Gli Esperti Rispondono 21 Settembre 2015

Il mondo delle assicurazioni

Responsabilità e copertura assicurativa per atti dei collaboratori

di Assicurazione

Sono un medico legale libero professionista. Nei giorni scorsi purtroppo si è verificato nel mio studio uno spiacevole episodio. Un mio collaboratore, in mia assenza, ha avuto una fortissima discussione con un cliente degenerata in reciproche contumelie. Il cliente lamentava il fatto che il mio collaboratore avesse smarrito una documentazione sanitaria irripetibile ed indispensabile nell’ istruttoria di una pratica di risarcimento. Preciso che fino ad oggi non vi è stato alcun seguito, anche se il cliente ha minacciato platealmente di adire le vie legali. Le chiedo: sono responsabile per l’eventuale comportamento erroneo del mio collaboratore? La polizza di responsabilità civile professionale copre questa eventualità?

Certamente. In sede civile lei risponde dei comportamenti dolosi o colposi messi in atto dai suoi collaboratori durante l’attività presso il suo studio. Altra cosa invece è la sede penale per la quale la responsabilità è personale e non trasmissibile. Quanto poi alla sussistenza della copertura per tali eventi nelle polizze di responsabilità professionale la risposta è parimenti positiva. In genere, ma non sempre, le polizze di RC professionale coprono i danni procurati dai collaboratori del contraente/assicurato nell’esercizio della loro attività presso quest’ultimo.

Nel suo caso tuttavia il tema deve essere ulteriormente analizzato. Infatti l’eventuale danno procurato al cliente dal suo collaboratore appare essere di natura patrimoniale (per effetto dello smarrimento della documentazione) e non di natura fisico/materiale. Orbene temo che la sua polizza, come la grande maggioranza, limiti la copertura ai soli danni fisici/materiali. Nel suo caso c’è stato, sembra di capire, un danno di natura patrimoniale senza alcun danno fisico.

In conclusione la copertura della sua polizza è valida solo nel caso in cui la garanzia è estesa: ai comportamenti colposi o dolosi dei collaboratori; ai danni di natura patrimoniale procurati senza che si sia verificato un danno fisico/materiale.

Le suggerisco di fare questa verifica anche con l’aiuto del suo assicuratore quanto meno per adeguare la polizza per il futuro.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura 

Articoli correlati
Marco Camisani Calzolari spiega la blockchain in Sanità: «Renderà tutto molto più trasparente»
A Milano il convegno “Responsabilità professionale e arbitrato della salute” è stata l'occasione per presentare tutte le potenzialità in campo sanitario della nuova tecnologia
Rischio clinico e contenzioso, Paola Frati (Medicina legale): «Promuovere formazione di qualità per implementare buone pratiche»
«C’è un costante aumento delle denunce penali contro i medici ma oltre il 60% vanno subito in archiviazione. Se poi seguiamo i processi, un altro 25% sono assoluzioni. Non si arriva al 10% di condanne penali ai sanitari» così il professor Vittorio Fineschi a margine del convegno organizzato all’Università Sapienza di Roma
Magi (OMCeO Roma): «Collaborazione con sindaco Raggi per affrontare affollamento Pronto soccorso»
Intervenuto al convegno “La sicurezza delle cure e la tutela dei diritti”, organizzato all’Università Sapienza di Roma, il presidente dell’Ordine aggiunge: «In arrivo i decreti attuativi della Legge Gelli, che tranquillizzeranno gli operatori e comporteranno risparmi economici»
Legge Gelli, contenziosi in aumento. Cascini (Fond. Italia in Salute): «Gestione del rischio ancora incompiuta»
A più di due anni dall’entrata in vigore della legge 24 sulla responsabilità professionale, il rapporto della Fondazione Italia in Salute registra un aumento dei contenziosi tra medici e pazienti. La responsabile del programma di ricerca Fidelia Cascini: «Non sono causati da malasanità, ma da meccanismi di mercato ancora non governati»
Responsabilità professionale, rischio clinico e gestione del contenzioso: torna l’annuale appuntamento alla Sapienza
«L’idea è quella di coinvolgere più professionalità e aprire un dialogo importantissimo fra specialisti e operatori tecnici che entrano nel merito della gestione del contenzioso e del rischio clinico» spiega Paola Frati, professore ordinario di Medicina legale alla Sapienza di Roma e Responsabile scientifico del convegno insieme al professor Vittorio Fineschi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...