Formazione 24 Marzo 2022 10:14

Prevenzione, dal Covid al nucleare. «Gli asset fondamentali? Formazione e aggiornamento continuo»

Intervista a Federico Gelli (Fondazione Italia in Salute – Sanità Toscana): «Anni di scossoni per il Ssn, dobbiamo attrezzarci»

Alla fine di un biennio più che impegnativo per la sanità italiana, altre emergenze, che da umanitarie diventeranno anche inevitabilmente sanitarie, si affacciano ai nostri confini e ci coinvolgono. Il conflitto in atto in Ucraina implica la messa in moto di una poderosa ed efficiente macchina dell’accoglienza per i profughi in arrivo, che non potrà non tener conto delle dinamiche di prevenzione e profilassi vaccinale da attuare per evitare il diffondersi sul nostro territorio di nuove varianti di Sars-CoV-2 o altre patologie infettive.

Per non parlare del rischio di una escalation del conflitto che coinvolga eventuali attacchi a centrali nucleari, o peggio, che implichi l’uso di armi atomiche. È lo scenario peggiore, ma l’esperienza più recente ci ha insegnato che è bene essere preparati anche per le ipotesi più infauste. Una lezione che è stata sicuramente uno dei motori che hanno spinto, nei giorni scorsi, per l’approvazione dell’aggiornamento del Piano Nazionale per il rischio nucleare. Sul tema si è pronunciato alle nostre telecamere Federico Gelli, Presidente della Fondazione Italia in Salute e Direttore della Sanità in Regione Toscana.

«Tamponi ai profughi, bene rinnovo Piano NBCRE»

«La nostra sanità è ovviamente soggetta a tutti gli scossoni drammatici dell’attualità – commenta Gelli -. Da una parte la pandemia con tutte le conseguenze che ancora continuano a colpire il nostro sistema sanitario e la cittadinanza: i dati di questi ultimi giorni non sono incoraggianti. Dall’altra parte la dimensione di una guerra che pur essendo apparentemente lontana potrebbe avere conseguenze catastrofiche. Intanto- afferma – è necessario organizzare bene l’accoglienza ai profughi: i nostri sistemi sanitari regionali stanno affrontando bene per il momento questa sfida, sia dal punto di vista sanitario, che prevede che queste persone si sottopongano agli screening per il Covid-19 e alla vaccinazione. Soprattutto dobbiamo garantire a quei bambini che provengono da Paesi dove ancora esistono focolai epidemici di malattie infettive che da noi sono ormai sotto controllo la vaccinazione contro quelle stesse malattie, per impedire l’insorgenza di nuove epidemie. E poi – prosegue – c’è il rischio di un potenziale conflitto nucleare dalle conseguenze inimmaginabili contro le quali potremmo (in teoria) doverci misurare. Per questo è giusto che ci sia un Piano nazionale per il rischio NBCRE (nucleare biologico chimico radiologico ed esplosivo), e che tutte le Aziende si dotino di un piano per le maxi-emergenze. La speranza è che quella di non doverne usufruire mai, ovviamente, ma meglio essere previdenti».

«ECM garanzia della sicurezza delle prestazioni»

Un concetto di prevenzione che si lega sempre più strettamente a quello della formazione, dell’aggiornamento costante per essere in grado di rispondere in modo adeguato alle sfide sempre nuove a vario titolo stanno coinvolgendo il settore della sanità. Proprio nella legge 24/17, la cd. legge Gelli sulla responsabilità professionale del personale sanitario, l’obbligo di Educazione Continua in Medicina assume una rinnovata importanza, legandosi strettamente alla possibilità di accedere a una copertura assicurativa per la responsabilità professionale.

«Come abbiamo ribadito più volte – afferma Gelli – il percorso formativo dei professionisti è un elemento cardine per dare garanzie sul tema della sicurezza delle prestazioni che gli stessi professionisti sono chiamati a svolgere. È questa una strada importante da sottolineare, vedremo poi gli aspetti applicativi e le conseguenze sul sistema – conclude – ma sono convinto che sarà un ritorno molto positivo».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La medicina legale con Anelli. Palermo (Comlas): «Formazione continua indispensabile, non si finisce mai di studiare»
Vincenza Palermo (Presidente Comlas), Alessandro Dell’Erba (Presidente Famli) e Raffaele Migliorini (Medico legale Inps) concordano con il Presidente Fnomceo sulla importanza dell’aggiornamento professionale nell’ambito della medicina legale e della responsabilità sanitaria
ECM, Leoni (Fnomceo): «Prima responsabilità verso il paziente. Per deontologia e per legge»
L’intervista a tutto tondo a Sanità Informazione: «Formazione ECM uno stimolo ogni giorno. Investire sul personale medico e infermieristico, riprogrammare le risorse per la sanità territoriale. Bisogna considerare la sanità come un investimento e non come un costo in termini di salute dei cittadini»
In Italia è Padel-mania, ma gli esperti avvertono: «Contro i traumi in aumento, più prevenzione e preparazione fisica»
Al via i corsi Consulcesi con la collaborazione del dott. Andrea Grasso per formare medici e operatori sanitari a riconoscere e contrastare i danni fisici legati allo sport
Formazione ECM, Monaco (Co.Ge.A.P.S.): «Obbligo morale e deontologico scritto nel DNA del medico»
L’inadempienza potrebbe comportare ricadute assicurative. «Al di là dell’obbligo di legge, ogni medico deve formarsi per dare al cittadino il massimo della professionalità e delle competenze». Così Il segretario della Federazione degli ordini dei medici sull'ECM
Ecm, Anelli: «Formarsi significa garantire la qualità delle prestazioni»
Il Presidente Fnomceo incentiva la formazione medica e invita ad assolvere l’obbligo formativo in vista della stretta sulle polizze assicurative. «Oggi il professionista sanitario non formato si trova di fronte a delle difficoltà di carattere medico legale. Né le assicurazioni, né i giudici potranno comprendere perché non si è formato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...