Formazione 31 Marzo 2015

Quando la Formazione a Distanza avvicina medico e paziente 

La dottoressa Lucilla Ricottini, counselor e formatore sanitario, illustra le nuove tecniche della comunicazione in medicina

Immagine articolo

Comunicare, formare, informare. Tre parole chiave per identificare quel “quid” che caratterizza la professione – e la professionalità – medica, in aggiunta alle necessarie competenze tecnico – scientifiche. La relazione tra il medico ed il paziente assume sempre più importanza e richiede ormai, per i camici bianchi, una vera e propria formazione ad hoc.

La dottoressa Lucilla Ricottini, counselor e formatore sanitario oltre che medico, ha spiegato ai microfoni di Sanità Informazione come le nuove tecnologie, applicate all’ambito medico – formativo, possono ottimizzare il raggiungimento di alcune skills fondamentali per migliorare il rapporto medico – paziente, ed influire positivamente sull’esito terapeutico.

La formazione è importante nel mondo medico, soprattutto se unita alla comunicazione.
E’ verissimo, soprattutto perché per noi medici la comunicazione risulta sempre implicita nella relazione con il paziente. La relazione medico – paziente – la compliance,  è infatti importantissima al fine della riuscita della terapia; se il paziente è rassicurato dalla relazione con il medico, potenzia la risposta del suo organismo. E’ evidente quindi che prestare particolare attenzione all’aspetto relazionale e comunicativo incrementa l’efficacia terapeutica. Altro aspetto fondamentale è la comunicazione tra colleghi: una formazione che preveda contenuti riguardanti la relazione tra colleghi aiuta la professionalità e la crescita individuale.

Le nuove tecnologie vengono incontro ai processi di comunicazione e lo fanno, ad esempio, con la Formazione a Distanza: uno strumento che permette, in questo campo, un’efficacia particolare…
Sicuramente: per chi opera in ambito sanitario ed è quindi impegnato coi turni, la carenza di tempo renderebbe molto difficoltosa la formazione continua. Per fortuna, invece, la Formazione a Distanza permette non solo di usufruirne nei momenti più congeniali, ma di poter tornare più volte sullo stesso argomento per poterlo meglio assimilare. Credo che sia uno strumento più che prezioso, direi indispensabile.

In quest’ottica è stato pensato e realizzato un apposito corso FAD per i medici. In cosa consiste?
Questo corso fornirà delle competenze di base in counseling sanitario. Ciò significa che permetterà di acquisire delle capacità di ascolto empatico per entrare in contatto – in modo rapido ed efficace – con il paziente, attraverso l’uso della riformulazione, dell’ascolto attivo, e di altre tecniche che il corso approfondisce nel dettaglio. Il corso, inoltre, informerà in modo molto chiaro sulla relazione tra neuroscienze e capacità comunicative, permettendo quindi di comprendere le basi neuroscientifiche della comunicazione per usarla in modo più consapevole, e più soddisfacente.

Articoli correlati
Formazione post-laurea, Minerva (Als): «Non è stata adeguatamente programmata, servono 2900 borse in più»
«Non abbiamo più specializzati e gli ospedali corrono il rischio del crash», spiega il presidente dell'Associazione libero specializzandi. «Ci sono diverse migliaia di medici che vorrebbero entrare in questo percorso ma non riescono, si tratta di quasi 10mila studenti» aggiunge Minerva
Il Decreto Calabria arriva in Senato, Carlo Palermo (Anaao): «Sblocco assunzioni è punto importante»
Previsto per martedì 18 giugno l'esame del testo in Senato. Secondo il segretario Anaao Assomed, Carlo Palermo, grazie al decreto si «allarga enormemente la platea dei medici che possono essere assunti nel sistema»
Formazione post-laurea, Grillo: «Sistema anacronistico»
Sulle 2090 borse in più necessarie per coprire il gap del sistema, il Ministro della Salute Giulia Grillom che ha partecipato all'assemblea Anaao Giovani Als, risponde senza mezzi termini: «Non arriveremo alla copertura totale. Ma bisogna rendere l'aumento strutturale»
Al via la Commissione ECM, Tortorella: «Giusto premiare chi si forma. Puntiamo sui corsi a distanza»
La prima riunione alla presenza del Ministro Grillo. L’ad di Consulcesi Group, Andrea Tortorella commenta positivamente la direzione intrapresa dal Ministero: «Sì alle premialità, è una strada che noi sosteniamo ormai da oltre tre anni». E per aiutare i medici si punta alla formazione a distanza
Contenziosi, l’urologo Gallucci: «Uso del robot non esclude complicanze, al paziente va spiegato bene»
Il professore di Urologia della Sapienza commenta l’utilizzo della robotica nel suo settore: «L’urologo è quello che più di tutti utilizza il robot. Praticamente quasi tutte le procedure, non solo la prostatectomia radicale, ma anche interventi molto complessi tipo la rimozione della vescica o la ricostruzione anche dell’intestino totalmente intracorporea o ancora i grandi interventi di tumore del rene possono essere fatti con la robotica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...