Gli Esperti Rispondono 12 Ottobre 2015

Il mondo delle assicurazioni

L’esclusione della garanzia della polizza relativamente ai “fatti noti”

di Assicurazione

Sono un medico chirurgo e presto la mia opera collaborando con alcune strutture sanitarie private specialmente nell’area della gastroenterologia. Ho in corso ormai da 5 anni una polizza di responsabilità civile professionale con una delle prime compagnie italiane. Di recente ho ricevuto una richiesta di risarcimento relativamente a presunti danni da me procurati ad un paziente a seguito di un intervento chirurgico alla cistifellea risalente addirittura ad 8 anni fa. Ho trasmesso, insieme alla copia della lettera di risarcimento, tutta la documentazione custodita da me e dalla clinica. Non avevo dubbi circa l’efficacia della mia polizza in quanto l’evento si collocava nel periodo  di “retroattività” di cinque anni previsto nel contratto. Invece ho ricevuto una brutta sorpresa. Dalla documentazione che ho trasmesso all’Assicuratore emergerebbe che io ero a conoscenza, precedentemente alla sottoscrizione della polizza, del fatto che poi ha generato la richiesta di risarcimento e che conseguentemente l’assicurazione non sarebbe operante. Mi spiega come stanno effettivamente le cose?

In via di principio la posizione dell’Assicuratore è corretta e sostenibile. L’assicurazione è, come dicono gli addetti ai lavori, un contratto a contenuto aleatorio; in sostanza esso si fonda sull’ “alea”, sull’incertezza di un accadimento futuro ( ovvero, nel caso dell’efficacia retroattiva, anche precedente). Se manca l’incertezza manca anche l’essenza sulla quale si fonda l’assicurazione. Questo in via di principio. Nella pratica poi è opportuno verificare se il profilo ed il grado della “notorietà” sia tale da qualificarlo capace di rendere non efficace la copertura assicurativa. In passato, ad esempio, è stato giudicato non sufficiente il ricevimento – e quindi la conoscenza – di una semplice lamentela del paziente per un disturbo post-operatorio. A tale fine le consiglio di verificare con un esperto la documentazione, ed eventualmente contestare all’Assicuratore la sua posizione. In generale suggerisco di fare “uno sforzo di memoria” e dichiarare nella proposta tutti i fatti che si ritiene siano rilevanti ai fini dei “fatti noti”. In questo modo si inizierà il rapporto in maniera chiara. L’assicuratore infatti ne prenderà atto decidendo quali escludere e quali assumere in copertura.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura 

Articoli correlati
Big Data e ambiente, Desideri (ISS): «Il 30% delle cause di mortalità per tumore sono da ricondurre agli stili di vita»
«L’ambiente di vita e di lavoro deve essere al centro delle politiche del sistema sanitario pubblico» ha evidenziato Enrico Desideri, Presidente Fondazione ISS, a margine del congresso Big Data in Health di cui Sanità Informazione è stata media partner. E sul diritto dei cittadini ad intraprendere azioni legali per la mancata tutela della salute: «I cittadini devono alzare la voce e farsi sentire»
Dall’Italia al Senegal, il racconto del chirurgo Antonia Lisa Petrella: «Piuttosto che aspettare un contratto, ho scelto la cooperazione internazionale»
«La differenza di genere esiste ed io non avevo voglia di fare una guerra che qualcun altro aveva già vinto». Sottolinea il chirurgo milanese che con l’associazione “Step forward” sta lavorando alla realizzazione di una “Casa della Santé” in Senegal
di Federica Bosco
Tribunale della Salute, De Paolis (SIC): «In Italia sempre meno chirurghi, colpa dei contenziosi. Bene camera di compensazione per arginarli»
I giovani non vogliono fare i chirurghi perché demotivati dai rischi professionali e dalle conseguenze giuridiche. Questa la fotografia che emerge dall’intervista a Paolo De Paolis, presidente della Società Italiana di Chirurgia
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Medicina difensiva, Rampelli (UIF): «Medico sottoposto a ‘tiro al piccione’. Occorre modificare questo habitat mentale»
«Serve un intervento legislativo per aiutare le strutture sanitarie a districarsi in caso di necessità. Legge Gelli utile ma va completata», così a Sanità Informazione Elisabetta Rampelli, presidente nazionale Unione Italiana Forense
Spot risarcimenti, il Garante apre la pratica ma il precedente è contro i medici…
Attesa a giorni la valutazione dell'Istituto dell'Autodisciplina Pubblicitaria di Rai, Mediaset e degli altri editori. Tra richieste di ritiro dello spot da tutte le emittenti e le scuse da parte della Rai, la polemica sullo spot con Enrica Bonaccorti che sollecita azioni legali contro la malasanità non è ancora chiusa. E il 16 gennaio il presidente della FNOMCeO Filippo Anelli incontrerà il Consiglio nazionale forense
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...