Gli Esperti Rispondono 1 dicembre 2015

Il mondo delle assicurazioni

Facciamo chiarezza sulla definizione degli “atti invasivi”

di Assicurazione

Sono un cardiologo ambulatoriale ed ho stipulato alcuni anni fa una polizza di responsabilità civile professionale. La mia polizza esclude la copertura degli “atti invasivi” definiti come quegli atti che comportano la cruentazione dei tessuti. Solo qualche tempo fa mi sono reso conto che questa esclusione poteva mettere in forse la effettiva garanzia riguardo alcuni interventi che fanno parte routinaria della mia attività (per esempio: l’applicazione di un pace maker ovvero una angioplastica). Ho chiesto quindi al mio Assicuratore un chiarimento più approfondito circa il termine “Atto invasivo”. La risposta è stata sconfortante in quanto l’Assicuratore si è limitato a ribadire la definizione prevista in polizza. Le chiedo un suggerimento circa il modo per avere un’idea chiara circa la efficacia della mia polizza.

Molti assicuratori, al fine di contenere il costo delle polizze, hanno inteso creare una categoria di mezzo tra la mera attività diagnostica/terapeutica di carattere prettamente farmacologico e quella di natura chirurgica. Altri invece hanno circoscritto la limitazione degli atti invasivi alla sola attività diagnostica assimilando in una unica tipologia terapeutica (comprensiva degli atti invasivi) l’attività chirurgica. Questa ultima soluzione ha creato una ulteriore area di incertezza; si pensi a quando un’attività diagnostica si tramuta nel corso della sua esecuzione in attività terapeutica (vedi l’esempio della Gastroscopia).
Insomma l’intento di circoscrivere e delimitare in maniera chiara il rischio coperto non ha prodotto il risultato atteso creando nuovi motivi di conflitto tra assicurato ed assicuratore. La caratteristica della “cruentazione dei tessuti” infatti nella pratica non è risultata un valido parametro. Ad esempio: quale differenza c’è – in base a questo parametro –  tra una puntura endovenosa ed una puntura lombare? In termini di cruentazione non c’è differenza Eppure molti Assicuratori considerano atto invasivo solo la seconda tipologia e non la prima; sembra quindi che all’elemento oggettivo della “cruentazione” l’Assicuratore abbia aggiunto un secondo fattore meramente soggettivo: la unilaterale valutazione circa la pericolosità dell’intervento.
Esiste quindi solo una soluzione al problema: identificare la effettiva attività svolta dal medico/assicurato e quindi dichiararla in maniera analitica nella proposta di polizza, quel documento che è parte integrante della polizza stessa. Ogni specialista conosce bene tutte le attività diagnostiche e terapeutiche che svolge. E’ suo dovere ed interesse rappresentarle all’assicuratore e quindi ottenere una copertura adeguata, anche a rischio di pagare un premio più elevato.
Le suggerisco quindi di attivarsi in questo modo, anche in corso di contratto, richiedendo all’Assicuratore il completo allineamento della polizza alle attività che dichiarerà in maniera analitica ed incontrovertibile.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura 

Articoli correlati
Diritti dei medici e novità legislative: istituzioni a confronto in Senato
Il 18 settembre Sanità Informazione organizza un confronto con i principali esponenti del mondo politico e sanitario sui principali problemi dei camici bianchi alla luce delle ultime novità giuridiche e delle più recenti sentenze che interessano il settore. Coinvolti giuristi, membri del Governo ed esponenti di tutti gli schieramenti parlamentari
Responsabilità professionale, Magi (OMCeO Roma): «La legge ha vulnus, ma l’unione fa la forza, colmiamo mancanze con confronto»
A più di un anno dall’entrata in vigore della legge Gelli, il Presidente dei camici bianchi romani traccia un bilancio: «La norma ha trasformato il campo della sicurezza delle cure, incertezze procedurali fisiologiche»
Biotestamento, Federico Gelli (Pd): «Fondamentale per costruire alleanza terapeutica. Obiezione di coscienza forse inutile»
«Non c’è terapia che possa essere efficace senza piena condivisione tra medico e paziente» così il Responsabile Sanità del Partito Democratico e relatore alla Camera del provvedimento sul consenso informato
Frittelli (Federsanità ANCI): «È tempo di una nuova riforma del sistema sanitario»
La Presidente commenta anche il fenomeno delle aggressioni al personale sanitario, evidenziando la necessità di ricomporre la frattura creatasi tra medici e cittadini. Si dice infine preoccupata per il ritardo nell’adozione dei decreti mancanti per attuare la legge sulla responsabilità professionale
Responsabilità professionale, Gelli: «La Legge 24/17 ha costruito un ponte tra diritto e sanità»
«La Legge ha ottenuto un ottimo riscontro anche in altri Paesi. C'è chi vuole trarre esempio dall’Italia e districare la questione». Così l'ex deputato al convengo in Cassazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila