Formazione 4 agosto 2015

Test di specializzazione: evitato il caos del 2014, ma restano le criticità

Non solo domande troppo “nozionistiche” ma anche alcune irregolarità. Il 6 agosto il verdetto

Immagine articolo

Non è filato proprio tutto liscio nella quattro giorni di test della scorsa settimana per l’accesso alle Scuole di specializzazione in Medicina.


I clamorosi errori tecnici che lo scorso anno caratterizzarono la prima edizione su base nazionale del Concorso non sono stati ripetuti, ma al termine di ogni giornata si sono registrate lamentale e critiche da parte degli aspiranti specializzandi. Dalle domande troppo nozionistiche – nonostante nel Regolamento del MIUR fossero prospettati quesiti più “clinici” – nella prova comune a tutte le discipline si è passati in sequenza  al sequestro di dispositivi per comunicare all’esterno, quindi all’espulsione dei candidati scorretti e addirittura all’arrivo dei carabinieri all’Università di Messina, dove un concorrente stava svolgendo la prova con microfono e auricolare.

Domande dubbie, dunque, ed  irregolarità di vario genere, legate anche alle discrepanze – tra le varie sedi in Italia – nelle misure di vigilanza, assegnazione delle postazioni e modalità applicate per evitare di copiare o comunicare. Secondo le maggiori associazioni di settore come il SIGM (Segretariato Italiano Giovani Medici) e il CNAS (Comitato Nazionale Aspiranti Specializzandi), la principale criticità del modello organizzativo deriverebbe infatti dalla parcellizzazione in un numero eccessivo di sedi e di aule, con il risultato di una variabilità strutturale che era facile prevedere sfociasse in situazioni patologiche. La soluzione? Per il futuro, l’utilizzo di un numero esiguo di sedi su base macro-regionale (nord, centro, sud), come peraltro già richiesto più volte dalle stesse associazioni.

In attesa delle graduatorie del 6 agosto, da ieri, sul sito dedicato scuole-specializzazione.miur.it, sono consultabili le domande e le risposte dei test che si sono svolti nelle giornate dal 28 al 31 luglio. Test che, in ogni caso, sanciranno l’esclusione di oltre 7mila candidati, visto che sono a disposizione poco più di 6mila borse a fronte di 13mila aspiranti specializzandi. Date le irregolarità registrate comincia ad aleggiare il fantasma dei ricorsi e, come già avvenuto nelle precedenti edizioni, c’è comunque chi, come Consulcesi, è già pronto eventualmente a sostenere i giovani camici bianchi nella loro battaglia.

Articoli correlati
Università San Raffaele: pubblicati i bandi per l’ammissione ai corsi di laurea per le professioni sanitarie
Sono stati pubblicati i bandi dell’Università Vita-Salute San Raffaele relativi alle ammissioni all’anno accademico 2019/2020 dei corsi di laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia. I test si svolgeranno con la modalità computer based presso le sedi nazionali del centro Selexi Test Center tra l’1 e il 12 marzo 2019 e sarà possibile iscriversi online fino alle […]
Antibiotico-resistenza, nuovo test per distinguere le infezioni batteriche da quelle virali
Infezioni virali e infezioni batteriche Distinguere rapidamente un’infezione virale da un’infezione batterica offrendo al medico la risposta sul trattamento corretto e adeguato da somministrare al paziente. Questa la novità rappresentata da un nuovo erivoluzionario test che consente di stabilire, attraverso la risposta del sistema immunitario all’infezione, se necessario ricorrere all’uso di antibiotici. Obiettivo è quello […]
Roma, al via la presentazione della notte europea dei ricercatori 2018
Si terrà domani, 12 settembre, alle ore 11.30, nella sala della Comunicazione del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca a Roma (viale Trastevere 76/a) la conferenza stampa di presentazione della Notte Europea dei Ricercatori, evento promosso dalla Commissione Europea per favorire l’incontro e il dialogo tra ricercatori e cittadini, e occasione per condividere la passione per […]
Numero chiuso, Monaco (FNOMCeO): «Prima di agire sul test aumentare borse di specializzazione per togliere ‘limbo’»
«È necessaria una programmazione seria concordata con la professione. Vogliamo essere consulenti gratuiti della politica». Già programmato vertice FNOMCeO - Ministero sul tema. L'intervista al segretario nazionale della Federazione degli Ordini dei Medici
Vaccini, MIUR: «Responsabilità autocertificazioni false ricade su genitori e non su presidi»
ANP: «Autocertificazione da accettare solo ed esclusivamente laddove le ASL non siano in grado di rilasciare le certificazioni, circostanza che i genitori dovranno dichiarare sotto la propria responsabilità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...