Formazione 4 Agosto 2015

Test di specializzazione: evitato il caos del 2014, ma restano le criticità

Non solo domande troppo “nozionistiche” ma anche alcune irregolarità. Il 6 agosto il verdetto

Immagine articolo

Non è filato proprio tutto liscio nella quattro giorni di test della scorsa settimana per l’accesso alle Scuole di specializzazione in Medicina.


I clamorosi errori tecnici che lo scorso anno caratterizzarono la prima edizione su base nazionale del Concorso non sono stati ripetuti, ma al termine di ogni giornata si sono registrate lamentale e critiche da parte degli aspiranti specializzandi. Dalle domande troppo nozionistiche – nonostante nel Regolamento del MIUR fossero prospettati quesiti più “clinici” – nella prova comune a tutte le discipline si è passati in sequenza  al sequestro di dispositivi per comunicare all’esterno, quindi all’espulsione dei candidati scorretti e addirittura all’arrivo dei carabinieri all’Università di Messina, dove un concorrente stava svolgendo la prova con microfono e auricolare.

Domande dubbie, dunque, ed  irregolarità di vario genere, legate anche alle discrepanze – tra le varie sedi in Italia – nelle misure di vigilanza, assegnazione delle postazioni e modalità applicate per evitare di copiare o comunicare. Secondo le maggiori associazioni di settore come il SIGM (Segretariato Italiano Giovani Medici) e il CNAS (Comitato Nazionale Aspiranti Specializzandi), la principale criticità del modello organizzativo deriverebbe infatti dalla parcellizzazione in un numero eccessivo di sedi e di aule, con il risultato di una variabilità strutturale che era facile prevedere sfociasse in situazioni patologiche. La soluzione? Per il futuro, l’utilizzo di un numero esiguo di sedi su base macro-regionale (nord, centro, sud), come peraltro già richiesto più volte dalle stesse associazioni.

In attesa delle graduatorie del 6 agosto, da ieri, sul sito dedicato scuole-specializzazione.miur.it, sono consultabili le domande e le risposte dei test che si sono svolti nelle giornate dal 28 al 31 luglio. Test che, in ogni caso, sanciranno l’esclusione di oltre 7mila candidati, visto che sono a disposizione poco più di 6mila borse a fronte di 13mila aspiranti specializzandi. Date le irregolarità registrate comincia ad aleggiare il fantasma dei ricorsi e, come già avvenuto nelle precedenti edizioni, c’è comunque chi, come Consulcesi, è già pronto eventualmente a sostenere i giovani camici bianchi nella loro battaglia.

Articoli correlati
Rientro a scuola in sicurezza, la formazione delle equipe anti Covid-19
Si è svolto questa mattina l’evento formativo dedicato alle equipe anti Covid-19 della Asl Roma 1. Il direttore Angelo Tanese: «Supportare le istituzioni scolastiche nella gestione di questa fase di ripartenza»
Rendicontazione screening scuola, FIMMG: «No a inutili lungaggini burocratiche»
«Sarebbe assurdo sottrarre tempo agli assistiti per rendicontare due volte lo stresso dato; se il Covid ci ha insegnato qualcosa è che il Sistema sanitario ha bisogno di procedure snelle e non di inutili e farraginosi cicli burocratici».
Riapertura scuole: come sono coinvolti medici di famiglia e pediatri?
Cosa sappiamo finora sul ruolo di medici di medicina generale e pediatri di libera scelta nelle scuole durante l'emergenza Covid-19
Specializzazioni, interrogazione di Tuzi (M5S) a Manfredi: «Perchè commissione di esperti e non nomina Osservatorio?»
«Abbiamo offerto al Ministro la possibilità di essere ulteriormente trasparenti. La questione prospettata nasce dal ruolo di vigilanza, giudizio e controllo sugli accreditamenti delle scuole di specializzazione ricoperto dall’Osservatorio» sottolinea IL deputato e medico del M5S Manuel Tuzi
Ex specializzandi, raffica di sentenze: Stato condannato a pagare altri 18 milioni
Con le ultime vittorie salgono ad otto le pronunce positive da gennaio nonostante lo stop imposto dal Covid-19. Tortorella (Presidente Consulcesi): «Tribunali e Corti continuano a sanare ingiustizia. Impegno politico bipartisan su Ddl per l’accordo conferma volontà politica di trovare soluzione ma il provvedimento va migliorato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 24 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...