Formazione 7 Febbraio 2019

Riforma numero chiuso, Guicciardi (FederSpecializzandi): «Modello francese dà troppa discrezionalità ai professori»

Il presidente dell’associazione si dice contrario all’abolizione dell’accesso programmato alle facoltà di Medicina senza l’aumento delle borse di specializzazione. Guicciardi ha dubbi anche sul sistema utilizzato in Francia, con uno sbarramento alla fine del primo anno: «Sorgerebbe il problema della trasparenza e dell’equità. Anche la Francia lo sta rimettendo in discussione»

Immagine articolo

«Bisogna rivedere questo benedetto numero chiuso, che non è più adeguato ai tempi». Sono le parole del ministro della Salute Giulia Grillo, intervenuta nuovamente sull’annoso dibattito che riguarda l’accesso programmato ad alcune facoltà universitarie, Medicina inclusa. Immediate le reazioni di sindacati e associazioni di categoria, che hanno ribadito la necessità di aumentare le borse di specializzazione, e non di abolire il numero chiuso. Perché a mancare sono gli specialisti, non i medici.

LEGGI ANCHE: NUMERO CHIUSO, FNOMCeO ALLA CAMERA: «RISOLVERE IMBUTO FORMATIVO». IL RELATORE TUZI (M5S): «LAVORIAMO ANCHE SU LAUREA ABILITANTE E SCUOLE SPECIALIZZAZIONE»

Tra questi, c’è anche Stefano Guicciardi, presidente di FederSpecializzandi: «La riforma del numero chiuso non deve essere fatta come spot o slogan elettorale», dichiara a Sanità Informazione, sottolineando la sua posizione contraria all’apertura indiscriminata del percorso formativo. «Il nostro non è un no a prescindere – precisa Guicciardi – ma sono le attuali condizioni che rendono insostenibile questa proposta. Se venissero finanziate più risorse per le specializzazioni, se venissero creati ambienti universitari idonei, se si ragionasse anche su come riformare in toto la formazione, allora si potrebbe anche parlare di un allargamento dell’ingresso e di una rimodulazione degli accessi, ma così no».

C’è poi un discorso logistico, che secondo Guicciardi va tenuto in considerazione: «L’anno scorso c’erano 67mila candidati al test di accesso per circa 10mila posti. Senza questo filtro, le università sarebbero chiamate ad accogliere più del sestuplo degli studenti che accolgono oggi. Non ci sono abbastanza aule, se non si vuole che le lezioni vengano fatte negli stadi; non ci sono abbastanza docenti, se si vuole fare didattica di qualità; sarebbe impossibile organizzare i laboratori e le esercitazioni previsti già dal primo anno, per non parlare di eventuali momenti intorno al letto del paziente, dove non possono esserci tante persone. Ed è vero – continua Guicciardi – che c’è il diritto allo studio, ma c’è anche il diritto alla qualità dello studio. Se non si prevedono dei correttivi per affrontare questi problemi, non si può parlare di abolizione del numero chiuso, e senza la giusta proporzione tra laureati e contratti di formazione specialistica il sistema andrà al collasso».

Tra le tante proposte di superamento dell’attuale sistema di accesso, il modello francese è quello che ha ricevuto maggiore sostegno. Prevede uno sbarramento a numero programmato alla fine del secondo semestre, che blocca la strada all’80% degli studenti. Un sistema che la stessa Francia sta rimettendo in discussione, e che non convince nemmeno Guicciardi: «Se da un lato le difficoltà logistiche al primo anno rimarrebbero, dall’altro sorgerebbe il problema della trasparenza e dell’equità».

LEGGI ANCHE: FRANCIA, PRESENTATA RIFORMA SANITÀ. ABOLIRE NUMERO CHIUSO E RINVIGORIRE PERSONALE, ECCO GLI OBIETTIVI

«È vero che l’attuale test è perfettibile – prosegue Guicciardi – ma essendo nazionale e uguale per tutti sicuramente presenta maggiore obiettività e standardizzazione. Se invece viene stabilito che solo chi ha una determinata media alla fine del primo anno può iscriversi al secondo, si dà molto potere alla discrezionalità dei professori. Se un docente, ad esempio, vuole ostacolare o agevolare il percorso di uno studente, può, in linea teorica, abbassargli o aumentargli la media in maniera arbitraria, e con un numero elevato di studenti anche un voto può fare la differenza. Insomma, ci sono tanti elementi che ci portano a dire che il modello francese al momento è un po’ rischioso. Piuttosto, bisognerebbe investire in programmi di orientamento strutturati prima del test, che facciano comprendere meglio cosa significhi concretamente studiare medicina e fare il medico, preparando gli aspiranti studenti ai sacrifici che dovranno affrontare. Guardiamo con interesse ad alcune esperimenti in tal senso promossi anche dalla FNOMCeO».

Il punto focale, per tirar le somme, è quindi l’aumento dei contratti di specializzazione, perché «le carenze di organico frutto di una programmazione sbagliata iniziata un decennio fa iniziano a farsi sentire», commenta Guicciardi. I nodi stanno venendo al pettine, e tra pensionamenti, quota 100 e medici che vanno all’estero, il rischio che i nostri ospedali si ritrovino senza specialisti è dietro l’angolo.

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI, LEONI (CIMO): «ALLARMI IGNORATI PER ANNI. ORA, FATALITÀ, NON CI SONO CANDIDATI AI CONCORSI»

Articoli correlati
Napoli, la Federico II lancia il Master in Vaccinologia. Boom di richieste tra i giovani medici
La direttrice del corso: «Forniamo agli operatori impegnati nelle attività di prevenzione tutti gli strumenti epidemiologici e di valutazione sull’efficacia dei vaccini e delle strategie vaccinali»
Al Museo con SLA, anche adesso: tour virtuale di AISLA Firenze sulle tracce dei Medici
Il progetto è iniziato nel 2015 e prevede una visita ogni mese. L’arte ha una funzione terapeutica riconosciuta dalla medicina
“L’Università ai tempi del coronavirus”. Domenica 17 maggio videoforum Giovani Democratici con Lorenzin, Boldrini, Gaudio
«L’università ai tempi del coronavirus. misure e strategie?». È questo il titolo del nuovo appuntamento in videoconferenza del Forum Sanità dei Giovani Democratici.  Al centro del dibattito ci saranno i temi più caldi del momento: si parlerà di come è stata garantita l’attività universitaria in questi mesi e cosa è stato fatto per tutelare gli studenti, […]
Specializzazioni, interrogazione Boldrini-Iori (Pd): «Urgente definire risorse per borse». Manai: «Obiettivo una borsa per laureato»
«In questi anni sono state stanziate risorse per far fronte a questa esigenza, ma mai in maniera esaustiva. Chiediamo di fare chiarezza sui fabbisogni», sottolineano le senatrici dem rivolgendosi ai ministri Speranza e Manfredi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 maggio, sono 5.695.290 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 355.701 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 27 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...