Gli Esperti Rispondono 1 dicembre 2015

Il mondo delle assicurazioni

Facciamo chiarezza sulla definizione degli “atti invasivi”

di Assicurazione

Sono un cardiologo ambulatoriale ed ho stipulato alcuni anni fa una polizza di responsabilità civile professionale. La mia polizza esclude la copertura degli “atti invasivi” definiti come quegli atti che comportano la cruentazione dei tessuti. Solo qualche tempo fa mi sono reso conto che questa esclusione poteva mettere in forse la effettiva garanzia riguardo alcuni interventi che fanno parte routinaria della mia attività (per esempio: l’applicazione di un pace maker ovvero una angioplastica). Ho chiesto quindi al mio Assicuratore un chiarimento più approfondito circa il termine “Atto invasivo”. La risposta è stata sconfortante in quanto l’Assicuratore si è limitato a ribadire la definizione prevista in polizza. Le chiedo un suggerimento circa il modo per avere un’idea chiara circa la efficacia della mia polizza.

Molti assicuratori, al fine di contenere il costo delle polizze, hanno inteso creare una categoria di mezzo tra la mera attività diagnostica/terapeutica di carattere prettamente farmacologico e quella di natura chirurgica. Altri invece hanno circoscritto la limitazione degli atti invasivi alla sola attività diagnostica assimilando in una unica tipologia terapeutica (comprensiva degli atti invasivi) l’attività chirurgica. Questa ultima soluzione ha creato una ulteriore area di incertezza; si pensi a quando un’attività diagnostica si tramuta nel corso della sua esecuzione in attività terapeutica (vedi l’esempio della Gastroscopia).
Insomma l’intento di circoscrivere e delimitare in maniera chiara il rischio coperto non ha prodotto il risultato atteso creando nuovi motivi di conflitto tra assicurato ed assicuratore. La caratteristica della “cruentazione dei tessuti” infatti nella pratica non è risultata un valido parametro. Ad esempio: quale differenza c’è – in base a questo parametro –  tra una puntura endovenosa ed una puntura lombare? In termini di cruentazione non c’è differenza Eppure molti Assicuratori considerano atto invasivo solo la seconda tipologia e non la prima; sembra quindi che all’elemento oggettivo della “cruentazione” l’Assicuratore abbia aggiunto un secondo fattore meramente soggettivo: la unilaterale valutazione circa la pericolosità dell’intervento.
Esiste quindi solo una soluzione al problema: identificare la effettiva attività svolta dal medico/assicurato e quindi dichiararla in maniera analitica nella proposta di polizza, quel documento che è parte integrante della polizza stessa. Ogni specialista conosce bene tutte le attività diagnostiche e terapeutiche che svolge. E’ suo dovere ed interesse rappresentarle all’assicuratore e quindi ottenere una copertura adeguata, anche a rischio di pagare un premio più elevato.
Le suggerisco quindi di attivarsi in questo modo, anche in corso di contratto, richiedendo all’Assicuratore il completo allineamento della polizza alle attività che dichiarerà in maniera analitica ed incontrovertibile.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura 

Articoli correlati
Contenziosi pazienti-operatori sanitari, Nicola Titta (Anep): «Bene Arbitrato, professioni siano coinvolte. E per la Formazione si lavori su Codice deontologico»
Il Presidente dell’Associazione Nazionale educatori professionali guarda positivamente alla proposta lanciata dal gruppo Consulcesi su una camera di conciliazione per gestire l’enorme mole di ricorsi: «Registriamo tante aggressioni»
Contenziosi, Roberto Zazza (UIF): «Medici e avvocati troppo spesso ‘vittima’ di cittadini delusi dall’insuccesso. È un problema culturale…»
Parla il Direttore Nazionale Centro Studi UIF: «Troppi contenziosi alimentati strumentalmente. Anche noi avvocati denunciati da clienti che non accettano di perdere…»
Responsabilità medica, la FNOPI lancia la polizza assicurativa per gli infermieri con Unipol Sai
La polizza si caratterizza per un massimale di 5 milioni di euro, il prezzo annuale attualmente più basso sul mercato (22 euro) per coprire responsabilità civile professionale, responsabilità patrimoniale, responsabilità civile per colpa grave e per danno erariale
Legge Gelli. Senatori (Ageo): «Responsabilità medico-legale libere professioni sia equiparata a dipendenti. Non siamo medici di serie B»
Il presidente del XVIII Congresso dell'Associazione Ginecologi Extra Ospedalieri: «Con chirurghi plastici, ortopedici e anestesisti siamo i professionisti più a rischio contenzioso». Aumenta disaffezione alla professione: «Recenti bandi di concorso andati deserti o quasi»
di Isabella Faggiano
Diritti dei medici e novità legislative: istituzioni a confronto in Senato
Il 18 settembre Sanità Informazione organizza un confronto con i principali esponenti del mondo politico e sanitario sui principali problemi dei camici bianchi alla luce delle ultime novità giuridiche e delle più recenti sentenze che interessano il settore. Coinvolti giuristi, membri del Governo ed esponenti di tutti gli schieramenti parlamentari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...