Formazione 22 Settembre 2015

Studenti: «Non basta un test a crocette per fare un medico»

Ancora polemiche sulle modalità del numero chiuso a Medicina. Parla una delle studentesse e rappresentanti di Rete della Conoscenza: «Un esame classista e superficiale, va abolito»

Immagine articolo

Le jeux sont fait, ma l’attesa non è ancora finita per gli aspiranti camici bianchi di tutta Italia, che lo scorso 8 settembre si sono cimentati nei test d’accesso alle Facoltà di Medicina. Il CINECA, per conto del Miur, ha pubblicato oggi il punteggio ottenuto dai candidati secondo il codice etichetta, per garantire l’anonimato.


Oggi i 60mila non sapranno ancora se sono riusciti nell’impresa di aggiudicarsi uno dei 9mila posti a disposizione (per quello dovranno attendere il 7 ottobre), ma potranno quanto meno arrivare “preparati” al verdetto finale. Al di là del risultato, le polemiche sul numero chiuso non si placano, e anche quest’anno si attendono ricorsi in massa da parte degli esclusi, per denunciare le immancabili irregolarità. Sanità informazione ha voluto indagare sui malumori e le critiche, ma anche sulle possibili soluzioni proposte da chi in questa esperienza è coinvolto in prima persona: gli studenti. Di seguito, la testimonianza di Federica, studentessa e rappresentante di Rete della Conoscenza.

Cosa c’è di sbagliato in questi test per accedere a Medicina?
«C’è di sbagliato un bel po’! In primis, è un test molto costoso. Per una famiglia media italiana, spendere 60 euro solo per svolgere un test non è uno scherzo. Poi, è un test impari, che favorisce i ricchi. Le statistiche mostrano che soprattutto coloro che provengono da famiglie agiate, e che si sono potuti permettere una preparazione presso strutture private, riescono a superare il test. In più, è un test a risposta multipla, e le “crocette” non sono lo strumento più adatto a valutare le potenzialità di uno studente. Ma il punto cruciale è che in Italia c’è bisogno di più medici: più medici rispetto a quelli che vanno in pensione, più strutture pubbliche per soddisfare il bisogno di sanità del Paese. Il 2015 ne manderà in pensione circa 60mila, ma solo 30mila saranno i nuovi assunti. E’ evidente il deficit forte che avremo nel settore sanitario, anche rispetto agli standard europei».

Oltre i problemi strutturali e alla contestazione del test in sé, ci sono anche dei problemi procedurali, e irregolarità che danno il via ai ricorsi degli studenti che si sentono danneggiati.
«Sì, ed è una cosa che capita di frequente. Ma la soluzione non sta in un maggior controllo sui test, né in un intervento sui piccoli dettagli. Andrebbe invece rimesso in discussione il concetto stesso di numero chiuso e la sua necessità o meno, in un’ottica di miglioramento del welfare pubblico, sia dal punto di vista dell’istruzione pubblica, sia da quello della sanità».

Articoli correlati
Aumento posti a Medicina, Anelli (FNOMCeO) chiede l’intervento di Conte: «Mancano specialisti. In 5 anni 21mila laureati fermati da imbuto formativo»
Il Presidente della Federazione è amareggiato: «Chi spiegherà a 10.000 medici che le loro speranze sono state infrante da un Ministro della Repubblica che non ha capito cosa bisognava fare? E chi lo farà tra cinque anni, quando, per l’esito di vecchi ricorsi e di nuovi aumenti negli accessi, saranno diventati più di 21.000?»
Responsabilità professionale, Gelli: «Entro l’autunno avremo i decreti attuativi legge 24»
Il testo dei quattro decreti è stato elaborato dal MISE e ha ricevuto il parere positivo da parte del MEF e del ministero della Salute. Il padre della legge Gelli: «Ora manca concertazione. Accolto il 90% delle nostre proposte»
Calo vocazioni, Paolo De Paolis (Presidente Sic) ai giovani: «Tornate ad amare il mestiere più bello del mondo»
«Nonostante il momento difficile per la nostra professione, sapere che c’è un giovane brillante che ha espresso il desiderio di fare il chirurgo è un’inversione di rotta - ammette compiaciuto il professor De Paolis, presidente della Società italiana chirurgia - . I giovani respirano il malcontento dei chirurghi che sono sottoposti a condizioni lavorative difficili, poche gratificazioni e rischi medico legali»
D’Amato: «Oltre 19 mila accessi nei primi sei mesi all’ospedale dei Castelli»
Oltre 19 mila accessi al Pronto soccorso, 140 assunzioni fra medici, infermieri e oss, oltre 26 mila prestazioni di specialistica ambulatoriale e l’apertura, nei giorni scorsi, di 10 posti letto di breve osservazione che consentirà di ridurre la pressione sul Pronto soccorso. Sono solamente alcuni dei numeri dell’attività del nuovo ospedale dei Castelli illustrati nel […]
Liste di attesa, il bilancio di Cittadinanzattiva: «Ancora troppo lunghe, 10 mesi per una Tac. Speranza è il nuovo Piano nazionale»
Piano nazionale di governo delle Liste di Attesa, Fava (Cittadinanzattiva): «Da aprile tutte le Regioni sono al lavoro per il recepimento della normativa. Poi, dovranno essere realizzati i piani aziendali. Per tutte le prestazioni del SSN ci saranno dei tempi massimi di attesa e i medici dovranno sempre indicare i codici di priorità»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano