Formazione 22 Novembre 2019

Numero chiuso, da Napoli il racconto di chi ce l’ha fatta ed è stato ammesso a Medicina dopo il ricorso

A seguito dell’ordinanza del Consiglio di Stato abbiamo intervistato i ragazzi che grazie al ricorso con Consulcesi hanno potuto immatricolarsi. Ecco le storie di Andrea e Paola

Immagine articolo

Ha spalancato le porte a un sogno l’ordinanza del Consiglio di Stato che lo scorso 8 ottobre ha riammesso 250 studenti alle Facoltà di Medicina e Chirurgia, dando ragione a coloro che avevano fatto ricorso in merito tramite il network legale Consulcesi. Un sogno che per molti, troppi studenti, rischia ogni anno di infrangersi contro il muro di irregolarità che si registrano in sede di test d’accesso, e da cui scaturiscono, appunto, ondate di ricorsi.

Circa un quarto degli studenti interessati dalla pronuncia è del Sud Italia e, nello specifico, il 7% proviene da Napoli. Proprio qui, nel capoluogo campano, Sanità Informazione ha raccolto le testimonianze di Andrea e Paola, due dei tanti ragazzi che quest’anno potranno finalmente immatricolarsi al corso di laurea in Medicina e Chirurgia.

LEGGI ANCHE: NUMERO CHIUSO, ORDINANZA DEL CONSIGLIO DI STATO: RIAMMESSI CENTINAIA DI STUDENTI A MEDICINA

«Il sogno di diventare medico ce l’ho sin da bambina – ci confida Paola, che all’intervista è accompagnata dal suo papà, entusiasta di questa vittoria almeno quanto lei – e mi è stato trasmesso proprio da alcuni medici che ho conosciuto, vedendo la loro passione e il loro entusiasmo nel prendersi cura degli altri».  Secondo Paola, il criterio del numero chiuso sarebbe da rivedere dal momento che «una sorta di selezione naturale si riscontra comunque nel corso degli anni di studio». La sua esperienza con i test d’ingresso è tutt’altro che positiva, dal momento che, come lei stessa ammette «ho riscontrato molte anomalie che purtroppo, al momento, non ho avuto il coraggio di denunciare: ho visto con i miei occhi due colleghi tenere con sè il telefono, per non parlare di quello che mi è stato raccontato da altri».

Il papà di Paola a questo punto interviene e non ha peli sulla lingua: «Il test è concepito in modo tale da non premiare minimamente il merito. Almeno in passato il voto di diploma aveva un certo peso nella graduatoria, ora nemmeno quello». Adesso, grazie al ricorso vinto, la rabbia è acqua passata e lascia il posto alla soddisfazione: «Dietro consiglio di alcuni amici – racconta il papà – che avevano avuto delle esperienze positive con Consulcesi, abbiamo deciso di rivolgerci a loro per far valere le nostre ragioni, o meglio, le ragioni di Paola: e così è stato. Siamo felicissimi di questo risultato».

LEGGI ANCHE: TEST MEDICINA, LA MAPPA DELLE RIAMMISSIONI: IL 42% È DEL NORD, DONNE IN MAGGIORANZA

Incontriamo Andrea capiamo che ha appena ricevuto la buona notizia, e la sua allegria è contagiosa per tutta la durata dell’intervista, nonostante il ricordo poco piacevole del giorno dei test d’ingresso: «Si avvertiva subito un’atmosfera ‘strana’. Vedevo candidati col telefonino, addirittura sono comparse delle tavole periodiche. Ho sostenuto il test nonostante lo stress e la consapevolezza che non era così che doveva andare, già pensando a un piano B. Mi sono documentato attraverso vari canali su quale potesse essere il modo per far valere le mie ragioni, e sono approdato a Consulcesi, che proprio stamattina mi ha annunciato che ora sono ufficialmente uno studente di Medicina. Il mio ringraziamento va tutto a loro». L’allegria non riesce a nascondere la commozione di un ragazzo appena ventenne che ha coronato il proprio sogno, dopo anni di studio e di sacrifici.  «Scusate l’emozione… è che non riesco ancora a crederci…».

Articoli correlati
Coronavirus Campania, torna a casa il “paziente 1”: «Arrivò da Milano senza sintomi, infettati in 7»
Parla il titolare dello studio legale in cui lavora l’avvocato che, nelle scorse settimane, era stato indicato anche dal Presidente De Luca come il primo caso di Coronavirus nella Regione. «Era stato definito irresponsabile ma sia lui che noi dello studio abbiamo preso tutte le precauzioni possibili»
Ex specializzandi, sentenza storica a Genova. Consulcesi: «Rimborsi fino a 100mila euro e la prescrizione non è mai iniziata»
Rimborsati oltre 11 milioni a centinaia di medici che non avevano ottenuto la giusta retribuzione negli anni di scuola post-laurea. L’Avvocato Tortorella: «Sentenza fondamentale che altri Tribunali, Corti d’Appello e Cassazione non potranno ignorare»
Dalla pensione alla trincea, la storia dell’ex primario infettivologo Franco Faella: «Ma non chiamatemi eroe»
I primi anni in servizio durante l’epidemia di colera a Napoli, poi una lunga carriera al Cotugno. Oggi, a 74 anni, il nuovo incarico al Loreto Mare, riconvertito in ospedale Covid-19: «Mi aspettavo una catastrofica eruzione del Vesuvio, ma non questo. È un'emergenza storica». Poi il monito: «In futuro ci saranno altre minacce virali, che questa esperienza serva a non abbassare più la guardia»
Coronavirus a Napoli, risolto il caso dei giovani anestesisti. Contratto firmato dopo il clamore mediatico
Soddisfazione da parte del dg Asl Napoli 1 Ciro Verdoliva: «Ha prevalso il buon senso, siamo tutti dalla stessa parte contro un nemico comune». Lo specializzando: «Le nostre richieste di tutela sono state ascoltate»
Coronavirus, SIGM: «Delusi dal mancato stanziamento dei fondi in ultimo decreto per formazione, ma non ci fermeremo»
Al via accordo Consulcesi- SIGM per tutela legale, assicurativa e formazione gratuita ai giovani medici. Tortorella (Pres. Consulcesi): «Più attenzione ai giovani medici, grave mancanza borse specialità in decreto Conte»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 marzo, sono 665.616 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 30.857 i decessi e 141.746 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bollettino...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...