Specializzazioni 4 novembre 2014

Pasticcio test specializzazione: sanatoria per il concorso, ma resta il caos

Il Miur prima annulla la prova e poi ci ripensa. Saltano le teste al Cineca, ministro Giannini sotto tiro

Immagine articolo

Dietrofront sui test per l’accesso alle Scuole di specializzazione in Medicina. Nella tarda serata di ieri il Miur ha stabilito che la prova non dovrà essere ripetuta. Dopo il pasticcio dei quiz invertiti, che aveva portato – a caldo – all’annullamento del concorso, si è cercata una soluzione tesa a calmare le acque.

Il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini ha riunito a Roma la Commissione nazionale incaricata la scorsa estate di validare le domande e, dopo aver vagliato i quesiti invertiti, ha stabilito – con il placet dell’Avvocatura dello Stato –  di procedere al ricalcolo del punteggio dei candidati neutralizzando le due domande per Area sulle quali si era creato il caso. “Questa soluzione – ha spiegato il ministro Giannini – è il frutto di un approfondimento per tutelare gli sforzi personali e anche economici dei candidati e delle loro famiglie a seguito del grave errore materiale commesso dal Cineca”. Tanti candidati per sostenere il test, infatti, hanno dovuto affrontare costose trasferte per svolgere le prove nella loro città di residenza.

Resta comunque il caos nonostante la sanatoria ministeriale e le dimissioni di Emilio Ferrari, il presidente del Cineca, la Commissione che ha gestito i quiz ed ha dunque la responsabilità materiale degli errori commessi. Il sistema dei test di accesso alle specializzazioni ha evidentemente bisogno di una rivisitazione. È stata scongiurata anche una nuova ondata di ricorsi, ma il ministro dell’Istruzione Giannini si ritrova tra le mani un’altra “patata bollente” da gestire insieme a quella del Numero Chiuso per l’accesso alla Facoltà di Medicina.

Prevista, domani, una manifestazione di protesta a Trastevere, sotto la sede del Ministero dell’Istruzione, dove il SIGM chiederà a Stefania Giannini “senso di responsabilità per trovare una soluzione prima delle sue dimissioni”. E verso la ricerca di una soluzione vanno le principali reazioni al “balletto” dei test annullati e poi convalidati. Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha sottolineato l’esigenza di rendere “normali i test di accesso a Medicina, evitando che ogni volta succedano cose straordinarie”. Secondo FNOMCeO, però, “è difficile individuare quali interventi possano restituire dignità e affidabilità alla prova nel suo complesso”, ma intanto è certo “che tutte le responsabilità coinvolte debbano assumere gli atti conseguenti, essendo in gioco la credibilità e la serietà delle Istituzioni”. Anche per ACOI è necessario “un cambiamento radicale, non solo sui test, ma sull’intero sistema formativo”, e propone “il passaggio della formazione post laurea dal Miur al Ministero della Salute”. Consulcesi prende immediatamente le difesa dei giovani medici, dichiarandosi pronta a sostenere eventuali ricorsi al fianco dei camici bianchi, e annuncia un “monitoraggio costante sugli sviluppi della vicenda”. Per Federspecializzandi, infine, le “problematiche logistiche ed organizzative non devono però mettere in discussione il concorso nazionale”.

Articoli correlati
Numero chiuso, procede Ddl. Il no dei rettori: «Con abolizione crisi atenei». La proposta di Miccoli (Anvur): «Semestre formativo aperto a tutti»
Gaudio (Sapienza): «Pronti ad aumentare accessi ma una abolizione sarebbe non sostenibile per gli atenei». E spunta la proposta, a titolo personale, del presidente dell’Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema universitario e della Ricerca: «Test su materie comuni dopo tre mesi e, per chi non lo passa, la possibilità di usare quei CFU in altre facoltà»
Formazione medico, la proposta di riforma di FNOMCeO: percorso unico, specialità per MMG e crediti al liceo
I centosei presidenti degli ordini territoriali dei Medici hanno approvato all’unanimità una Mozione, con l’intento di far fronte alla grave carenza di specialisti e di medici di medicina generale attesa per i prossimi cinque anni per via della cosiddetta ‘gobba pensionistica’, e di portare al completamento del percorso di specializzazione i 15cimila medici ancora intrappolati nell’‘imbuto formativo’
Test Medicina, si avvicina l’abolizione del numero chiuso. In Commissione Cultura alla Camera parte l’iter della legge
Il relatore sarà il deputato e medico Cinque Stelle Manuel Tuzi. Tutte le proposte prevedono l’abolizione della legge 264 del 1999. Tiramani (Lega) e D’Uva (M5S) propongono un meccanismo di selezione dopo il primo anno di studi
Protesta medici, Magliozzi (Cisl): «Preoccupati da completa assenza di istituzioni. Cittadini inconsapevoli di rischi SSN»
«Il Servizio Sanitario Nazionale pubblico e universale come lo conosciamo oggi rischia il collasso», spiega il segretario generale di Cisl Medici di Roma Capitale e Rieti, che interviene sulla riforma del test di ingresso a Medicina: «Il numero chiuso è fallito. Va riprogrammato accesso a Facoltà»
Formazione medici, il progetto Fnomceo: serve unico percorso verso specializzazione. E una programmazione efficace
Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici sottolinea: «Bisogna abbattere l’imbuto formativo, quel collo di bottiglia tra il numero di laureati e i posti per la formazione post lauream»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Liste d’attesa, Aceti (Cittadinanzattiva): «Prima voce di segnalazione per malcontento cittadini. Ecco cosa cambia con Piano Nazionale»

«50 milioni per abbattimento e interventi regionali. Ridiamo le gambe al SSN per tornare in piedi» Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...