Specializzazioni 10 febbraio 2015

Scuole di Specializzazione, via libera al riordino anche da parte del ministro Lorenzin

Formazione sul campo e nuovi contratti, la soddisfazione del SIGM: “Finalmente allineati all’Europa”

Immagine articolo

Sul decreto di riordino delle Scuole di Specializzazione in Medicina è arrivata, pochi giorni dopo la firma del ministro Giannini, la controfirma del ministro alla Salute Beatrice Lorenzin.

Dopo il caos dell’ultimo concorso e le proteste legate al test per la selezione, via libera alla riduzione della durata per un terzo dei percorsi formativi: nessuna Scuola – a partire dal prossimo anno accademico – durerà più 6 anni, ma al massimo 5. E si procederà anche all’accorpamento di alcune Scuole e, in alcuni casi, come Medicina Aerospaziale e  Odontoiatria clinica generale, si arriverà alla loro eliminazione. In totale ne resteranno attive 55.

L’obiettivo è quello di ottenere più borse di studio e di consentire ai giovani medici di completare la propria preparazione più in fretta. Il nuovo decreto, inoltre, lascia molto più spazio alla “formazione sul campo”, favorendo la pratica rispetto alla teoria: è previsto, infatti, che almeno il 70% delle attività formative dovranno essere dedicate allo svolgimento di attività pratiche e che le stesse potranno essere espletate non solo nelle università, ma anche nei presidi ospedalieri e nelle strutture territoriali del Servizio sanitario.

Grande soddisfazione espressa da SIGM, il Segretariato dei Giovani Medici, su quella che – almeno sulla carta – sembra essere la riforma sperata da anni. Un riordo in grado finalmente di allineare la formazione medica specialistica agli standard europei “rendendo i percorsi formativi più funzionali e consentendo l’accesso al mondo del lavoro in tempi più brevi. Adesso, però, bisognerà lavorare sull’applicazione della riforma presso ciascuna università”. Un cauto ottimismo, invece, sulla parte relativa ai fondi di finanziamento per centinaia di contratti di formazione specialistica aggiuntivi.

“A tal proposito – continuano i Giovani Medici –  ci riserviamo di prendere visione della versione finale del provvedimento prima di esprimere un giudizio compiuto su quanto tradotto nel Decreto. In ogni caso, confidiamo nella disponibilità della CRUI (la Conferenza dei Rettori delle Università Italiane, ndr) e della comunità accademica ai fini della implementazione anche di tale aspetto”.

Articoli correlati
Ministero Salute, liste d’attesa: al via il numero 1500 per l’ascolto dei cittadini
Il Ministero della Salute ha attivato il numero di pubblica utilità 1500 sul tema delle liste di attesa. Dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 16.00, infatti, il personale sanitario risponderà ai cittadini per informare sulle modalità di accesso alle prestazioni garantite dal Servizio sanitario nazionale e raccogliere eventuali segnalazioni. «Il servizio di risposta telefonica, […]
Salute riproduttiva, Studio nazionale: solo 5% adulti sa che dopo 30 anni donne hanno meno possibilità di avere figli
Il 94% degli adolescenti ritiene che debba essere la scuola a garantire l’informazione sui temi della sessualità e riproduzione. Tra gli adulti, solo il 5% è consapevole che le possibilità biologiche per una donna di avere figli iniziano a ridursi già dopo i 30 anni. Sono alcuni dei dati che emergono dallo Studio nazionale fertilità […]
Vaccini, in 10 giorni NAS scoprono 55 autocertificazioni false. Quasi 1500 gli istituti controllati
Controlli dal 4 al 14 settembre. La fattispecie di reato contestata è il falso ideologico commesso da privato in atto pubblico. In Campania il maggior numero di segnalazioni, quindici
Carenza medici, ministero Salute chiede dati a Regioni. Grillo: «Al lavoro per modifiche rapide già in legge di Stabilità»
«Si tratta di una prima importante fase di ricognizione per mettere a fuoco le dimensioni del problema a livello territoriale» così la guida del dicastero
Caldo, allerta del Ministero della Salute: da domani ondata di calore estesa in tutta Italia
I bollettini del sistema di previsione e allarme delle ondate di calore (HHWWS), coordinato dal ministero della Salute, evidenziano condizioni di rischio per la salute nella maggior parte delle città del Nord e del Centro con temperature in ulteriore aumento per domani e dopodomani con livelli 2-3 nella maggior parte delle città italiane e si prolungheranno […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila