Gli Esperti Rispondono 12 ottobre 2015

Il mondo delle assicurazioni

L’esclusione della garanzia della polizza relativamente ai “fatti noti”

di Assicurazione

Sono un medico chirurgo e presto la mia opera collaborando con alcune strutture sanitarie private specialmente nell’area della gastroenterologia. Ho in corso ormai da 5 anni una polizza di responsabilità civile professionale con una delle prime compagnie italiane. Di recente ho ricevuto una richiesta di risarcimento relativamente a presunti danni da me procurati ad un paziente a seguito di un intervento chirurgico alla cistifellea risalente addirittura ad 8 anni fa. Ho trasmesso, insieme alla copia della lettera di risarcimento, tutta la documentazione custodita da me e dalla clinica. Non avevo dubbi circa l’efficacia della mia polizza in quanto l’evento si collocava nel periodo  di “retroattività” di cinque anni previsto nel contratto. Invece ho ricevuto una brutta sorpresa. Dalla documentazione che ho trasmesso all’Assicuratore emergerebbe che io ero a conoscenza, precedentemente alla sottoscrizione della polizza, del fatto che poi ha generato la richiesta di risarcimento e che conseguentemente l’assicurazione non sarebbe operante. Mi spiega come stanno effettivamente le cose?

In via di principio la posizione dell’Assicuratore è corretta e sostenibile. L’assicurazione è, come dicono gli addetti ai lavori, un contratto a contenuto aleatorio; in sostanza esso si fonda sull’ “alea”, sull’incertezza di un accadimento futuro ( ovvero, nel caso dell’efficacia retroattiva, anche precedente). Se manca l’incertezza manca anche l’essenza sulla quale si fonda l’assicurazione. Questo in via di principio. Nella pratica poi è opportuno verificare se il profilo ed il grado della “notorietà” sia tale da qualificarlo capace di rendere non efficace la copertura assicurativa. In passato, ad esempio, è stato giudicato non sufficiente il ricevimento – e quindi la conoscenza – di una semplice lamentela del paziente per un disturbo post-operatorio. A tale fine le consiglio di verificare con un esperto la documentazione, ed eventualmente contestare all’Assicuratore la sua posizione. In generale suggerisco di fare “uno sforzo di memoria” e dichiarare nella proposta tutti i fatti che si ritiene siano rilevanti ai fini dei “fatti noti”. In questo modo si inizierà il rapporto in maniera chiara. L’assicuratore infatti ne prenderà atto decidendo quali escludere e quali assumere in copertura.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura 

Articoli correlati
Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi
C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’erario più di 16 miliardi. Il senatore Antonio De Poli: «Pronto disegno di legge per un accordo che farà risparmiare 5 miliardi»
Errori in sanità, Riccardo Tartaglia: «Istruire i medici ad una comunicazione ‘difficile’»
«È opportuno che ricevano una specifica formazione sulla comunicazione ‘difficile’ improntata alla massima trasparenza e chiarezza», così il Direttore del Centro Gestione Rischio Clinico Regione Toscana
Gastroenterologia, ecco la videocapsula ingeribile. Diagnosi più accurata a costi ridotti
La capsula endoscopica è oggi la soluzione diagnostica più moderna, sicura e tecnologicamente avanzata disponibile per la visualizzazione dell’apparato digerente e in particolare del piccolo intestino (composto da duodeno, digiuno e ileo). Ciononostante, a sedici anni dal suo ingresso in Italia e dopo un’importante evoluzione tecnologica, risulta ancora sottoutilizzata: circa 7.500 casi l’anno contro i […]
Legge Gelli, Giorgio Moroni (Aon): «Nodo assicurazioni? I premi stanno diminuendo, ma aspettiamo decreti attuativi»
«La legge agevola il ritorno degli assicuratori in Italia ma questo è fortemente legato all’approvazione dei decreti attuativi». Il parere dell’esperto Giorgio Moroni di Aon, una delle aziende leader nella consulenza dei rischi e delle risorse umane, nell’intermediazione assicurativa e riassicurativa
Tassi Usurari, Corte d’Appello di Roma condanna banca. Clienti potranno chiedere risarcimento
Nuova sentenza di condanna verso una banca per tassi usurari. I giudici della Corte d’Appello di Roma hanno bocciato l’istanza presentata dalla difesa di un noto Istituto di Credito, confermando in sostanza la sentenza emessa in primo grado dal Tribunale Civile di Terracina. Il problema tra banca e i correntisti che hanno intentato la causa […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...