Formazione 15 Aprile 2014 12:41

Nuove tecnologie e FAD, così cambia la professione medica

Parla Walter Mazzucco, presidente Sigm

Nuove tecnologie e FAD, così cambia la professione medica

Per capire come possa evolvere la professione sanitaria è necessario non solo conoscerne pratiche consolidate e storia, ma anche essere consapevoli di come sta evolvendo il mondo in cui il mestiere è radicato. Chi meglio dunque di un giovane medico può indicarci qual è la strada da seguire per avere una sanità sempre al passo con i tempi?

Abbiamo chiesto a Walter Mazzucco, presidente Sigm (Segretariato Italiano Giovani Medici) cosa pensa della nuova medicina, quella che sta nascendo grazie a nuove pratiche e tecnologie sempre più all’avanguardia. “Siamo perfettamente consapevoli delle sfide e delle criticità che abbiamo innanzi a noi. Nonostante questo, però, guardiamo al futuro con grande fiducia. Le professioni sanitarie debbono assolutamente cambiare e seguire l’evoluzione del “sistema salute”. È imprescindibile dunque – continua Mazzucco – avvalersi di un approccio multidisciplinare e ridurre il più possibile gli sprechi che esistono attualmente nella sanità, in modo da usare le risorse risparmiate per nuovi investimenti nella formazione”. Non si tratta però soltanto di un problema di risorse materiali: “Qui si parla di mettere un giovane professionista nelle condizioni di potersi esprimere al meglio, in un contesto organizzativo adeguato alle sue necessità, in modo da poter gradualmente acquisire un’ottima maturazione professionale”.

Maturazione che passa anche per un costante ed attento processo di formazione continua di cui il medico non può fare a meno. Le nuove tecnologie permettono ai camici bianchi di rimanere costantemente aggiornati attraverso corsi a distanza: “Lo strumento della FAD è oramai entrato nella pratica più comune ed è una metodologia sempre più utilizzata. Noi professionisti della medicina dobbiamo guardare con sempre maggior interesse a simili modalità di interazione tra strumenti a supporto della nostra formazione. Parlo anche, ad esempio, degli strumenti che permettono la simulazione in ambito chirurgico. Si tratta di innovazioni che danno un contributo determinante alla formazione di professionalità sempre più complete”.

Le nuove tecnologie permettono altresì di supportare i professionisti della sanità anche nello svolgimento del proprio lavoro: un pensiero non può che correre alle App mediche, l’ultima frontiera della medicina d’avanguardia. “Certamente, oggi la professione medica – spiega ancora Mazzucco – ha a sua disposizione tutta una serie di supporti (come i social network o la telemedicina) che aiutano in maniera determinante sia  il medico nello svolgimento del suo lavoro che il paziente nel corso della terapia. Quella delle nuove tecnologie è un’opportunità che dobbiamo riuscire a cogliere anche grazie all’aiuto di esperti non medici: faccio l’esempio degli ingegneri clinici, i quali possono dare un contributo professionale molto qualificato per garantire un livello delle cure elevatissimo”.

Articoli correlati
Quali sono le professioni destinatarie degli eventi inerenti le Pratiche e Medicine non convenzionali?
La Commissione nazionale per la formazione continua, nel corso della riunione del 26 ottobre u.s., ha approvato una delibera inerente le “Pratiche e Medicine non convenzionali”. Gli eventi formativi che riguardano pratiche e medicine non convenzionali, di cui alla vigente normativa, possono essere accreditati solo se prevedono nel programma contenuti tecnico-scientifici basati su prove di […]
Dieta vegetariana e mediterranea a confronto: quali sono i pro e i contro dei due regimi alimentari?
In un corso Fad definizione, differenze e benefici. Migliaccio (Resp. Scientifico): «Gli alimenti di origine animale – carne, uova, latte e pesce - hanno tutte le proteine nobili, gli amminoacidi essenziali, a differenza di quelli vegetali»
La formazione a distanza conquista i medici: boom nelle regioni ‘rosse’
L’identikit del medico che si aggiorna in epoca Covid: ha buone capacità informatiche, considera la FAD il futuro e la preferisce perché è padrone del proprio tempo
Covid-19, il corso ECM per tutelare gli operatori sanitari. Il medico del lavoro: «Formazione imprescindibile per protezione»
L’ebook fa parte della collana dedicata al Covid-19 promossa dal provider Sanità in-Formazione. Due i responsabili scientifici. Trasolini (Ingegnere): «Medici e operatori trincea contro il virus e argine contro il caos». Santacroce (Medico del lavoro): «In Italia normativa innovativa, conoscere un pericolo vuol dire già tenerlo lontano da noi al 50%»
Inquinamento domestico 5 volte maggiore di quello esterno: 10 indicazioni utili per una quarantena più sana
Areare gli ambienti 2-3 volte al giorno, non fumare al chiuso ed evitare accumuli di polvere i consigli degli esperti. Online Il corso FAD “Habitat. Medicina ambientale e patologie correlate”, promosso da Consulcesi Club
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 giugno, sono 176.273.244 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.812.157 i decessi. Ad oggi, oltre 2,37 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...