Ecm 22 Luglio 2016 08:31

RITARDO ECM, scatta l’accertamento del Ministero: 3500 medici cancellati

Documento esclusivo di Sanità Informazione sui medici competenti: ecco la comunicazione ufficiale del Ministero della Salute a tutti gli OMCeO di Italia. «Va accertato il conseguimento dei crediti ECM per l’inserimento nell’elenco nazionale». Dalla lista dei 10mila, depennati definitivamente 3500 nomi

RITARDO ECM, scatta l’accertamento del Ministero: 3500 medici cancellati

Scatta l’accertamento d’ufficio per i medici competenti “sopravvissuti” al depennamento dall’albo professionale per non aver rispettato l’obbligo formativo ECM. Il Ministero della Salute, attraverso una comunicazione scritta che Sanità Informazione è in grado di pubblicare in esclusiva (LINK: IL DOCUMENTO), ha chiesto ai singoli Ordini provinciali di “accertare l’effettivo possesso dei titoli e dei requisiti richiesti dalla normativa vigente, con particolare riferimento al comma 3 dell’art.38 (assolvimento all’obbligo formativo ECM)”. La email, partita dall’Ufficio Prevenzione e igiene ambientale e sicurezza nei luoghi di vita e di lavoro della Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria del Ministero, contiene in allegato la lista, suddivisa per province, di tutti i medici competenti, i cosiddetti medici del lavoro che hanno dichiarato di essere in regola: complessivamente, in tutta Italia, sono poco più di 6500 (ECCO LA LISTA COMPLETA).

I DEPENNATI – Ora gli Ordini dovranno accertare quanti sono effettivamente in regola e potranno proseguire la professione e quanti, invece, andranno ad ingrossare le fila dei depennati, che ad oggi sarebbero già 3500. Prima della “sforbiciata” dell’aprile 2015 erano, infatti, censiti poco più di 10mila medici competenti in Italia. In un primo momento si era parlato di 5mila depennati, ma di questi almeno 1500 sono successivamente riusciti a ritornare in gioco, strappando dunque la possibilità di arrivare alla proroga del 30 giugno 2016. Ora, però, non ci saranno ulteriori appelli e nelle prossime settimane, secondo le notizie raccolte da Sanità Informazione, già entro settembre, si avrà il quadro definitivo. E con l’arrivo dell’autunno l’attenzione del Ministero si inizierà a concentrare anche su tutti gli altri medici italiani alle prese con un analogo obbligo di aggiornamento ECM in scadenza al 31 dicembre 2016.

LA VICENDA – Il caso dei medici competenti e del mancato aggiornamento ECM è scoppiato nell’aprile 2015. Proprio tenendo conto delle maggiori difficoltà formative di questa particolare categoria di camici bianchi, il Ministero della Salute aveva concesso un anno di proroga per mettersi in regola con i crediti relativi al triennio 2011-2013. Al 31 marzo 2015, data ultima per far pervenire la comunicazione al Ministero con i crediti acquisiti, risultava che oltre 5mila medici competenti non erano in regola con il programma di aggiornamento ECM obbligatorio: per loro era scattato così il depennamento dall’albo professionale.

LA PROROGA – La vicenda aveva suscitato numerose polemiche, aprendo un acceso dibattito sull’aggiornamento professionale, su come e quanto effettivamente funzioni o debba essere migliorato per tutti i medici italiani e non solo per i “competenti”, coinvolgendo istituzioni e stakeholder del settore. A seguito di iniziative di vario genere, a difesa della categoria, si era riusciti, intanto, a concedere una nuova opportunità ai medici competenti di mettersi in regola facendo i corsi ECM. Con il Decreto Ministeriale 26 novembre 2015 (Cfr. Gazzetta Ufficiale 10 febbraio 2016, n. 33) il Ministro della Salute – tenendo conto delle difficoltà a vario titolo incontrate dagli iscritti nel completare l’iter formativo prescritto – aveva prorogato al 30 giugno 2016 il termine, per i medici competenti, di conseguire i crediti formativi mancanti alla data del 31 dicembre 2014 nella misura massima del cinquanta per cento. La norma arrecava, inoltre, modifiche al decreto 4 marzo 2009, che aveva istituito l’elenco nazionale dei medici competenti in materia di tutela e sicurezza sui luoghi di lavoro, prevedendo che, “nella fase di prima applicazione e fermo restando le conseguenze derivanti dal mancato conseguimento dei crediti formativi entro i termini prescritti, è consentito ai sanitari di completare il conseguimento dei crediti formativi mancanti alla data del 31 dicembre 2014, nella misura massima del cinquanta per cento, entro la data del 30 giugno 2016, quale requisito necessario per poter svolgere le funzioni di medico competente”.

Articoli correlati
Andrea Costa torna al Ministero della Salute come esperto PNRR
«È un grande opportunità per la quale ringrazio il ministro della Salute Schillaci» ha affermato l'ex Sottosegretario alla Salute del governo Draghi
Quali criteri deve adottare il Provider in riferimento alla sponsorizzazione commerciale?
Gli eventi possono essere sponsorizzati, mediante apposito contratto, da imprese commerciali operanti anche in ambito sanitario purché ciò non influenzi i contenuti formativi dell’evento. Non è consentito indicare lo sponsor commerciale nell’esposizione dei contenuti formativi, se non indicando il logo dello Sponsor prima dell’inizio e dopo il termine dell’evento. Lo sponsor può essere coinvolto nella […]
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
La quarta dose è obbligatoria?
La quarta dose di vaccino anti-Covid è importante per rafforzare l'immunità in vista della stagione invernale. Tuttavia, viene solo raccomandata e non c'è alcun obbligo per nessuno, neanche per gli operatori sanitari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...