologiche»
Biotestamento, Federico Gelli (Pd): «Fondamentale per costruire alleanza terapeutica. Obiezione di coscienza forse inutile»
«Non c’è terapia che possa essere efficace senza piena condivisione tra medico e paziente» così il Responsabile Sanità del Partito Democratico e relatore alla Camera del provvedimento sul consenso informato
Frittelli (Federsanità ANCI): «È tempo di una nuova riforma del sistema sanitario»
La Presidente commenta anche il fenomeno delle aggressioni al personale sanitario, evidenziando la necessità di ricomporre la frattura creatasi tra medici e cittadini. Si dice infine preoccupata per il ritardo nell’adozione dei decreti mancanti per attuare la legge sulla responsabilità professionale
Responsabilità professionale, Gelli: «La Legge 24/17 ha costruito un ponte tra diritto e sanità»
«La Legge ha ottenuto un ottimo riscontro anche in altri Paesi. C'è chi vuole trarre esempio dall’Italia e districare la questione». Così l'ex deputato al convengo in Cassazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...