Specializzazioni 4 novembre 2014

Pasticcio test specializzazione: sanatoria per il concorso, ma resta il caos

Il Miur prima annulla la prova e poi ci ripensa. Saltano le teste al Cineca, ministro Giannini sotto tiro

Immagine articolo

Dietrofront sui test per l’accesso alle Scuole di specializzazione in Medicina. Nella tarda serata di ieri il Miur ha stabilito che la prova non dovrà essere ripetuta. Dopo il pasticcio dei quiz invertiti, che aveva portato – a caldo – all’annullamento del concorso, si è cercata una soluzione tesa a calmare le acque.

Il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini ha riunito a Roma la Commissione nazionale incaricata la scorsa estate di validare le domande e, dopo aver vagliato i quesiti invertiti, ha stabilito – con il placet dell’Avvocatura dello Stato –  di procedere al ricalcolo del punteggio dei candidati neutralizzando le due domande per Area sulle quali si era creato il caso. “Questa soluzione – ha spiegato il ministro Giannini – è il frutto di un approfondimento per tutelare gli sforzi personali e anche economici dei candidati e delle loro famiglie a seguito del grave errore materiale commesso dal Cineca”. Tanti candidati per sostenere il test, infatti, hanno dovuto affrontare costose trasferte per svolgere le prove nella loro città di residenza.

Resta comunque il caos nonostante la sanatoria ministeriale e le dimissioni di Emilio Ferrari, il presidente del Cineca, la Commissione che ha gestito i quiz ed ha dunque la responsabilità materiale degli errori commessi. Il sistema dei test di accesso alle specializzazioni ha evidentemente bisogno di una rivisitazione. È stata scongiurata anche una nuova ondata di ricorsi, ma il ministro dell’Istruzione Giannini si ritrova tra le mani un’altra “patata bollente” da gestire insieme a quella del Numero Chiuso per l’accesso alla Facoltà di Medicina.

Prevista, domani, una manifestazione di protesta a Trastevere, sotto la sede del Ministero dell’Istruzione, dove il SIGM chiederà a Stefania Giannini “senso di responsabilità per trovare una soluzione prima delle sue dimissioni”. E verso la ricerca di una soluzione vanno le principali reazioni al “balletto” dei test annullati e poi convalidati. Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha sottolineato l’esigenza di rendere “normali i test di accesso a Medicina, evitando che ogni volta succedano cose straordinarie”. Secondo FNOMCeO, però, “è difficile individuare quali interventi possano restituire dignità e affidabilità alla prova nel suo complesso”, ma intanto è certo “che tutte le responsabilità coinvolte debbano assumere gli atti conseguenti, essendo in gioco la credibilità e la serietà delle Istituzioni”. Anche per ACOI è necessario “un cambiamento radicale, non solo sui test, ma sull’intero sistema formativo”, e propone “il passaggio della formazione post laurea dal Miur al Ministero della Salute”. Consulcesi prende immediatamente le difesa dei giovani medici, dichiarandosi pronta a sostenere eventuali ricorsi al fianco dei camici bianchi, e annuncia un “monitoraggio costante sugli sviluppi della vicenda”. Per Federspecializzandi, infine, le “problematiche logistiche ed organizzative non devono però mettere in discussione il concorso nazionale”.

Articoli correlati
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per fondo solo 1 mld in più. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno»
Il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Serve programmazione più lunga, non è pensabile esaurire programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Numero Chiuso in Medicina, Consulcesi: «Affidato a ‘dottori in legge’ compito di curare l’Italia che invecchia senza assistenza sanitaria»
Il network legale leader nella tutela dei medici e di chi aspira a diventarlo: «Finalmente la politica ha ammesso che il test non è uno strumento idoneo alla selezione dei futuri medici. Solo quest’anno ci sono arrivate oltre tremila segnalazioni da parte degli studenti che si sono rivolti a noi per intraprendere ricorso»
Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi
Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esame non piace a nessuno: si muove anche il Parlamento. Irregolarità e ricorsi: migliaia di studenti vanno in tribunale
Formazione MMG, Menga (M5S): «Discussione positiva, ma proposta Fimmg va ripensata». E arriva il piano del Ministro
Dal Ministero viene ribadito che non ci sarà nessuna sanatoria. La deputata Cinque Stelle, studentessa in Medicina generale, commenta la proposta di riforma del sindacato dei medici di famiglia: «Così si rischia di allontanare nuovamente i medici dall’ingresso nel mondo del lavoro»
Numero chiuso, pubbliche le graduatorie nominative. Ma è già caos irregolarità: «Penne non ritirate, anomalie sui tempi e tanto altro…»
Le voci degli studenti: «È necessario garantire controlli adeguati al contesto in cui ci si trova». Cresce il fronte per l’abolizione del numero chiuso a medicina. Tribunali intasati dai ricorsi
di Serena Santi e Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...