Gli Esperti Rispondono 7 Dicembre 2015 16:08

Il mondo delle assicurazioni

Clinica privata e collaboratore: a chi spetta assicurarsi?

di Assicurazione

Sono un giovane anestesista. Opero a tempo pieno presso una clinica privata. Tuttavia il mio rapporto è regolamentato da un contratto di collaborazione. Sono quindi una c.d. “partita Iva”. Mi chiedo a chi spetti l’onere di assicurare la mia responsabilità professionale sanitaria.

Allo stato attuale tale incombenza spetta a Lei. Infatti dal punto di vista formale, pur essendo il suo un rapporto nella sostanza di lavoro subordinato, Lei opera come un libero professionista. Attualmente l’obbligo di assicurazione previsto dal Contratto Nazionale di lavoro si riferisce ovviamente ai soli dipendenti, trascurando la posizione degli altri operatori sanitari. Capisco che si tratta di una situazione assai iniqua. Le do tuttavia una, parziale, buona notizia. La proposta di legge presentata dall’on. Federico Gelli, attualmente in discussione e che dovrebbe essere approvata nel contesto della legge di stabilità, farà obbligo anche alle strutture private di estendere la copertura assicurativa ad ogni tipo di prestazione sanitaria ivi comprese quelle libero professionali.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura

Articoli correlati
Covid, Fondazione Italia in Salute: «Visite cancellate o rimandate per il 52% degli italiani»
Il 64% della popolazione ha timore degli ospedali. Dalla ricerca sui risvolti sanitari e psicologici della pandemia in Italia emerge anche il cambio di abitudini di vita: 2 persone su 3 hanno smesso di prendere i mezzi pubblici
Gelli (Fondazione Italia In Salute): «Per il post Covid, 10mila medici in più. Mes occasione da non perdere»
«Dovremo da una parte aumentare la dotazione di posti letto per non rimanere in coda alle classifiche europee, e dall'altra procedere a nuove assunzioni. Vanno poi rinnovate le tecnologie per lo più obsolete che abbiamo nei nostri ospedali e risolto una volta per tutte il problema dell'imbuto formativo». Così il presidente della Fondazione Italia in Salute, Federico Gelli
Covid-19: per la fase 2 arriva il vademecum di prevenzione di ConfCultura redatto dalla Fondazione Italia in Salute
«In vista dell’approssimarsi di una possibile riapertura dei luoghi della cultura, con il passaggio alla “fase 2” dell’emergenza da Covid-19, ConfCultura mette a disposizione di musei e operatori un prontuario con le linee guida per la prevenzione del contagio, formulato dagli esperti della Fondazione Italia in Salute, il cui comitato scientifico è presieduto dal Prof. […]
Coronavirus, Fondazione Italia in Salute al Governo: «Ora legge su responsabilità medici durante emergenza»
La proposta appoggiata anche da Federsanità e Fiaso. Il presidente Gelli: «Il coraggio di chi mette in gioco la propria vita deve essere tutelato»
Responsabilità professionale: legge in Aula e confronto a tutto campo tra il relatore Gelli e gli ospedali privati
L’iter del Ddl alle ultime fasi per il consenso definitivo. Il responsabile sanità del Pd e relatore della legge alla Camera dialoga con l’Aiop, che chiedeva maggiore coinvolgimento e ora punta su «una evoluzione culturale per contrastare la malpractice»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 giugno, sono 176.273.244 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.812.157 i decessi. Ad oggi, oltre 2,37 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...