Formazione 10 Marzo 2015 18:26

Staminali: Futura SA al passo con la ricerca allargando gli orizzonti

Il Consigliere d’Amministrazione Massimo Miraglia: “Il mercato internazionale della crioconservazione rappresenta una grandissima opportunità”

Staminali: Futura SA al passo con la ricerca allargando gli orizzonti

I traguardi raggiunti in medicina grazie alle nuove applicazioni terapeutiche delle cellule staminali evidenziano sempre più la necessità di implementare la ricerca scientifica in questo senso.

Una sfida raccolta da Futura, da anni un’importante realtà nella crioconservazione delle cellule staminali ematopoietiche cordonali. La sua banca di proprietà, con sede a Londra, dal 2001 ad oggi ha conservato le cellule staminali del cordone ombelicale per più di 15.000 famiglie in tutto il mondo, e regalato alle famiglie la speranza di un futuro più sereno per i loro figli.

La crioconservazione è, di per sé, una pratica che guarda al futuro e Futura SA, coerentemente con la sua mission è, oggi più che mai, una realtà che vuole tenere il passo col progresso scientifico, allargare i propri orizzonti, guardare sempre più lontano. Ne abbiamo parlato con Massimo Miraglia, Consigliere d’Amministrazione Futura SA. “Abbiamo dato nuova linfa e nuove possibilità a un’idea che, in questo modo, è diventata una bellissima realtà. Futura SA guarda avanti, è proiettata nel futuro e darà tantissime opportunità agli utenti e a tutte le persone che collaboreranno a questo nuovo progetto”.

Dove vuole arrivare Futura SA?
Per spiegare dove vogliamo arrivare basta una sola parola: primi. Il nostro unico obiettivo è essere i primi in quel che facciamo. Il tipo di attività che viene svolta da Futura non può in alcun modo prescindere dall’aspetto qualitativo. Per questo miriamo ad essere la realtà numero uno nell’intero mercato nazionale. Dopo, si vedrà…

Un’operazione così importante non può passare inosservata: anche il mercato internazionale guarda con attenzione a questa iniziativa.
Noi di Futura SA riteniamo che il mercato internazionale della crioconservazione delle cellule staminali rappresenti una grandissima opportunità. È però importante procedere con calma, un passo dopo l’altro. Per questo motivo ribadiamo che, ad oggi, il nostro interesse primario è quello di conquistare il mercato nazionale. Soltanto dopo esserci affermati qui, in Italia, potremo guardare anche al mercato internazionale.

Articoli correlati
Terapie avanzate, necessario un nuovo sistema di finanziamento pubblico
A livello globale entro il 2030 saranno trattati oltre 500.000 pazienti terapie innovative (genica, cellulare e dei tessuti) con costi che si aggirano tra 1 e 3 milioni di euro a dose. Presentata una nuova proposta di finanziamento per i farmaci di domani, in anteprima europea dal gruppo di lavoro dell’Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari (ALTEMS) - Facoltà di Economia dell’Università Cattolica, campus di Roma, insieme a LS CUBE Studio Legale
di V.A.
Sclerosi multipla: trapianto di staminali cerebrali sicuro e duraturo
Il trapianto di cellule staminali cerebrali in pazienti affetti da sclerosi multipla secondaria progressiva è sicuro, molto ben tollerato e con possibili effetti duraturi e protettivi da ulteriori danni al cervello dei pazienti. È questo quanto emerge dallo studio coordinato dall’Ospedale IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo e ideato da Angelo Vescovi dell’Università di Milano – Bicocca. I risultati di questa sperimentazione clinica di fase 1 sono stati pubblicati in copertina sulla rivista Cell Stem Cell
Covid: in commercio terapie di dubbia sicurezza ed efficacia
Ci sono la bellezza di 38 aziende che hanno messo in commercio presunti trattamenti a base di cellule staminali e di esosomi (vescicole extracellulari) per la prevenzione e il trattamento del Covid-19
Midollo osseo, la guerra non ferma i trapianti: 5 donazioni tra Italia, Israele e Ucraina
I conflitti in Medio Oriente e in Ucraina non fermano le donazioni e i trapianti di midollo osseo. Sono stati ben cinque i prelievi di cellule-salva vita coordinati dal nostro paese nonostante le difficoltà logistiche connesse alle crisi internazionali
di V.A.
Un trapianto di cellule polmonari potrebbe «curare» la BPCO
Per la prima volta, i ricercatori hanno dimostrato che è possibile riparare il tessuto polmonare danneggiato nei pazienti affetti da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) utilizzando le cellule polmonari degli stessi pazienti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...