Formazione 31 Marzo 2015 16:34

Quando la Formazione a Distanza avvicina medico e paziente 

La dottoressa Lucilla Ricottini, counselor e formatore sanitario, illustra le nuove tecniche della comunicazione in medicina

Quando la Formazione a Distanza avvicina medico e paziente 

Comunicare, formare, informare. Tre parole chiave per identificare quel “quid” che caratterizza la professione – e la professionalità – medica, in aggiunta alle necessarie competenze tecnico – scientifiche. La relazione tra il medico ed il paziente assume sempre più importanza e richiede ormai, per i camici bianchi, una vera e propria formazione ad hoc.

La dottoressa Lucilla Ricottini, counselor e formatore sanitario oltre che medico, ha spiegato ai microfoni di Sanità Informazione come le nuove tecnologie, applicate all’ambito medico – formativo, possono ottimizzare il raggiungimento di alcune skills fondamentali per migliorare il rapporto medico – paziente, ed influire positivamente sull’esito terapeutico.

La formazione è importante nel mondo medico, soprattutto se unita alla comunicazione.
E’ verissimo, soprattutto perché per noi medici la comunicazione risulta sempre implicita nella relazione con il paziente. La relazione medico – paziente – la compliance,  è infatti importantissima al fine della riuscita della terapia; se il paziente è rassicurato dalla relazione con il medico, potenzia la risposta del suo organismo. E’ evidente quindi che prestare particolare attenzione all’aspetto relazionale e comunicativo incrementa l’efficacia terapeutica. Altro aspetto fondamentale è la comunicazione tra colleghi: una formazione che preveda contenuti riguardanti la relazione tra colleghi aiuta la professionalità e la crescita individuale.

Le nuove tecnologie vengono incontro ai processi di comunicazione e lo fanno, ad esempio, con la Formazione a Distanza: uno strumento che permette, in questo campo, un’efficacia particolare…
Sicuramente: per chi opera in ambito sanitario ed è quindi impegnato coi turni, la carenza di tempo renderebbe molto difficoltosa la formazione continua. Per fortuna, invece, la Formazione a Distanza permette non solo di usufruirne nei momenti più congeniali, ma di poter tornare più volte sullo stesso argomento per poterlo meglio assimilare. Credo che sia uno strumento più che prezioso, direi indispensabile.

In quest’ottica è stato pensato e realizzato un apposito corso FAD per i medici. In cosa consiste?
Questo corso fornirà delle competenze di base in counseling sanitario. Ciò significa che permetterà di acquisire delle capacità di ascolto empatico per entrare in contatto – in modo rapido ed efficace – con il paziente, attraverso l’uso della riformulazione, dell’ascolto attivo, e di altre tecniche che il corso approfondisce nel dettaglio. Il corso, inoltre, informerà in modo molto chiaro sulla relazione tra neuroscienze e capacità comunicative, permettendo quindi di comprendere le basi neuroscientifiche della comunicazione per usarla in modo più consapevole, e più soddisfacente.

Articoli correlati
Quali criteri deve adottare il Provider in riferimento alla sponsorizzazione commerciale?
Gli eventi possono essere sponsorizzati, mediante apposito contratto, da imprese commerciali operanti anche in ambito sanitario purché ciò non influenzi i contenuti formativi dell’evento. Non è consentito indicare lo sponsor commerciale nell’esposizione dei contenuti formativi, se non indicando il logo dello Sponsor prima dell’inizio e dopo il termine dell’evento. Lo sponsor può essere coinvolto nella […]
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
Scadenza triennio formativo, gli Ordini richiamano gli iscritti con informativa personalizzata
Il contenuto della lettera inviata agli iscritti all'Ordine dei medici di Siena. Del Gaudio (Opi Foggia): «Evitare rischio mancata copertura assicurativa». D’Avino (FIMP): «Il Cogeaps ha agito secondo la normativa, che gli iscritti conoscono». Antonazzo (Opi Lecce): «Solo il 28% degli iscritti certificabile»
Relazioni tossiche: l’amore patologico colpisce almeno il 5% della popolazione
Gori (docente Consulcesi): «Ce ne accorgiamo solo quando sfocia in gesti estremi, necessaria sensibilizzazione tra medici ed educazione affettiva»
ECM, ultimi due mesi per mettersi in regola. Anelli: «Assicurazione a rischio»
Dopo le lettere del Cogeaps alle Federazioni (trasmesse poi agli Ordini), i principali esponenti della sanità ribadiscono ai propri iscritti l’importanza di farsi trovare in regola alla scadenza del triennio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...