Formazione 28 ottobre 2016

Un SMS per regalare “Accoglienza e Sorrisi”

Su RaiUno la missione di Emergenza Sorrisi in Burkina Faso. Abenavoli: «I medici ci sono, mancano materiali e mezzi per operare». Restituire un sorriso ai bambini affetti da malformazione facciale come il labbro leporino. Ecco la missione del professore Fabio Massimo Abenavoli presidente di Emergenza Sorrisi. Per aiutare i volontari fino al 30 ottobre è attiva la campagna “Accoglienza e Sorrisi” SMS solidali dal valore di 2 Euro al numero 45520

«Il nostro obiettivo: ridare il sorriso e la dignità alle famiglie e ai bambini che soffrono». Così esordisce il professione Fabio Massimo Abenavoli ai microfoni di Uno mattina, parlando del progetto Emergenza Sorrisi in Burkina Faso. Abenavoli, specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva e Chirurgia Maxillo-Facciale, è fondatore e presidente di Emergenza Sorrisi, organizzazione non governativa che sta guidando la missione in Africa occidentale per fronteggiare l’emergenza labbro leporino e altre malattie invalidanti. «Ci rechiamo in paesi dove la sanità, peraltro molte volte a pagamento, non ha le risorse per operare, non ci sono medici né strutture. Quello che facciamo è andare a portare aiuto a chi ne ha bisogno ma soprattutto formiamo i medici locali per insegnare loro a fronteggiare queste emergenze».

La missione in Burkina è partita il 17 ottobre insieme alla formazione del personale sanitario locale, «un progetto molto bello – racconta Abenavoli – Grazie anche al supporto della Federazione Nazionale dell’Ordine dei Medici e di Consulcesi Onlus. Il nostro fine è quello di creare in questi paesi in difficoltà una precisa organizzazione che rimanga operativa anche dopo la nostra partenza. I medici locali devono partecipare attivamente non solo durante la missione, ma devono continuare a seguire gli insegnamenti anche dopo».

«Servono solo 200 euro per operare un bambino – precisa Abenavoli – I nostri medici sono tutti volontari e infermieri che gratuitamente danno il loro supporto di altissima professionalità, quello che serve sono soprattutto i materiali e i mezzi per operare». Emergenza Sorrisi dal 2007 ha aiutato quasi 4mila bambini migliorando le loro condizioni di vita. Per sostenere il loro impegno è già attiva fino al 30 ottobre la campagna “Accoglienza e Sorrisi” durante la quale inviare sms solidali dal valore di 2 Euro al 45520 da cellulari Tim, Vodafone, Wind, 3 e Tiscali; è possibile anche donare 2 o 5 Euro chiamando il 45520 da rete fissa Telecom Italia, Infostrada, Fastweb, Tiscali oppure 5 euro chiamando da rete fissa il 45520 per clienti Vodafone.

«Siamo anche in Kurdistan, in Iraq, in Benin e Togo – prosegue il professore -. Presto saremo anche in Siria, dove c’è una grossa necessità di medici ovviamente collegata a quella che è la situazione locale dove i bambini e non solo, sono in grave difficoltà. Quindi andremo a dare una mano anche in quei territori».

Per saperne di più leggi anche Labbro leporino, missione dei medici italiani in Burkina Faso: «Qui per regalare un sorriso ai bambini»

 

Articoli correlati
Formazione, nasce il corso ECM residenziale “empatia e burnout”
L’empatia come strumento per la prevenzione del Burnout è il tema del corso residenziale che si svolgerà in una location unica – la Casa del Divin Maestro – ad Ariccia, a pochi chilometri da Roma. Domandarsi la funzione dell’esercizio empatico nell’ambito delle professioni socio-sanitarie è come domandarsi la funzione dei libri all’interno di una biblioteca. Il concetto […]
Formazione, Paola Kruger: «Il paziente esperto è un valore aggiunto per il medico, non un contrasto»
«Essere un paziente esperto significa saper interloquire con gli altri stakeholders allo stesso livello e con un linguaggio scientifico che serve per veicolare le istanze da paziente nella maniera più corretta e autorevole» così Paola Kruger, Paziente Esperto EUPATI
Sciopero medici, la voce degli studenti: «Senza programmazione e finanziamenti il nostro futuro è drammatico»
Blocco del turnover, imbuto formativo e precarietà sono solo alcune delle ragioni che hanno spinto tanti studenti di medicina e specializzandi a supportare lo sciopero di venerdì scorso indetto dalla dirigenza medica e sanitaria: «Per noi studenti diventa sempre più complesso capire se avremo un futuro nell’ambito della sanità»
Pazienti ‘esperti’, al via 1° corso EUPATI in italiano. Buccella (Accademia Pazienti): «Al servizio società per migliorare approcci terapeutici»
«Io ho un figlio con distrofia di Duchenne e mi sono serviti 25 anni per apprendere le nozioni di cui avevo bisogno per assisterlo al meglio. Con il corso è necessario solo un anno per una formazione completa». Così Filippo Buccella, Presidente dell’Accademia
di Serena Santi e Viviana Franzellitti
Firenze, al Meyer lo spettacolo di Natale per sostenere il progetto “Bambini nel mondo”
Un Bolero per l’Africa: uno spettacolo di musica, parole e scienza per supportare un progetto di solidarietà. L’Università di Firenze, Fondazione Meyer e Azienda Ospedaliero-Universitaria Meyer promuovono lo spettacolo che andrà in scena lunedì 3 dicembre al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino (ore 20.30). L’obiettivo è raccogliere fondi per “Bambini nel mondo”, il progetto della Fondazione Meyer che […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...