Gli Esperti Rispondono 15 Marzo 2016

Il mondo delle assicurazioni

Un caso tipico di responsabilità solidale

di Assicurazione

Sono un oculista e fino a qualche tempo fa ho svolto la mia attività, consistente in piccoli interventi, presso una clinica specializzata. Io e la struttura siamo stati condannati in solido a risarcire un paziente per un caso di infezione oculare verificatosi a seguito di un intervento di cataratta. A prescindere dal fatto che io non mi sento assolutamente responsabile per il danno procurato al paziente in quanto solo la struttura, e non io, curava la gestione sia della strumentazione che della camera operatoria, si è aggiunta una ulteriore conseguenza  per me negativa. La mia compagnia di assicurazione si è rifiutata di risarcire il danno in forza di una clausola prevista nella mia polizza che esclude la operatività della garanzia in caso di condanna solidale dei responsabili. In aggiunta io non so come muovermi in questa complessa situazione anche in quanto  la società che gestiva la struttura sanitaria è stata posta in liquidazione. Chiedo se la risposta del mio assicuratore sia corretta ed in ogni modo come devo comportarmi per tutelare i miei interessi.

La posizione assunta dal suo Assicuratore è a mio parere legittima. La sua polizza infatti garantisce esclusivamente la sua responsabilità individuale e non quella di terzi che per altro l’Assicuratore non conosce e dei quali non garantiva il rischio professionale. Non resta che appellare la sentenza, chiamando in manleva il suo assicuratore ove questo si defilasse, con l’obiettivo di vedersi riconosciuta la propria estraneità all’evento dannoso, richiedendo contestualmente la sospensiva della sua esecuzione.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura 

Articoli correlati
Piano nazionale liste d’attesa, Grasselli (FVM): «No a inutili semplificazioni, le cause sono molteplici»
Anche la FVM (Federazione Veterinari-Medici-Farmacisti e Dirigenti Sanitari) si unisce al coro di dissenso con il quale tutte le sigle sindacali della dirigenza medica hanno bocciato il Piano Nazionale per la gestione delle liste di attesa.  «Il problema delle liste di attesa esiste da molti anni e ha sicuramente più di una causa, ma proprio per […]
Salute pubblica, Giulia Grillo e Adelmo Lusi (Comandante Carabinieri Nas) presentano un anno di attività
Si terrà domani, martedì, 5 febbraio alle ore 10, presso la sede dei Carabinieri NAS – viale dell’Aeronautica, n. 122 a Roma – la conferenza stampa del ministro della Salute, Giulia Grillo e del Comandante dei Carabinieri per la Tutela della Salute, Generale D. Adelmo Lusi. «I Carabinieri per la tutela della salute hanno effettuato, […]
Responsabilità medica, la FNOPI lancia la polizza assicurativa per gli infermieri con Unipol Sai
La polizza si caratterizza per un massimale di 5 milioni di euro, il prezzo annuale attualmente più basso sul mercato (22 euro) per coprire responsabilità civile professionale, responsabilità patrimoniale, responsabilità civile per colpa grave e per danno erariale
“Avvocati e medici. I profili delle responsabilità e le strategie difensive”. L’evento formativo a Roma
Il 24 gennaio 2019, dalle ore 10 alle ore 15,30, l’Aula Europa della Corte D’Appello di Roma ospiterà il convegno formativo “Avvocati e medici. I profili delle responsabilità e le strategie difensive” organizzato dall’UIF (Unione Italiana Forense) e dall’OMCeO Roma (Ordine Provinciale di Roma dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri) con il contributo del Centro Ortopedico Romano. Il programma dell’evento […]
Legge Gelli, Giorgio Moroni (Aon): «Nodo assicurazioni? I premi stanno diminuendo, ma aspettiamo decreti attuativi»
«La legge agevola il ritorno degli assicuratori in Italia ma questo è fortemente legato all’approvazione dei decreti attuativi». Il parere dell’esperto Giorgio Moroni di Aon, una delle aziende leader nella consulenza dei rischi e delle risorse umane, nell’intermediazione assicurativa e riassicurativa
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Morto Mattia Torre, l’ultima intervista a Sanità Informazione

E’ morto a Roma, in seguito ad una lunga malattia, Mattia Torre, attore, scrittore, autore e sceneggiatore di teatro cinema e tv (tra l’altro della fortunata serie Boris). Aveva 47 anni ed...
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti