Gli Esperti Rispondono 12 Ottobre 2015 16:07

Il mondo delle assicurazioni

L’esclusione della garanzia della polizza relativamente ai “fatti noti”

di Assicurazione

Sono un medico chirurgo e presto la mia opera collaborando con alcune strutture sanitarie private specialmente nell’area della gastroenterologia. Ho in corso ormai da 5 anni una polizza di responsabilità civile professionale con una delle prime compagnie italiane. Di recente ho ricevuto una richiesta di risarcimento relativamente a presunti danni da me procurati ad un paziente a seguito di un intervento chirurgico alla cistifellea risalente addirittura ad 8 anni fa. Ho trasmesso, insieme alla copia della lettera di risarcimento, tutta la documentazione custodita da me e dalla clinica. Non avevo dubbi circa l’efficacia della mia polizza in quanto l’evento si collocava nel periodo  di “retroattività” di cinque anni previsto nel contratto. Invece ho ricevuto una brutta sorpresa. Dalla documentazione che ho trasmesso all’Assicuratore emergerebbe che io ero a conoscenza, precedentemente alla sottoscrizione della polizza, del fatto che poi ha generato la richiesta di risarcimento e che conseguentemente l’assicurazione non sarebbe operante. Mi spiega come stanno effettivamente le cose?

In via di principio la posizione dell’Assicuratore è corretta e sostenibile. L’assicurazione è, come dicono gli addetti ai lavori, un contratto a contenuto aleatorio; in sostanza esso si fonda sull’ “alea”, sull’incertezza di un accadimento futuro ( ovvero, nel caso dell’efficacia retroattiva, anche precedente). Se manca l’incertezza manca anche l’essenza sulla quale si fonda l’assicurazione. Questo in via di principio. Nella pratica poi è opportuno verificare se il profilo ed il grado della “notorietà” sia tale da qualificarlo capace di rendere non efficace la copertura assicurativa. In passato, ad esempio, è stato giudicato non sufficiente il ricevimento – e quindi la conoscenza – di una semplice lamentela del paziente per un disturbo post-operatorio. A tale fine le consiglio di verificare con un esperto la documentazione, ed eventualmente contestare all’Assicuratore la sua posizione. In generale suggerisco di fare “uno sforzo di memoria” e dichiarare nella proposta tutti i fatti che si ritiene siano rilevanti ai fini dei “fatti noti”. In questo modo si inizierà il rapporto in maniera chiara. L’assicuratore infatti ne prenderà atto decidendo quali escludere e quali assumere in copertura.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura 

Articoli correlati
Dall’incidente alla rinascita: la storia di Marco Dolfin, il chirurgo paraplegico diventato campione di nuoto
Nel 2011 un terribile incidente lo ha costretto sulla sedia a rotelle. Oggi Marco Dolfin è un plurimedagliato campione di nuoto e continua ad operare al San Giovanni Bosco di Torino. Cruciale l’incontro con il chirurgo Paolo Anibaldi, paraplegico dall’età di 17 anni. La storia raccontata dal fratello Alberto nel libro “Iron Mark”
Legge Gelli: a che punto siamo? Siciliano (Tribunale Milano): «Medici da tutelare»
Troppe denunce nei confronti dei camici bianchi. Per il procuratore Tiziana Siciliano occorre incidere sulle cause ingiustificate e pretestuose finalizzate al risarcimento. Rossi (OMCeO Milano): «Non archiviato solo l’8% delle denunce, e di queste molte si concludono con l’assoluzione in sede penale»
di Federica Bosco
Big Data e ambiente, Desideri (ISS): «Il 30% delle cause di mortalità per tumore sono da ricondurre agli stili di vita»
«L’ambiente di vita e di lavoro deve essere al centro delle politiche del sistema sanitario pubblico» ha evidenziato Enrico Desideri, Presidente Fondazione ISS, a margine del congresso Big Data in Health di cui Sanità Informazione è stata media partner. E sul diritto dei cittadini ad intraprendere azioni legali per la mancata tutela della salute: «I cittadini devono alzare la voce e farsi sentire»
Dall’Italia al Senegal, il racconto del chirurgo Antonia Lisa Petrella: «Piuttosto che aspettare un contratto, ho scelto la cooperazione internazionale»
«La differenza di genere esiste ed io non avevo voglia di fare una guerra che qualcun altro aveva già vinto». Sottolinea il chirurgo milanese che con l’associazione “Step forward” sta lavorando alla realizzazione di una “Casa della Santé” in Senegal
di Federica Bosco
Tribunale della Salute, De Paolis (SIC): «In Italia sempre meno chirurghi, colpa dei contenziosi. Bene camera di compensazione per arginarli»
I giovani non vogliono fare i chirurghi perché demotivati dai rischi professionali e dalle conseguenze giuridiche. Questa la fotografia che emerge dall’intervista a Paolo De Paolis, presidente della Società Italiana di Chirurgia
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 19 gennaio, sono 95.577.274 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.041.098 i decessi. Ad oggi, oltre 40,4 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Ho...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...