Formazione 14 aprile 2015

Un bel “30 e lode” ai medici che fanno bene 

Consulcesi Onlus mette a disposizione 30mila euro per sostenere iniziative benefiche in Italia e all’estero

Immagine articolo

I progetti di solidarietà vengono promossi – è proprio il caso di dirlo – a pieni voti dalla Onlus di Consulcesi, che con la sua ultima iniziativa, il bando “30 e Lode”, mette a disposizione 30.000 euro per i migliori progetti a scopo benefico.

L’organizzazione collegata alla realtà internazionale leader nell’ambito della tutela medica ha infatti deciso di stanziare tale contributo per finanziare i costi di iniziative solidali in ambito nazionale ed internazionale. Un’apposita commissione esaminerà i progetti candidati, presentati da enti senza finalità di lucro, e a quelli che saranno reputati più adeguati verrà garantito il supporto economico necessario per il loro sviluppo, e per far sì che riescano poi a camminare con le proprie gambe.

Requisito fondamentale di ammissione al bando “30 e Lode” è presentare iniziative (al massimo una per ogni soggetto) che abbiano come mission l’assistenza medica in zone svantaggiate. I progetti dovranno offrire quindi soluzioni per il miglioramento dell’accesso all’assistenza sanitaria, o l’acquisto di macchinari e impianti per strutture ospedaliere. Ma c’è di più: anche le iniziative non prettamente legate all’ambito sanitario potranno essere “adottate”, purché gli enti interessati dimostrino, attraverso idee innovative, di poter supportare le attività di volontariato ad ampio raggio: dall’assistenza familiare alla promozione culturale locale, al sostegno alle persone affette da gravi patologie o portatori di handicap.

“Da anni stiamo portando avanti una serie di progetti umanitari per migliorare la qualità e le aspettative di vita di popoli meno fortunati senza limitarci al contesto sanitario ma anche a quello educativo e formativo. Con questa nuova iniziativa – spiega il presidente di Consulcesi Onlus, Prof. Salvatore Galanti –  vogliamo dare la possibilità ad altre realtà senza fini di lucro di sviluppare le proprie idee. Lo consideriamo un passo fondamentale per centrare uno dei nostri principali obiettivi: migliorare le strutture sanitarie e produttive delle realtà di riferimento. Resta ad ogni modo importantissimo – continua Galanti – il sostegno, già dimostrato in tante occasioni, da numerosi operatori della sanità, il cui supporto sarà fondamentale per portare avanti le tante sfide che ci attendono”.

È possibile scaricare il bando “30 e Lode” collegandosi al sito www.consulcesionlus.it. Per ogni informazione è già a disposizione il numero dedicato 06 45209725.

Articoli correlati
Numero Chiuso in Medicina, Consulcesi: «Affidato a ‘dottori in legge’ compito di curare l’Italia che invecchia senza assistenza sanitaria»
Il network legale leader nella tutela dei medici e di chi aspira a diventarlo: «Finalmente la politica ha ammesso che il test non è uno strumento idoneo alla selezione dei futuri medici. Solo quest’anno ci sono arrivate oltre tremila segnalazioni da parte degli studenti che si sono rivolti a noi per intraprendere ricorso»
Ue: Blockchain è soluzione giusta per sicurezza e trasparenza in sanità e per la filiera del farmaco
Il messaggio degli esponenti del Parlamento Europeo e della Commissione, in occasione della presentazione a Bruxelles del libro “Crypto-Revelation” di Andrea e Massimo Tortorella
ECM, Bovenga (CoGeAPS): «I medici non conoscono le regole del gioco, occorre ‘aggiornarsi sull’aggiornamento’»
«La prima regola è conoscere le regole del gioco». L’intervista a tutto campo al presidente nazionale del Consorzio Gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie
Pazienti a rischio suicidio, come prevenire e superare shock. Innamorati (psicoterapeuta): «Occorre formazione per tutti reparti»
«Non bisogna pensare che solo i pazienti ricoverati in psichiatria possono compiere gesti estremi, per questo tutti i medici e gli operatori – di qualsiasi settore - devono essere preparati» ai microfoni di Sanità Informazione Marco Innamorati, psicologo e psicoterapeuta
Numero chiuso, irregolarità? Avvocato Saurini (Consulcesi): «Vogliamo realizzare sogno di tanti giovani»
«Violazioni dell’anonimato, utilizzo di telefonini: tutti gli anni purtroppo si ripetono difformità materiali e burocratiche, ecco cosa fare» così Sara Saurini, legale del network di riferimento per la tutela dei medici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila