Formazione 3 Maggio 2019 17:09

Scuole di Specializzazione, il nuovo bando discriminati i medici stranieri. Scoppia la polemica

Il nuovo bando pubblicato dal MIUR ha infatti introdotto tra i requisiti per i medici stranieri il possesso del certificazione di lingua italiana C1

Scuole di Specializzazione, il nuovo bando discriminati i medici stranieri. Scoppia la polemica

Medici stranieri discriminati dal nuovo bando di ammissione alle scuole di specializzazione, è l’allarme lanciato dalla Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FNOMCeO) e dalle associazioni di settore dopo l’introduzione della certificazione di lingua italiana. Il nuovo bando pubblicato dal MIUR ha infatti introdotto tra i requisiti per i medici stranieri il possesso “al momento della presentazione della domanda di partecipazione al concorso, una certificazione di lingua italiana, attestante la conoscenza della lingua italiana corrispondente al livello C1”, come si legge all’art 4 commi 3 e 4.

LEGGI: SPECIALIZZAZIONI, ARRIVA DDL DELLA LEGA: NUOVO CANALE IN IRCCS NON UNIVERSITARI E ASSUNZIONE SPECIALIZZANDI ALL’ULTIMO ANNO. M5S NON CI STA

«È l’ennesimo atto discriminatorio nei confronti dei medici stranieri – denuncia il fondatore Amsi e consigliere OMCeO di Roma, Foad Aodi, insieme al dipartimento Medici giovani Amsi – in quanto è impossibile presentare il certificato di lingua C1 poiché la prima data utile per sostenere la prova è il 24 giugno (la relativa iscrizione all’esame si effettua dai 30 ai 40 giorni prima), e quindi inevitabilmente dopo il 21 maggio, data di scadenza dell’iscrizione all’esame di Ssm 2018-2019». Questo disguido, si legge nella nota diffusa da Amsi: «E’ dovuto al fatto che è il primo anno che viene richiesto il certificato di lingua per i cittadini extracomunitari e per questo motivo non si è potuta conseguire la prova di lingua prima della scadenza del 21 maggio».

«Un percorso ad ostacoli assurdo e paradossale», commentano i vertici di OMCeO Roma, con una nota congiunta del presidente Antonio Magi e il vice presidente, Pier Luigi Bartoletti. «Per ovviare al problema della carenza dei medici da mesi c’è chi evoca sanatorie, chi patrocina il ‘todos caballeros’ facendo entrare i non specializzati in reparti ospedalieri, chi invece se li va a prendere a Timisoara, in Romania, chi fa entrare in convenzione medici in formazione, chi benedice la carenza ritenendola un’opportunità per le altre professioni sanitarie». Continua OMCeO Roma: «Insomma un fritto misto di proposte e allarmi senza raziocinio, e intanto si alzano muri assurdi ai medici comunitari che si sono laureati in Italia, abilitati in Italia, iscritti agli Ordini italiani».

In una lettera indirizzata al ministro dell’Istruzione Bussetti, il presidente FNOMCeO Filippo Anelli appronta una soluzione: «Il medico che presenta la domanda di partecipazione al bando potrebbe, in prima fase, autocertificare il possesso dell’attestato di lingua e solo successivamente laddove risultasse vincitore produrre, pena la decadenza, la certificazione richiesta. In tal modo si potrebbe evitare che le previsioni attualmente contenute nel bando e sopra esposte, i cui termini di presentazione sono fissati al 21 maggio p.v., si trasformino in uno sbarramento preventivo».

Articoli correlati
Medici stranieri assunti «in deroga», Anelli (Fnomceo) perplesso scrive a Mattarella
Il presidente di Fnomceo Anelli scrive una lettera al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per sollecitare l'attenzione sulla normativa che permette l'impiego di medici extracomunitari in deroga al normale iter di riconoscimento dei titoli e all'obbligo di iscrizione all'ordine
«Nei Pronto soccorso del Lazio si lavora in condizioni al limite del sostenibile». L’allarme dell’Omceo Roma
Il Presidente Omceo Roma, Antonio Magi, denuncia le terribili e precarie condizioni di lavoro degli operatori del Pronto soccorso e chiede alle istituzioni di intervenire per risolvere il problema della carenza di personale nei reparti di emergenza-urgenza
Appello FNOMCeO a tutte le forze politiche: «Rilanciare il Servizio sanitario nazionale»
Anelli: «L’auspicio è che il nuovo Parlamento e il nuovo Governo siano sempre attenti alle tematiche relative alla salute dei cittadini e al lavoro dei professionisti della sanità»
Formazione ECM: «Fino a 6 mesi di sospensione per chi non è in regola»
Rossi (OMCeO Milano): «Mancato aggiornamento rischioso da un punto di vista medico legale e assicurativo». Boldrini (Pd): «La formazione continua è diventata ancora più importante con il Covid». Filippini (OPI Varese): «Sarà necessario agire con un sistema punitivo anche se non ci piace»
ECM, i vertici della sanità: «Nessuna proroga. Provvedimenti amministrativi per chi non sarà in regola»
Monaco (FNOMCeO): «Mettersi in regola per evitare sanzioni». Bartoletti (Fimmg): «Dura lex sed lex, se ci sono sanzioni l’Ordine le applica». Amato (OMCeO Palermo): «Nel momento in cui arriveranno le lettere dal Co.Ge.A.P.S dovremo procedere». Mangiacavalli (Fnopi): «No a nuovo allargamento maglie: si svilirebbe il senso della formazione continua»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 ottobre 2022, sono 619.806.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.552.302 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola