Salute 18 ottobre 2016

Labbro leporino, missione dei medici italiani in Burkina Faso: «Qui per regalare un sorriso ai bambini»

Ogni anno nel mondo 170mila bambini nascono con malformazioni al volto. “Emergenza Sorrisi” e Consulcesi Onlus offrono assistenza medica e formazione per il personale sanitario in Africa Occidentale. Intervista al dottor Massimo Abenavoli: «Impegno rivolto sia ai medici che ai piccoli pazienti. Creiamo le condizioni perché i Paesi in via di sviluppo lavorino per la dignità e la serenità dei bambini e delle loro famiglie»

Garantire una vita migliore ai bambini del Burkina Faso. Ecco la missione dei 369 medici e infermieri di Emergenza Sorrisi, organizzazione umanitaria formata da volontari che si adoperano per la cura di bambini colpiti da labbro leporino e altre patologie invalidanti. La missione è partita il 17 ottobre insieme alla formazione del personale sanitario locale. Il progetto vede la partecipazione di Consulcesi Onlus, che da sempre mette a disposizione le proprie risorse per fronteggiare emergenze umanitarie.

Secondo i dati raccolti dall’Organizzazione delle Nazioni Unite, il Burkina Faso si colloca fra le nazioni con le aspettative di vita più basse. Ogni anno nascono 170.000 bambini con malformazioni al volto, in particolare, il labbro leporino.

«L’importanza di questa missione in Burkina Faso è direttamente proporzionale al dramma che ogni giorno vivono i bambini affetti da malformazioni». Spiega Fabio Massimo Abenavoli, specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva e Chirurgia Maxillo-Facciale, fondatore e Presidente di Emergenza Sorrisi, che guiderà la missione insieme al dottor Stefano Morelli, medico di Terapia Intensiva Cardiochirurgica dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù. «Dal 2007 come organizzazione lavoriamo in numerosi Paesi in Medioriente e Africa e sempre con l’impegno dei nostri volontari che gratuitamente offrono la loro elevata professionalità, medici, infermieri, tutti specialisti con un grande bagaglio di umanità». «Il nostro impegno è per i bambini, ma anche per i medici locali, allo scopo di creare le condizioni affinché nei Paesi in via di sviluppo si possa lavorare per la serenità e la dignità di questi bimbi e delle loro famiglie».

Emergenza Sorrisi dal 2007 ha aiutato quasi 4mila bambini migliorando le loro condizioni di vita. Per sostenere il loro impegno è già attiva fino al 30 ottobre la campagna “Accoglienza e Sorrisi” durante la quale inviare sms solidali dal valore di 2 Euro al 45520 da cellulari Tim, Vodafone, Wind, 3 e Tiscali; è possibile anche donare 2 o 5 Euro chiamando il 45520 da rete fissa Telecom Italia, Infostrada, Fastweb, Tiscali oppure 5 euro chiamando da rete fissa il 45520 per clienti Vodafone.

Il provider ECM 2506 Sanità in-Formazione ed Emergenza Sorrisi hanno già collaborato con successo alla realizzazione di 5 corsi FAD (Formazione a Distanza) sugli interventi chirurgici di ricostruzione in caso di patologie invalidanti, grazie al contributo scientifico del dottor Abenavoli. Il primo dei corsi, disponibile sulla piattaforma del Provider ECM 2506 Sanità in-Formazione, offre a medici e infermieri un approfondimento sulle più recenti tecniche e metodiche di chirurgia estetica e ricostruttiva del labbro.

Articoli correlati
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per fondo solo 1 mld in più. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno»
Il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Serve programmazione più lunga, non è pensabile esaurire programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
Giornata della Salute Mentale, Ministro Grillo al Museo della Mente: «Serve cambiamento culturale per accettare malattia»
Una visita al Museo della Mente dell’ASL Roma 1 (ex manicomio di S. Maria delle Pietà) per celebrare la Giornata mondiale della salute mentale promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per il 10 ottobre. Protagonista il ministro della Salute Giulia Grillo. «Nella Giornata mondiale dedicata alla salute mentale – ha detto Grillo – ho voluto visitare […]
Carenza medici, l’assessore Arru (Sardegna): «Con quota cento rischio boom di pensionamenti. Aumentare borse di studio per MMG»
Il titolare della Sanità sarda difende la riforma della rete ospedaliera regionale: «Problema non è la carenza di servizi, ma un eccesso di servizi mal distribuiti che molto spesso non raggiungono i volumi indicati e suggeriti dal Piano nazionale esiti». Poi rilancia la medicina multiprofessionale per affrontare cronicità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...