Formazione 7 settembre 2018

Test medicina, parlano i Testbusters: «Così prepariamo i candidati ad affrontarlo al meglio»

Trecentocinquanta studenti di medicina in tutta Italia trascorrono l’estate preparando gli aspiranti camici bianchi a superare il test d’ingresso più ambito e temuto. E il giorno della prova, li caricano e aiutano a combattere l’ansia

Immagine articolo

Il giorno del test per l’accesso alla facoltà di medicina della Statale, al Mediolanum forum di Assago c’è la folla dei grandi concerti. Con le cartelline ed i fogli della prenotazione in mano, un flusso continuo di ragazzi scende le scale della metropolitana e si unisce agli altri candidati nella ricerca del colore dell’area del forum a loro assegnata. Assiepati davanti ai cancelli d’ingresso come se ci fosse una popstar ad attenderli e non un plico con 60 domande a crocette, aspettano di entrare sotto il sole cocente di una insolita mattinata milanese. Quando nel piazzale antistante il forum si crea un cerchio di ragazzi con appariscenti magliette arancioni, si levano delle urla di incoraggiamento ed inizia un vero e proprio discorso motivazionale. 

LEGGI ANCHE: TEST DI INGRESSO A MEDICINA, ECCO COM’È ANDATA. RETTORI AL GOVERNO: «AUMENTARE POSTI FINO A 15MILA»

«Avete passato tutto agosto sui libri per questo giorno, le cose le sapete, voi oggi passerete il test». Scrosci di applausi e grida di incitamento, per caricarsi l’un l’altro e combattere l’ansia e la paura della prova. «Chi siete voi?». «I testbusters». «Chi supererà il test oggi?». «Noi».

Gli “acchiappatest” sono studenti di medicina che organizzano corsi di preparazione per affrontare al meglio il test d’ingresso. Studenti per gli studenti, come recita il loro motto. Il progetto è nato sei anni fa e oggi è diventato una vera e propria start up: i docenti sono più di 350 in 22 città diverse e quest’anno i loro corsi hanno raggiunto più di 3300 iscrizioni. Un pacchetto di lezioni può costare fino a 550 euro e il 50% dei ragazzi che hanno seguito i corsi negli scorsi anni è riuscito ad entrare.

«Ogni anno mettiamo a disposizione la nostra esperienza e ci dedichiamo a chi vuole tentare il test di ingresso per aiutarli a superarlo – ci dicono Davide Casartelli e Ivan Ferrari, studenti iscritti al quarto e al quinto anno di medicina, una volta concluso il discorso motivazionale ai loro allievi -. Noi ci siamo passati e sappiamo cosa significa affrontare una prova a crocette a cui, per certi versi anche giustamente, la scuola italiana non ti prepara. Cerchiamo di insegnar loro gli argomenti che ritroveranno nel test ma soprattutto di dar loro un sostegno, perché questa è soprattutto una prova a livello di ansia e atteggiamento».

«Cerchiamo di metterci il cuore – proseguono – e di esserci per loro come persone e come studenti». Per questo sono venuti al forum, per sostenere i loro 600 studenti che tentano di entrare alla Statale. «Li abbiamo trovati in giro e cerchiamo di caricarli al meglio. Questa è la prima volta che si trovano davanti ad una competizione in cui devono andare meglio degli altri, non solo bene per se stessi. E questo fa salire l’ansia e la voglia di cambiare la risposta sulla crocetta all’ultimo minuto».

Come ogni anno, anche questa edizione del test ha visto numeri esorbitanti: 67mila candidati in tutta Italia, 3500 solo alla Statale di Milano, a fronte di poco meno di 10mila posti disponibili nel totale. Ma perché? Come mai così tanti giovani oggi vogliono diventare medici, nonostante le difficoltà del percorso formativo prima, e della vita lavorativa poi? «Molte persone vogliono probabilmente aiutare gli altri – rispondono i testbusters -, e meno male, direi, di questi tempi. Se se la sentono, è giusto che ci provino. Poi c’è anche chi non ha avuto la vocazione da bambino, ma finita la scuola ha deciso di provarci, è riuscito ad entrare e adesso si è innamorato della medicina. Speriamo che sia così per tutti loro, e speriamo che riescano ad entrare in molti. È questo il nostro obiettivo, ciò per cui lavoriamo».

LEGGI ANCHE: NUMERO CHIUSO, MONACO (FNOMCeO): «PRIMA DI AGIRE SUL TEST AUMENTARE BORSE DI SPECIALIZZAZIONE PER TOGLIERE LIMBO»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Formazione medico, la proposta di riforma di FNOMCeO: percorso unico, specialità per MMG e crediti al liceo
I centosei presidenti degli ordini territoriali dei Medici hanno approvato all’unanimità una Mozione, con l’intento di far fronte alla grave carenza di specialisti e di medici di medicina generale attesa per i prossimi cinque anni per via della cosiddetta ‘gobba pensionistica’, e di portare al completamento del percorso di specializzazione i 15cimila medici ancora intrappolati nell’‘imbuto formativo’
Test Medicina, si avvicina l’abolizione del numero chiuso. In Commissione Cultura alla Camera parte l’iter della legge
Il relatore sarà il deputato e medico Cinque Stelle Manuel Tuzi. Tutte le proposte prevedono l’abolizione della legge 264 del 1999. Tiramani (Lega) e D’Uva (M5S) propongono un meccanismo di selezione dopo il primo anno di studi
Protesta medici, Magliozzi (Cisl): «Preoccupati da completa assenza di istituzioni. Cittadini inconsapevoli di rischi SSN»
«Il Servizio Sanitario Nazionale pubblico e universale come lo conosciamo oggi rischia il collasso», spiega il segretario generale di Cisl Medici di Roma Capitale e Rieti, che interviene sulla riforma del test di ingresso a Medicina: «Il numero chiuso è fallito. Va riprogrammato accesso a Facoltà»
Formazione medici, il progetto Fnomceo: serve unico percorso verso specializzazione. E una programmazione efficace
Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici sottolinea: «Bisogna abbattere l’imbuto formativo, quel collo di bottiglia tra il numero di laureati e i posti per la formazione post lauream»
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per fondo solo 1 mld in più. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno»
Il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Serve programmazione più lunga, non è pensabile esaurire programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Liste d’attesa, Aceti (Cittadinanzattiva): «Prima voce di segnalazione per malcontento cittadini. Ecco cosa cambia con Piano Nazionale»

«50 milioni per abbattimento e interventi regionali. Ridiamo le gambe al SSN per tornare in piedi» Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...