Formazione 7 Febbraio 2019

Riforma numero chiuso, Guicciardi (FederSpecializzandi): «Modello francese dà troppa discrezionalità ai professori»

Il presidente dell’associazione si dice contrario all’abolizione dell’accesso programmato alle facoltà di Medicina senza l’aumento delle borse di specializzazione. Guicciardi ha dubbi anche sul sistema utilizzato in Francia, con uno sbarramento alla fine del primo anno: «Sorgerebbe il problema della trasparenza e dell’equità. Anche la Francia lo sta rimettendo in discussione»

Immagine articolo

«Bisogna rivedere questo benedetto numero chiuso, che non è più adeguato ai tempi». Sono le parole del ministro della Salute Giulia Grillo, intervenuta nuovamente sull’annoso dibattito che riguarda l’accesso programmato ad alcune facoltà universitarie, Medicina inclusa. Immediate le reazioni di sindacati e associazioni di categoria, che hanno ribadito la necessità di aumentare le borse di specializzazione, e non di abolire il numero chiuso. Perché a mancare sono gli specialisti, non i medici.

LEGGI ANCHE: NUMERO CHIUSO, FNOMCeO ALLA CAMERA: «RISOLVERE IMBUTO FORMATIVO». IL RELATORE TUZI (M5S): «LAVORIAMO ANCHE SU LAUREA ABILITANTE E SCUOLE SPECIALIZZAZIONE»

Tra questi, c’è anche Stefano Guicciardi, presidente di FederSpecializzandi: «La riforma del numero chiuso non deve essere fatta come spot o slogan elettorale», dichiara a Sanità Informazione, sottolineando la sua posizione contraria all’apertura indiscriminata del percorso formativo. «Il nostro non è un no a prescindere – precisa Guicciardi – ma sono le attuali condizioni che rendono insostenibile questa proposta. Se venissero finanziate più risorse per le specializzazioni, se venissero creati ambienti universitari idonei, se si ragionasse anche su come riformare in toto la formazione, allora si potrebbe anche parlare di un allargamento dell’ingresso e di una rimodulazione degli accessi, ma così no».

C’è poi un discorso logistico, che secondo Guicciardi va tenuto in considerazione: «L’anno scorso c’erano 67mila candidati al test di accesso per circa 10mila posti. Senza questo filtro, le università sarebbero chiamate ad accogliere più del sestuplo degli studenti che accolgono oggi. Non ci sono abbastanza aule, se non si vuole che le lezioni vengano fatte negli stadi; non ci sono abbastanza docenti, se si vuole fare didattica di qualità; sarebbe impossibile organizzare i laboratori e le esercitazioni previsti già dal primo anno, per non parlare di eventuali momenti intorno al letto del paziente, dove non possono esserci tante persone. Ed è vero – continua Guicciardi – che c’è il diritto allo studio, ma c’è anche il diritto alla qualità dello studio. Se non si prevedono dei correttivi per affrontare questi problemi, non si può parlare di abolizione del numero chiuso, e senza la giusta proporzione tra laureati e contratti di formazione specialistica il sistema andrà al collasso».

Tra le tante proposte di superamento dell’attuale sistema di accesso, il modello francese è quello che ha ricevuto maggiore sostegno. Prevede uno sbarramento a numero programmato alla fine del secondo semestre, che blocca la strada all’80% degli studenti. Un sistema che la stessa Francia sta rimettendo in discussione, e che non convince nemmeno Guicciardi: «Se da un lato le difficoltà logistiche al primo anno rimarrebbero, dall’altro sorgerebbe il problema della trasparenza e dell’equità».

LEGGI ANCHE: FRANCIA, PRESENTATA RIFORMA SANITÀ. ABOLIRE NUMERO CHIUSO E RINVIGORIRE PERSONALE, ECCO GLI OBIETTIVI

«È vero che l’attuale test è perfettibile – prosegue Guicciardi – ma essendo nazionale e uguale per tutti sicuramente presenta maggiore obiettività e standardizzazione. Se invece viene stabilito che solo chi ha una determinata media alla fine del primo anno può iscriversi al secondo, si dà molto potere alla discrezionalità dei professori. Se un docente, ad esempio, vuole ostacolare o agevolare il percorso di uno studente, può, in linea teorica, abbassargli o aumentargli la media in maniera arbitraria, e con un numero elevato di studenti anche un voto può fare la differenza. Insomma, ci sono tanti elementi che ci portano a dire che il modello francese al momento è un po’ rischioso. Piuttosto, bisognerebbe investire in programmi di orientamento strutturati prima del test, che facciano comprendere meglio cosa significhi concretamente studiare medicina e fare il medico, preparando gli aspiranti studenti ai sacrifici che dovranno affrontare. Guardiamo con interesse ad alcune esperimenti in tal senso promossi anche dalla FNOMCeO».

Il punto focale, per tirar le somme, è quindi l’aumento dei contratti di specializzazione, perché «le carenze di organico frutto di una programmazione sbagliata iniziata un decennio fa iniziano a farsi sentire», commenta Guicciardi. I nodi stanno venendo al pettine, e tra pensionamenti, quota 100 e medici che vanno all’estero, il rischio che i nostri ospedali si ritrovino senza specialisti è dietro l’angolo.

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI, LEONI (CIMO): «ALLARMI IGNORATI PER ANNI. ORA, FATALITÀ, NON CI SONO CANDIDATI AI CONCORSI»

Articoli correlati
Il segreto di un bel giallo? L’aiuto del medico legale. De Giovanni: «Quanti referti ho studiato per il Commissario Ricciardi…»
Lo scrittore napoletano ha raccontato i retroscena dei suoi gialli al convegno “Rischio clinico e gestione del contenzioso”. Poi, ha confessato: «Ho un figlio medico ma sono un pessimo paziente»
Gestione rischio sanitario, Sham partner di Uni Torino per insegnare la sicurezza delle cure
Per la prima volta, la gestione del rischio sanitario diventa materia di insegnamento magistrale all’Università di Torino grazie alla partnership con Sham, società del gruppo europeo Relyens, da oltre 90 anni specializzata nella gestione della RC Sanitaria e nel risk management. Partiranno infatti il 19 febbraio le lezioni di “Governance e gestione del rischio clinico […]
Ricerca, il ministro Manfredi: «Garantire concorsi meritocratici». E sul numero chiuso: «Aumentare posti ma riflettere su riforma»
Ospite d'onore del forum Health & Science Bridge del Centro Studi Americani, il ministro della Ricerca sottolinea: «In Italia si parla troppo poco di ricerca, ma ora l'approccio sta cambiando. Fondamentale la multidisciplinarietà»
Chirurgia plastica, dagli antichi egizi alle stampanti tridimensionali: le tappe di uno sviluppo millenario
Latorre (chirurgo plastico): «Durante la prima guerra mondiale le parti mancanti dei volti deturpati venivano riprodotte con delle maschere sottilissime di rame»
di Isabella Faggiano
“Sii gentile, sempre”. Lettera di una studentessa di Medicina
Uno studente di Medicina studia 6 anni prima di potersi laureare, 6 anni pieni di lezioni obbligatorie, tirocini, internati, frustrazioni, successi, bocciature, esami fatti di una, due, tre parti, a volte quattro, tempi stretti, tasse, libri enormi, progetti, poi deve abilitarsi, poi deve affrontare un test per entrare in specializzazione. Tanto tempo. Da un po’ […]
di Antonella Moschillo, studentessa di Medicina
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 24 febbraio 2020 sono 79.434 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 25.044 mentre i morti sono 2.619. I CASI IN ITALIA Bollettino delle or...