Specializzazioni 4 Novembre 2014 18:11

Pasticcio test specializzazione: sanatoria per il concorso, ma resta il caos

Il Miur prima annulla la prova e poi ci ripensa. Saltano le teste al Cineca, ministro Giannini sotto tiro

Pasticcio test specializzazione: sanatoria per il concorso, ma resta il caos

Dietrofront sui test per l’accesso alle Scuole di specializzazione in Medicina. Nella tarda serata di ieri il Miur ha stabilito che la prova non dovrà essere ripetuta. Dopo il pasticcio dei quiz invertiti, che aveva portato – a caldo – all’annullamento del concorso, si è cercata una soluzione tesa a calmare le acque.

Il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini ha riunito a Roma la Commissione nazionale incaricata la scorsa estate di validare le domande e, dopo aver vagliato i quesiti invertiti, ha stabilito – con il placet dell’Avvocatura dello Stato –  di procedere al ricalcolo del punteggio dei candidati neutralizzando le due domande per Area sulle quali si era creato il caso. “Questa soluzione – ha spiegato il ministro Giannini – è il frutto di un approfondimento per tutelare gli sforzi personali e anche economici dei candidati e delle loro famiglie a seguito del grave errore materiale commesso dal Cineca”. Tanti candidati per sostenere il test, infatti, hanno dovuto affrontare costose trasferte per svolgere le prove nella loro città di residenza.

Resta comunque il caos nonostante la sanatoria ministeriale e le dimissioni di Emilio Ferrari, il presidente del Cineca, la Commissione che ha gestito i quiz ed ha dunque la responsabilità materiale degli errori commessi. Il sistema dei test di accesso alle specializzazioni ha evidentemente bisogno di una rivisitazione. È stata scongiurata anche una nuova ondata di ricorsi, ma il ministro dell’Istruzione Giannini si ritrova tra le mani un’altra “patata bollente” da gestire insieme a quella del Numero Chiuso per l’accesso alla Facoltà di Medicina.

Prevista, domani, una manifestazione di protesta a Trastevere, sotto la sede del Ministero dell’Istruzione, dove il SIGM chiederà a Stefania Giannini “senso di responsabilità per trovare una soluzione prima delle sue dimissioni”. E verso la ricerca di una soluzione vanno le principali reazioni al “balletto” dei test annullati e poi convalidati. Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha sottolineato l’esigenza di rendere “normali i test di accesso a Medicina, evitando che ogni volta succedano cose straordinarie”. Secondo FNOMCeO, però, “è difficile individuare quali interventi possano restituire dignità e affidabilità alla prova nel suo complesso”, ma intanto è certo “che tutte le responsabilità coinvolte debbano assumere gli atti conseguenti, essendo in gioco la credibilità e la serietà delle Istituzioni”. Anche per ACOI è necessario “un cambiamento radicale, non solo sui test, ma sull’intero sistema formativo”, e propone “il passaggio della formazione post laurea dal Miur al Ministero della Salute”. Consulcesi prende immediatamente le difesa dei giovani medici, dichiarandosi pronta a sostenere eventuali ricorsi al fianco dei camici bianchi, e annuncia un “monitoraggio costante sugli sviluppi della vicenda”. Per Federspecializzandi, infine, le “problematiche logistiche ed organizzative non devono però mettere in discussione il concorso nazionale”.

Articoli correlati
DEF e sanità, aumentano i contratti e i posti per la formazione specialistica. Più fondi per farmaci innovativi
Il documento è ora al vaglio di Montecitorio. Spazio anche a risorse per fronteggiare ondata profughi di guerra
SSN, Camera approva mozioni. Quartini (M5S): «Investire almeno il 10% della spesa sanitaria in prevenzione»
Il capogruppo pentastellato in commissione Affari sociali boccia le politiche sulla sanità del governo Meloni: «Continua definanziamento, almeno 8% del PIL vada a spesa sanitaria». E contesta il numero chiuso a Medicina
Test Medicina, Consulcesi: «Con riforma “doppia” chance per entrare, ma non premia merito»
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Dare agli studenti la possibilità di ripetere il test di ingresso alla facoltà di Medina non è una riforma vera e propria. Il sistema di accesso è sempre lo stesso e non premia i meritevoli. Il ricorso continuerà a rimanere una possibilità concreta per tutti gli aspiranti medici esclusi ingiustamente»
Test Medicina: con ricorso iscrizione con riserva, per esclusi “ultima spiaggia”
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Negli ultimi 20 anni lo strumento del ricorso alla giustizia amministrativa ha permesso a decine di migliaia di studenti, esclusi ai test di selezione alla Facoltà di Medicina, di iscriversi ai corsi, di studiare, di fare gli esami e infine di laurearsi. L'esperienza indica che gli studenti entrati con il ricorso, forse anche perché più motivati, sono tra coloro che possono vantare un ottimo percorso accademico»
Test Medicina: 3 studenti su 4 “bocciati”, ma con il ricorso è possibile rientrare
Una recente sentenza del Consiglio di Stato ha accolto il ricorso di un gruppo di aspiranti medici, esclusi alla selezione iniziale, ammessi alla facoltà di Medicina con riserva. Grazie al sostegno degli avvocati di Consulcesi, ora sono a tutti gli effetti studenti di Medicina e potranno realizzare il sogno di indossare il camice bianco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...