Gli Esperti Rispondono 1 Febbraio 2021 16:53

Anni fa sono stato imputato in un processo per l’omicidio colposo di un paziente. Mi hanno assolto, ma la notizia è presente ancora su molti siti web senza l’esito a me favorevole. Cosa posso fare?

In questi casi è possibile agire per esercitare il diritto alla cancellazione sancito dall’art. 17 del GDPR, più volte in questi ultimi anni e in diversi provvedimenti (vedi n. 34 del 13 febbraio 2020 – n. 154 del 24 luglio 2019 – n. 144 del 20 giugno 2019) il Garante della Privacy ha precisato che […]

In questi casi è possibile agire per esercitare il diritto alla cancellazione sancito dall’art. 17 del GDPR, più volte in questi ultimi anni e in diversi provvedimenti (vedi n. 34 del 13 febbraio 2020 – n. 154 del 24 luglio 2019 – n. 144 del 20 giugno 2019) il Garante della Privacy ha precisato che il trattamento di dati giudiziari (fra i quali rientrano anche le informazioni dalle quali si evince la qualità di imputato) quando non aggiornati sono fuorvianti ed in contrasto con i principi di esattezza ed aggiornamento dei dati espressamente previsti dal Regolamento, nonché con quanto affermato nelle Linee Guida. Dunque, affidandosi ad un legale specializzato in questa materia potrà con buone probabilità ottenere la cancellazione di queste informazioni.

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 agosto, sono 587.500.701 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.427.422 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale