Giovani 9 Agosto 2016 09:55

Specializzazioni, online le graduatorie di un concorso che non quadra

Arrivano le tanto attese graduatorie delle Scuole di Specializzazione in Medicina che determinano chi, tra gli oltre 13mila candidati, può proseguire il suo percorso. Report dei giovani medici di SIGM e CNAS sulle criticità riscontrate e proposte al Miur per riorganizzare la prova

Arrivano le tanto attese graduatorie delle Scuole di Specializzazione in Medicina che determinano chi, tra gli oltre 13mila candidati, può proseguire il suo percorso. Sono state infatti pubblicate nella tarda serata di giovedì 11 sul sito www.universitaly.it. Per gli oltre 6mila esclusi inizia ora la ricerca di una strada alternativa per esercitare la professione di medico. Il pensiero però non può che tornare alle torride giornate di luglio in cui si è svolto il Concorso. Un concorso che continua a far discutere e che ha spinto la principale realtà di riferimento dei giovani medici, il SIGM, insieme al Comitato Nazionale Aspiranti Specializzandi, a scrivere una decisa presa di posizione chiedendo al Miur e al Governo di rivedere le modalità di un esame che al suo terzo anno presenta ancora tante, troppe falle: dalla parcellizzazione delle sedi, alle disomogeneità tecnico-organizzative, dal carattere eccessivamente nozionistico dei quesiti alla mancanza di una graduatoria unica nazionale.

Insomma, il test è ormai alle spalle, ma nelle ultime ore che precedono le graduatorie è impossibile non ripensare alle prove di metà luglio: “Si poteva fare di più e meglio!”, “Ho fatto il massimo.”, “Sono stato sfortunato” e ovviamente “Questo sistema di selezione non funziona, va cambiato”. Attraverso i social network i giovani medici aspiranti specializzandi, dopo aver condiviso ogni dettaglio dei test, ora si scambiano commenti e opinioni (vedi la guida di Studenti.it su come funzionano graduatorie e ammissioni delle scuole di specializzazione in medicina).

Già tempo, insomma, di un primo bilancio. Come quello fatto dalla principale realtà di riferimento dei giovani medici, il SIGM che, insieme al Comitato Nazionale Aspiranti Specializzandi (CNAS), ha aspettato che la tensione post-test si stemperasse per proporre la sua analisi e soprattutto tornare a chiedere al MIUR un cambio di rotta con proposte concrete e articolate. SIGM e CNAS avevano scritto al Ministero dell’Istruzione già a febbraio avanzando una serie di proposte alla luce di un sondaggio fatto tra i candidati delle ultime due edizioni del concorso in cui erano emerse tutte le criticità della prova. La “diagnosi” verteva su una eccessiva parcellizzazione delle sedi, disomogeneità tecnico-organizzative, carattere eccessivamente nozionistico dei quesiti e la mancanza di una graduatoria unica nazionale.

Pur sottolineando «passi avanti rispetto le passate edizioni», i Giovani Medici hanno riscontrato ancora criticità sull’organizzazione del test, in primis perché dislocato in oltre 450 sedi in tutta Italia, ma anche comportamenti scorretti (utilizzo di smartphone, smartwatch e auricolari) e punteggi molto alti rispetto alla media nazionale in determinate aule. «Questo – sottolineano – impone una seria riflessione, dopo ben tre edizioni concorsuali, a maggior ragione che, in maniera incomprensibile, è il terzo anno consecutivo che vengono disattese le rimostranze e le richieste dei giovani medici aspiranti specializzandi: sbagliare è lecito, ma perseverare è diabolico». Da qui la proposta: «Dopo tre anni, il permanere dello stato delle cose non è più tollerabile e quindi via ad iniziative di protesta atte a sensibilizzare le Istituzioni, Governo e MIUR in testa, al fine di ottenere, finalmente, una selezione dei futuri specialisti e dirigenti del Servizio Sanitario Nazionale priva di ombre e pienamente meritocratica. L’aspettativa è che il Ministro Giannini ci ascolti e che il MIUR lavori da subito al perfezionamento dell’organizzazione delle selezioni, dedicandovi i giusti investimenti che merita un concorso nazionale che coinvolge ogni anno non meno di 12.000 medici e che seleziona la futura dirigenza medica del SSN».

Insomma, le criticità (ormai croniche) non vengono affrontate e si ripetono puntuali ad ogni nuova edizione del test, così come ogni anno si solleva, da parte degli esclusi, la volontà di ottenere giustizia (e la riammissione) attraverso l’unica arma al momento a loro disposizione contro le ingiustizie di un sistema che ormai non quadra più: i ricorsi.

Articoli correlati
Riparte il confronto Fnopi-Regioni: «Aumentare gli infermieri nel corpo docente delle università»
Le Regioni hanno accolto le proposte della Federazione: fabbisogno formativo, specializzazioni e contratto i temi discussi
Test Specializzazioni, restano non assegnate le borse per Urgenza e Rianimazione
Nonostante due anni di pandemia, i giovani medici non scelgono volentieri Pronto Soccorso e Rianimazione come specializzazioni. 456 e 166 i posti vacanti nelle due discipline, anche se si attende lo scorrimento. Perché? Si lavora tanto, non si fa carriera e si rischiano aggressioni
Entro il 2023 38mila nuovi specialisti. Di Silverio (Anaao): «Regioni chiariscano criteri per fabbisogno o rischiamo disoccupati di lusso»
La Conferenza Stato-Regioni ha stanziato quasi 39mila borse di specializzazione in tre anni. Supereremo così l'imbuto formativo? Di Silverio (Anaao Giovani) si rallegra ma esprime i suoi dubbi: «Come sono stati calcolati?»
Giovani medici dagli atenei ai reparti Covid. Buonauro (OMCeO Napoli): «Impreparati a gestire l’emergenza»
L’allarme del coordinatore dell'Osservatorio giovani medici di Napoli: «La laurea abilitante ha questa grande criticità, e a questo si somma il pasticcio burocratico del blocco dei contratti di specializzazione»
Il caos delle scuole di specializzazione in area sanitaria. Cosa sta succedendo
Il Mur spiega che «il Consiglio di Stato, in merito ai ricorsi di taluni candidati al Concorso nazionale per l'accesso dei medici alle Scuole di Specializzazione di area sanitaria per l'a.a. 2019/2020, ha imposto il rinvio della procedura in corso»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 settembre, sono 228.557.439 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.692.079 i decessi. Ad oggi, oltre 5,9 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco