Formazione 26 Luglio 2016

RITARDO ECM, medici depennati. «Colleghi, mettiamoci in regola. La categoria non ci farebbe una bella figura»

Intervista al dottor Fulvio Fornaro, decano dei medici competenti e forte sostenitore dell’aggiornamento continuo: «Noi ora sotto i riflettori, ma è giusta l’attenzione del Ministero sul tema per tutti i camici bianchi». Consulcesi propone sistema premiale: «I medici comunque vogliono aggiornarsi e chiedono una formazione di qualità con metodologie innovative»

«È importante essere in regola con l’obbligo ECM. Mi aspetto che tutti i colleghi lo facciamo perché, altrimenti, ci farebbe una brutta figura tutta la categoria». Fulvio Fornaro, direttore sanitario della SAIL 626 di Cisternino (Brindisi), e decano dei medici competenti, commenta così la notizia di Sanità Informazione, che ha pubblicato in esclusiva il documento attraverso cui il Ministero, scaduta la proroga del 30 giugno, chiede agli Ordini di avviare un accertamento sui 6500 medici competenti che, ad oggi, risultano attivi (ricordiamo che prima che esplodesse il caso nell’aprile dello scorso anno erano poco più di 10mila complessivamente).

«Credo che in autunno, tra settembre ed ottobre – spiega Fornaro – avremo un quadro della situazione definitiva e ritengo che la soluzione adottata dal Ministero, coinvolgendo gli Ordini, garantisca tutti. Effettivamente si è creata una situazione che definirei borderline ed il caso di mettere le carte in regola a tutela di tutti». Pur sottolineando che «al momento i riflettori sono puntati su di noi, ma sarebbe opportuno che questa giusta attenzione sull’ECM fosse destinata a tutte le categorie di medici», il dottor Fornaro sottolinea il valore dell’aggiornamento continuo: «Personalmente è una tematica che affronto dalla fine degli anni ’70, inizio anni ’80, quando insieme a Maria Antonietta Modolo, igienista che sarebbe poi diventata senatrice, avevamo avviato, insieme ad altri colleghi, un progetto presso l’Università di Perugia sulla formazione permanente del medico. Abbiamo, inoltre, l’esempio dei colleghi americani che già il secolo scorso andavano sotto esame ogni cinque anni per poter continuare ad esercitare. In scienza e coscienza anche noi non possiamo sottrarci all’aggiornamento per essere nella condizione di poter assicurare il meglio ai pazienti». Il dottor Fornaro non crede di essere una mosca bianca nella categoria nell’essere favorevole al sistema ECM, «senza, però, – specifica – medici di serie A e B, con verifiche ma anche giusti strumenti e opportunità per rispettare la normativa».

Ed è anche la proposta che arriva da Consulcesi Group che, in una nota, parla di «decisione che tutela tutti quei professionisti che assolvono l’obbligo formativo ECM, sottraendo tempo a famiglia e professione per i quali auspichiamo anche l’attuazione di un sistema premiale. Un concetto, quello della meritocrazia, che auspichiamo venga adottato per tutti i camici bianchi di ogni categoria, ma solo garantendo ad ognuno la possibilità di avere a disposizione gli strumenti giusti per l’aggiornamento continuo».

Articoli correlati
Salute, le reazioni del mondo della sanità alle nomine di Sileri e Zampa
Le nomine sono arrivate al termine di un Consiglio dei Ministri lampo, dopo però una settimana di intense trattative. Immediate le reazioni del mondo medico tra cui FNOMCeO, Federfarma e SUMAI
Violenze agli operatori, le richieste alla politica di medici e infermieri in occasione della Giornata nazionale
A Bari conferenza stampa FNOMCeO – FNOPI per ricordare tutti gli operatori sanitari che hanno subito aggressioni. Anelli e Mangiacavalli: «Fare al più presto qualcosa». Tra le richieste i requisiti minimi di sicurezza delle sedi e la rapida approvazione del ddl che inasprisce le pene
di Giulia Cavalcanti inviata a Bari
Salute migranti, il modello FNOMCeO e Regione Puglia arriva all’ONU
Il presidente Anelli invitato a Ginevra dalle Nazioni Unite: «La legge pugliese una novità assoluta che sancisce il diritto alle cure anche agli immigrati irregolari». FNOMCeO promotrice di corsi di formazione ad hoc per l’accoglienza sanitaria
Ricerca finalizzata, nel bando 2019 Ministero mette a disposizione 100 milioni
Sono 100 milioni di euro i fondi per la ricerca sanitaria messi a disposizione dal Ministero della salute con il Bando della ricerca finalizzata 2019. Tutti i ricercatori del Servizio sanitario nazionale possono presentare progetti di ricerca di durata triennale, che abbiano un esplicito orientamento applicativo e l’ambizione di fornire informazioni utili ad indirizzare le […]
La frequenza di un evento all’estero, non accreditato in Italia, dà crediti validi nel sistema nazionale?
Per gli eventi non accreditati in Italia è possibile fare richiesta di riconoscimento dei crediti secondo quanto stabilito al paragrafo 3.4 (Formazione individuale all’estero) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali