Gli Esperti Rispondono 1 Dicembre 2015

Il mondo delle assicurazioni

Facciamo chiarezza sulla definizione degli “atti invasivi”

di Assicurazione

Sono un cardiologo ambulatoriale ed ho stipulato alcuni anni fa una polizza di responsabilità civile professionale. La mia polizza esclude la copertura degli “atti invasivi” definiti come quegli atti che comportano la cruentazione dei tessuti. Solo qualche tempo fa mi sono reso conto che questa esclusione poteva mettere in forse la effettiva garanzia riguardo alcuni interventi che fanno parte routinaria della mia attività (per esempio: l’applicazione di un pace maker ovvero una angioplastica). Ho chiesto quindi al mio Assicuratore un chiarimento più approfondito circa il termine “Atto invasivo”. La risposta è stata sconfortante in quanto l’Assicuratore si è limitato a ribadire la definizione prevista in polizza. Le chiedo un suggerimento circa il modo per avere un’idea chiara circa la efficacia della mia polizza.

Molti assicuratori, al fine di contenere il costo delle polizze, hanno inteso creare una categoria di mezzo tra la mera attività diagnostica/terapeutica di carattere prettamente farmacologico e quella di natura chirurgica. Altri invece hanno circoscritto la limitazione degli atti invasivi alla sola attività diagnostica assimilando in una unica tipologia terapeutica (comprensiva degli atti invasivi) l’attività chirurgica. Questa ultima soluzione ha creato una ulteriore area di incertezza; si pensi a quando un’attività diagnostica si tramuta nel corso della sua esecuzione in attività terapeutica (vedi l’esempio della Gastroscopia).
Insomma l’intento di circoscrivere e delimitare in maniera chiara il rischio coperto non ha prodotto il risultato atteso creando nuovi motivi di conflitto tra assicurato ed assicuratore. La caratteristica della “cruentazione dei tessuti” infatti nella pratica non è risultata un valido parametro. Ad esempio: quale differenza c’è – in base a questo parametro –  tra una puntura endovenosa ed una puntura lombare? In termini di cruentazione non c’è differenza Eppure molti Assicuratori considerano atto invasivo solo la seconda tipologia e non la prima; sembra quindi che all’elemento oggettivo della “cruentazione” l’Assicuratore abbia aggiunto un secondo fattore meramente soggettivo: la unilaterale valutazione circa la pericolosità dell’intervento.
Esiste quindi solo una soluzione al problema: identificare la effettiva attività svolta dal medico/assicurato e quindi dichiararla in maniera analitica nella proposta di polizza, quel documento che è parte integrante della polizza stessa. Ogni specialista conosce bene tutte le attività diagnostiche e terapeutiche che svolge. E’ suo dovere ed interesse rappresentarle all’assicuratore e quindi ottenere una copertura adeguata, anche a rischio di pagare un premio più elevato.
Le suggerisco quindi di attivarsi in questo modo, anche in corso di contratto, richiedendo all’Assicuratore il completo allineamento della polizza alle attività che dichiarerà in maniera analitica ed incontrovertibile.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura 

Articoli correlati
Responsabilità e Covid-19, Gelli: «Decreti attuativi legge 24 e scudo per tutelare professionisti sanitari»
Manca solo la firma del ministro Patuanelli per completare l’iter dei decreti attuativi della legge Gelli. E intanto iniziano ad arrivare le prime richieste di risarcimento dai familiari delle vittime del Covid. Il presidente della Fondazione Italia in Salute: «Serve norma ad hoc»
Responsabilità e Covid, l’avvocato: «Si applichi il Codice Civile e i medici risponderanno solo per dolo o colpa grave»
Per Federico Gelli andrebbe istituito un fondo nazionale per indennizzi e risarcimenti. Poi spinge sull’approvazione dei decreti attuativi della legge 24. Ecco come è andato il webinar “Sanità – Cosa imparare dall’esperienza Covid-19”
di Tommaso Caldarelli
Responsabilità professionale e Covid-19, come proteggere medici e operatori? Reazioni e proposte dal mondo della sanità
Tutti d’accordo sull'attenuazione della responsabilità per i professionisti, ma divide l’estensione del provvedimento ai vertici amministrativi. Magi (OMCeO Roma): «No a colpi di spugna». Quici (CIMO-FESMED): «Ecco perché sarebbe incostituzionale». Vergallo (AAROI-EMAC): «Non possiamo pagare per responsabilità altrui»
Covid-19, il Codacons lancia un questionario per accertare le responsabilità dei decessi: medici nel mirino?
«Il parente dopo quanto tempo dall’arrivo in ospedale è stato visitato al triage? Poi è stato ricoverato in reparto? È stato sottoposto al tampone o ad accertamenti diagnostici quali rx torace e saturimetro?». Queste alcune domande rivolte ai cittadini
Coronavirus in corsia, come può tutelarsi legalmente il medico? Le risposte degli esperti
In quali casi si verifica una responsabilità della struttura se un medico che lavora in essa viene contagiato dal Covid-19? E cosa può fare per ottenere un risarcimento, nel caso in cui non siano state prese tutte le precauzioni del caso? Le risposte degli Avvocati Guido Molinari e Andrea Marziale, Partners dello Studio Legale e Tributario Quorum
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...