Gli Esperti Rispondono 8 Marzo 2016

Il mondo delle assicurazioni

L’importanza di una copertura efficace anche dopo il pensionamento
 

di Assicurazione

Sono un medico  cardiologo interventista del SSN ; il prossimo giugno andrò in pensione per vecchiaia. Sono un po’ preoccupato, pur non avendo sentore di alcun fatto a rischio, di essere coinvolto nel futuro in richieste di risarcimento  per fatti anche molto “antichi”. Ho notato infatti che molto spesso le richieste di risarcimento arrivano dopo molti anni dalla data dell’evento. Io sono assicurato con una vecchia polizza stipulata nel 2005 nella quale non si fa cenno a questo tipo di copertura successiva al pensionamento. Cosa mi suggerisce di fare per risolvere questo problema che, non lo nego, mi sta creando un po’ di ansia?

Mi spiace confermarle che la sua polizza è veramente superata ! In effetti attualmente tutte le polizze di responsabilità sanitaria, con modalità e  costi diversi, prevedono la accensione della copertura ultrattiva, quella cioè che prosegue in caso di interruzione volontaria o per pensionamento della propria attività professionale. In primo luogo le ricordo che lei, in quanto pubblico dipendente risponde limitatamente ai casi di sua colpa grave accertata e per i quali i termini di prescrizione sono di anni 5. Pertanto Lei, per essere completamento sereno, deve fornirsi di una copertura postuma ( cioè con effetto successivo al pensionamento) di 5 anni.

Ciò premesso, le soluzioni che le propongo sono le seguenti: 1)Attivarsi presso la sua compagnia affinchè inserisca nella polizza la garanzia Postuma per anni 5. Credo che, a prescindere dal costo, la compagnia non possa sottrarsi alla sua richiesta in considerazione del fatto che la garanzia è compresa nelle nuove versioni  di tutte  polizze oggi disponibile nel mercato. 2) Rivolgersi, nel caso la prima alternativa non fosse praticabile, ad un altro assicuratore ed acquistare una polizza che preveda la garanzia postuma. Su questo punto, se lei ha sempre operato presso il SSN senza alcune attività libero professionale, le suggerisco di acquistare una polizza limitata alla colpa grave che di norma prevede sempre la garanzia postuma gratuita per 5 anni. Questa polizza ha un costo relativamente modesto ed ha tutto quello che le serve. Concludo suggerendo a tutti i medici che si apprestano a varcare la soglia della pensione  di prestare attenzione per tempo a questo tema. Cioè, insieme alla pratica della pensione, leggete attentamente la clausola  della vostra polizza relativa alla Postuma e quindi attivatevi presso la vostra compagnia al fine di conservare la piena  efficacia della garanzia.

Ennio Profeta – consulente SanitAssicura 

Articoli correlati
Covid-19 e responsabilità medica, D’Elia (Procura Roma): «Mi chiedo se legge Gelli sia adeguata all’emergenza»
Nel confronto su Covid e responsabilità medica tra medici, avvocati e giuristi dell’Università Cattolica e Fondazione Policlinico A. Gemelli, si prospettano i possibili scenari del contenzioso medico legale post-epidemia
Cura Italia, Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Vergognosi emendamenti che vogliono ridimensionare la responsabilità dei datori di lavoro»
Il Presidente del Maxi Ordine delle Professioni sanitarie TSRM e PSTRP Alessandro Beux contesta alcuni emendamenti al Dl Cura Italia sull’emergenza coronavirus: «Questa emergenza ha dei responsabili anche tra i decisori politici e gli amministratori. Entrambi dovranno farsene carico»
Un libro mette sotto la lente di ingrandimento la responsabilità degli operatori sanitari
Vito Tenore, consigliere della Corte dei Conti lombarda e autore dello studio sulla responsabilità disciplinare, civile, penale e amministrativo contabile del personale sanitario: «La legge Gelli tutela medici e pazienti, ma bisogna elaborare le linee guida»
di Federica Bosco
Responsabilità sanitaria, Cassazione deposita 10 decisioni. Gelli: «Presa una posizione chiara per risolvere alcuni contrasti»
I temi trattati riguardano aspetti come l’onere probatorio nella responsabilità contrattuale sanitaria, la rivalsa della struttura verso il medico, la lesione del diritto all'autodeterminazione terapeutica
Responsabilità professionale, Frati: «Documentazione sanitaria dimostra la competenza del medico e aiuta difesa»
La professoressa Paola Frati, Professore Ordinario di Medicina Legale alla Sapienza di Roma, ha fatto il punto su criticità e nuove prospettive della Legge Gelli a margine del 121° Congresso Nazionale della Società Italiana di Chirurgia
di Cesare Buquicchio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco