Formazione 22 Novembre 2019

Numero chiuso, da Napoli il racconto di chi ce l’ha fatta ed è stato ammesso a Medicina dopo il ricorso

A seguito dell’ordinanza del Consiglio di Stato abbiamo intervistato i ragazzi che grazie al ricorso con Consulcesi hanno potuto immatricolarsi. Ecco le storie di Andrea e Paola

Immagine articolo

Ha spalancato le porte a un sogno l’ordinanza del Consiglio di Stato che lo scorso 8 ottobre ha riammesso 250 studenti alle Facoltà di Medicina e Chirurgia, dando ragione a coloro che avevano fatto ricorso in merito tramite il network legale Consulcesi. Un sogno che per molti, troppi studenti, rischia ogni anno di infrangersi contro il muro di irregolarità che si registrano in sede di test d’accesso, e da cui scaturiscono, appunto, ondate di ricorsi.

Circa un quarto degli studenti interessati dalla pronuncia è del Sud Italia e, nello specifico, il 7% proviene da Napoli. Proprio qui, nel capoluogo campano, Sanità Informazione ha raccolto le testimonianze di Andrea e Paola, due dei tanti ragazzi che quest’anno potranno finalmente immatricolarsi al corso di laurea in Medicina e Chirurgia.

LEGGI ANCHE: NUMERO CHIUSO, ORDINANZA DEL CONSIGLIO DI STATO: RIAMMESSI CENTINAIA DI STUDENTI A MEDICINA

«Il sogno di diventare medico ce l’ho sin da bambina – ci confida Paola, che all’intervista è accompagnata dal suo papà, entusiasta di questa vittoria almeno quanto lei – e mi è stato trasmesso proprio da alcuni medici che ho conosciuto, vedendo la loro passione e il loro entusiasmo nel prendersi cura degli altri».  Secondo Paola, il criterio del numero chiuso sarebbe da rivedere dal momento che «una sorta di selezione naturale si riscontra comunque nel corso degli anni di studio». La sua esperienza con i test d’ingresso è tutt’altro che positiva, dal momento che, come lei stessa ammette «ho riscontrato molte anomalie che purtroppo, al momento, non ho avuto il coraggio di denunciare: ho visto con i miei occhi due colleghi tenere con sè il telefono, per non parlare di quello che mi è stato raccontato da altri».

Il papà di Paola a questo punto interviene e non ha peli sulla lingua: «Il test è concepito in modo tale da non premiare minimamente il merito. Almeno in passato il voto di diploma aveva un certo peso nella graduatoria, ora nemmeno quello». Adesso, grazie al ricorso vinto, la rabbia è acqua passata e lascia il posto alla soddisfazione: «Dietro consiglio di alcuni amici – racconta il papà – che avevano avuto delle esperienze positive con Consulcesi, abbiamo deciso di rivolgerci a loro per far valere le nostre ragioni, o meglio, le ragioni di Paola: e così è stato. Siamo felicissimi di questo risultato».

LEGGI ANCHE: TEST MEDICINA, LA MAPPA DELLE RIAMMISSIONI: IL 42% È DEL NORD, DONNE IN MAGGIORANZA

Incontriamo Andrea capiamo che ha appena ricevuto la buona notizia, e la sua allegria è contagiosa per tutta la durata dell’intervista, nonostante il ricordo poco piacevole del giorno dei test d’ingresso: «Si avvertiva subito un’atmosfera ‘strana’. Vedevo candidati col telefonino, addirittura sono comparse delle tavole periodiche. Ho sostenuto il test nonostante lo stress e la consapevolezza che non era così che doveva andare, già pensando a un piano B. Mi sono documentato attraverso vari canali su quale potesse essere il modo per far valere le mie ragioni, e sono approdato a Consulcesi, che proprio stamattina mi ha annunciato che ora sono ufficialmente uno studente di Medicina. Il mio ringraziamento va tutto a loro». L’allegria non riesce a nascondere la commozione di un ragazzo appena ventenne che ha coronato il proprio sogno, dopo anni di studio e di sacrifici.  «Scusate l’emozione… è che non riesco ancora a crederci…».

Articoli correlati
Napoli, al Policlinico Vanvitelli nuova sala d’attesa per il Centro regionale di diabetologia pediatrica
Venerdì 24 gennaio 2020, alle ore 15.00, avrà luogo l’inaugurazione della nuova sala d’attesa del Reparto di Diabetologia Pediatrica dell’Azienda Ospedaliera Universitaria “Luigi Vanvitelli” di Napoli. Le pareti bianche hanno fatto posto al mare popolato da pesci sorridenti e alghe amiche che tentano di rendere meno difficile la permanenza del bambino in ospedale. Ma non […]
Operatori sanitari ancora vittime di aggressioni. Violenze negli ospedali di Roma, Siracusa e Napoli
Le vittime sono due infermieri, una guardia medica e un chirurgo in servizio al Pronto Soccorso. «C'è rabbia e timore per non poter svolgere il lavoro in tranquillità. Non abbiamo nessuna tutela sotto il profilo della sicurezza» ha dichiarato la dottoressa aggredita a Siracusa
Burnout e malattie cardiache, dalla scienza nuove possibilità di risarcimento
Italia tra i Paesi europei con operatori sanitari più stressati: la sindrome colpisce il 90% in corsia. Consulcesi attiva sportello gratuito per la prima valutazione medico-legale e consulenza legale: all’esame tutti i fattori di rischio, come riconoscere i sintomi e come tutelarsi
A Napoli le prime ambulanze con telecamere. Cisl Medici Lazio: «Bene così. Aumenterà la sicurezza»
«Complimenti al governatore della Campania. Aveva assicurato misure in tempi rapidi e se il buongiorno si vede dal mattino siamo sicuri che aumenteranno le condizioni di sicurezza dei lavoratori addetti all’emergenza», così in un comunicato Luciano Cifaldi, segretario della Cisl Medici Lazio.
«Specializzandi al terzo anno in corsia? Servono tutele». Manai e Romualdi lanciano il laboratorio Pd sulla formazione
L’evento l’11 gennaio a Firenze. Tra gli ospiti Ascani, Gaudio, Zampa, Carnevali, Gnecchi. Sul test di Medicina aprono a una revisione in senso meritocratico ma salvaguardando il numero programmato. E sulle borse di specializzazione: «L'obiettivo è arrivare a 11500»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...