Formazione 7 settembre 2018

Test medicina, parlano i Testbusters: «Così prepariamo i candidati ad affrontarlo al meglio»

Trecentocinquanta studenti di medicina in tutta Italia trascorrono l’estate preparando gli aspiranti camici bianchi a superare il test d’ingresso più ambito e temuto. E il giorno della prova, li caricano e aiutano a combattere l’ansia

Immagine articolo

Il giorno del test per l’accesso alla facoltà di medicina della Statale, al Mediolanum forum di Assago c’è la folla dei grandi concerti. Con le cartelline ed i fogli della prenotazione in mano, un flusso continuo di ragazzi scende le scale della metropolitana e si unisce agli altri candidati nella ricerca del colore dell’area del forum a loro assegnata. Assiepati davanti ai cancelli d’ingresso come se ci fosse una popstar ad attenderli e non un plico con 60 domande a crocette, aspettano di entrare sotto il sole cocente di una insolita mattinata milanese. Quando nel piazzale antistante il forum si crea un cerchio di ragazzi con appariscenti magliette arancioni, si levano delle urla di incoraggiamento ed inizia un vero e proprio discorso motivazionale. 

LEGGI ANCHE: TEST DI INGRESSO A MEDICINA, ECCO COM’È ANDATA. RETTORI AL GOVERNO: «AUMENTARE POSTI FINO A 15MILA»

«Avete passato tutto agosto sui libri per questo giorno, le cose le sapete, voi oggi passerete il test». Scrosci di applausi e grida di incitamento, per caricarsi l’un l’altro e combattere l’ansia e la paura della prova. «Chi siete voi?». «I testbusters». «Chi supererà il test oggi?». «Noi».

Gli “acchiappatest” sono studenti di medicina che organizzano corsi di preparazione per affrontare al meglio il test d’ingresso. Studenti per gli studenti, come recita il loro motto. Il progetto è nato sei anni fa e oggi è diventato una vera e propria start up: i docenti sono più di 350 in 22 città diverse e quest’anno i loro corsi hanno raggiunto più di 3300 iscrizioni. Un pacchetto di lezioni può costare fino a 550 euro e il 50% dei ragazzi che hanno seguito i corsi negli scorsi anni è riuscito ad entrare.

«Ogni anno mettiamo a disposizione la nostra esperienza e ci dedichiamo a chi vuole tentare il test di ingresso per aiutarli a superarlo – ci dicono Davide Casartelli e Ivan Ferrari, studenti iscritti al quarto e al quinto anno di medicina, una volta concluso il discorso motivazionale ai loro allievi -. Noi ci siamo passati e sappiamo cosa significa affrontare una prova a crocette a cui, per certi versi anche giustamente, la scuola italiana non ti prepara. Cerchiamo di insegnar loro gli argomenti che ritroveranno nel test ma soprattutto di dar loro un sostegno, perché questa è soprattutto una prova a livello di ansia e atteggiamento».

«Cerchiamo di metterci il cuore – proseguono – e di esserci per loro come persone e come studenti». Per questo sono venuti al forum, per sostenere i loro 600 studenti che tentano di entrare alla Statale. «Li abbiamo trovati in giro e cerchiamo di caricarli al meglio. Questa è la prima volta che si trovano davanti ad una competizione in cui devono andare meglio degli altri, non solo bene per se stessi. E questo fa salire l’ansia e la voglia di cambiare la risposta sulla crocetta all’ultimo minuto».

Come ogni anno, anche questa edizione del test ha visto numeri esorbitanti: 67mila candidati in tutta Italia, 3500 solo alla Statale di Milano, a fronte di poco meno di 10mila posti disponibili nel totale. Ma perché? Come mai così tanti giovani oggi vogliono diventare medici, nonostante le difficoltà del percorso formativo prima, e della vita lavorativa poi? «Molte persone vogliono probabilmente aiutare gli altri – rispondono i testbusters -, e meno male, direi, di questi tempi. Se se la sentono, è giusto che ci provino. Poi c’è anche chi non ha avuto la vocazione da bambino, ma finita la scuola ha deciso di provarci, è riuscito ad entrare e adesso si è innamorato della medicina. Speriamo che sia così per tutti loro, e speriamo che riescano ad entrare in molti. È questo il nostro obiettivo, ciò per cui lavoriamo».

LEGGI ANCHE: NUMERO CHIUSO, MONACO (FNOMCeO): «PRIMA DI AGIRE SUL TEST AUMENTARE BORSE DI SPECIALIZZAZIONE PER TOGLIERE LIMBO»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Riforma numero chiuso, Fioramonti (Viceministro Miur): «Medicina sia sbocco finale di un percorso integrato»
Il delegato all’Università di Viale Trastevere parla della riforma del test di accesso a Medicina: «La modalità su cui cominciamo a riflettere è quella di un primo anno o di un percorso iniziale integrato tra varie discipline così che la medicina non sia più un percorso isolato»
Cattolica di Tirana, in Albania nascono tanti medici italiani. Il Rettore Giardina: «Da noi cattolici, ortodossi e musulmani: qua si realizza un vero scambio culturale»
«La selezione a Medicina è paragonabile a quella che si può avere in Italia, anche più severa. Quest’anno si sono iscritti a fare l’esame circa un migliaio di persone e i posti a disposizione erano 50», spiega Giardina. È l'unica università straniera che rilascia titoli congiunti, ossia validi sia in Albania che in Italia, senza seguire ulteriori iter burocratici
Sciopero medici, la voce degli studenti: «Senza programmazione e finanziamenti il nostro futuro è drammatico»
Blocco del turnover, imbuto formativo e precarietà sono solo alcune delle ragioni che hanno spinto tanti studenti di medicina e specializzandi a supportare lo sciopero di venerdì scorso indetto dalla dirigenza medica e sanitaria: «Per noi studenti diventa sempre più complesso capire se avremo un futuro nell’ambito della sanità»
Numero chiuso, Zauli (Univ. Ferrara) rompe fronte dei rettori: «Non sia quiz a selezionare medici del futuro»
Medico e professore di Anatomia Umana, è in disaccordo con molti dei suoi colleghi. E lancia la sua proposta: una preselezione e un meccanismo per cui passa al secondo anno chi ha conseguito i pieni voti accademici, cioè 27/30 nei 5 esami del primo anno entro il 30 settembre dell’anno successivo. Quattro le proposte di legge in discussione alla Camera
Numero chiuso, procede Ddl. Il no dei rettori: «Con abolizione crisi atenei». La proposta di Miccoli (Anvur): «Semestre formativo aperto a tutti»
Gaudio (Sapienza): «Pronti ad aumentare accessi ma una abolizione sarebbe non sostenibile per gli atenei». E spunta la proposta, a titolo personale, del presidente dell’Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema universitario e della Ricerca: «Test su materie comuni dopo tre mesi e, per chi non lo passa, la possibilità di usare quei CFU in altre facoltà»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano