Gli Esperti Rispondono 15 Marzo 2016

Il mondo delle assicurazioni

Un caso tipico di responsabilità solidale

di Assicurazione

Sono un oculista e fino a qualche tempo fa ho svolto la mia attività, consistente in piccoli interventi, presso una clinica specializzata. Io e la struttura siamo stati condannati in solido a risarcire un paziente per un caso di infezione oculare verificatosi a seguito di un intervento di cataratta. A prescindere dal fatto che io non mi sento assolutamente responsabile per il danno procurato al paziente in quanto solo la struttura, e non io, curava la gestione sia della strumentazione che della camera operatoria, si è aggiunta una ulteriore conseguenza  per me negativa. La mia compagnia di assicurazione si è rifiutata di risarcire il danno in forza di una clausola prevista nella mia polizza che esclude la operatività della garanzia in caso di condanna solidale dei responsabili. In aggiunta io non so come muovermi in questa complessa situazione anche in quanto  la società che gestiva la struttura sanitaria è stata posta in liquidazione. Chiedo se la risposta del mio assicuratore sia corretta ed in ogni modo come devo comportarmi per tutelare i miei interessi.

La posizione assunta dal suo Assicuratore è a mio parere legittima. La sua polizza infatti garantisce esclusivamente la sua responsabilità individuale e non quella di terzi che per altro l’Assicuratore non conosce e dei quali non garantiva il rischio professionale. Non resta che appellare la sentenza, chiamando in manleva il suo assicuratore ove questo si defilasse, con l’obiettivo di vedersi riconosciuta la propria estraneità all’evento dannoso, richiedendo contestualmente la sospensiva della sua esecuzione.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura 

Articoli correlati
«La formazione manageriale come nudge per il SSN e per il post Covid»
di Marinella D’Innocenzo, Direttore Generale ASL Rieti e coordinatrice del Corso di formazione manageriale Direttori di Struttura complessa Istituto “Arturo Carlo Jemolo”
Responsabilità medica, la FNOPI lancia la polizza assicurativa per gli infermieri con Unipol Sai
La polizza si caratterizza per un massimale di 5 milioni di euro, il prezzo annuale attualmente più basso sul mercato (22 euro) per coprire responsabilità civile professionale, responsabilità patrimoniale, responsabilità civile per colpa grave e per danno erariale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 dicembre, sono 63.894.184 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.480.709 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 1 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli