Formazione 22 Novembre 2019

Numero chiuso, da Napoli il racconto di chi ce l’ha fatta ed è stato ammesso a Medicina dopo il ricorso

A seguito dell’ordinanza del Consiglio di Stato abbiamo intervistato i ragazzi che grazie al ricorso con Consulcesi hanno potuto immatricolarsi. Ecco le storie di Andrea e Paola

Numero chiuso, da Napoli il racconto di chi ce l’ha fatta ed è stato ammesso a Medicina dopo il ricorso

Ha spalancato le porte a un sogno l’ordinanza del Consiglio di Stato che lo scorso 8 ottobre ha riammesso 250 studenti alle Facoltà di Medicina e Chirurgia, dando ragione a coloro che avevano fatto ricorso in merito tramite il network legale Consulcesi. Un sogno che per molti, troppi studenti, rischia ogni anno di infrangersi contro il muro di irregolarità che si registrano in sede di test d’accesso, e da cui scaturiscono, appunto, ondate di ricorsi.

Circa un quarto degli studenti interessati dalla pronuncia è del Sud Italia e, nello specifico, il 7% proviene da Napoli. Proprio qui, nel capoluogo campano, Sanità Informazione ha raccolto le testimonianze di Andrea e Paola, due dei tanti ragazzi che quest’anno potranno finalmente immatricolarsi al corso di laurea in Medicina e Chirurgia.

LEGGI ANCHE: NUMERO CHIUSO, ORDINANZA DEL CONSIGLIO DI STATO: RIAMMESSI CENTINAIA DI STUDENTI A MEDICINA

«Il sogno di diventare medico ce l’ho sin da bambina – ci confida Paola, che all’intervista è accompagnata dal suo papà, entusiasta di questa vittoria almeno quanto lei – e mi è stato trasmesso proprio da alcuni medici che ho conosciuto, vedendo la loro passione e il loro entusiasmo nel prendersi cura degli altri».  Secondo Paola, il criterio del numero chiuso sarebbe da rivedere dal momento che «una sorta di selezione naturale si riscontra comunque nel corso degli anni di studio». La sua esperienza con i test d’ingresso è tutt’altro che positiva, dal momento che, come lei stessa ammette «ho riscontrato molte anomalie che purtroppo, al momento, non ho avuto il coraggio di denunciare: ho visto con i miei occhi due colleghi tenere con sè il telefono, per non parlare di quello che mi è stato raccontato da altri».

Il papà di Paola a questo punto interviene e non ha peli sulla lingua: «Il test è concepito in modo tale da non premiare minimamente il merito. Almeno in passato il voto di diploma aveva un certo peso nella graduatoria, ora nemmeno quello». Adesso, grazie al ricorso vinto, la rabbia è acqua passata e lascia il posto alla soddisfazione: «Dietro consiglio di alcuni amici – racconta il papà – che avevano avuto delle esperienze positive con Consulcesi, abbiamo deciso di rivolgerci a loro per far valere le nostre ragioni, o meglio, le ragioni di Paola: e così è stato. Siamo felicissimi di questo risultato».

LEGGI ANCHE: TEST MEDICINA, LA MAPPA DELLE RIAMMISSIONI: IL 42% È DEL NORD, DONNE IN MAGGIORANZA

Incontriamo Andrea capiamo che ha appena ricevuto la buona notizia, e la sua allegria è contagiosa per tutta la durata dell’intervista, nonostante il ricordo poco piacevole del giorno dei test d’ingresso: «Si avvertiva subito un’atmosfera ‘strana’. Vedevo candidati col telefonino, addirittura sono comparse delle tavole periodiche. Ho sostenuto il test nonostante lo stress e la consapevolezza che non era così che doveva andare, già pensando a un piano B. Mi sono documentato attraverso vari canali su quale potesse essere il modo per far valere le mie ragioni, e sono approdato a Consulcesi, che proprio stamattina mi ha annunciato che ora sono ufficialmente uno studente di Medicina. Il mio ringraziamento va tutto a loro». L’allegria non riesce a nascondere la commozione di un ragazzo appena ventenne che ha coronato il proprio sogno, dopo anni di studio e di sacrifici.  «Scusate l’emozione… è che non riesco ancora a crederci…».

Articoli correlati
Numero chiuso, De Filippo (IV): «Emendamento a legge di Bilancio per far entrare chi ha fatto ricorso»
Tra i provvedimenti allo studio, anche un ulteriore aumento delle borse di specializzazione. Di Maio (IV): «Allargare le possibilità di accesso alla professione medica»
Aggressioni, l’allarme di Consulcesi: «Accendere riflettori anche su violenza operatori sanitari. Il 70% sono donne»
Il Presidente Massimo Tortorella: «Tutelare gli operatori sanitari sempre in prima linea». Telefono Rosso: la linea dedicata che risponde al numero 800.620.525
Covid-19, Tortorella (Consulcesi): «Chiamata alle armi per medici ma chiediamo rispetto per ex specializzandi e nuove regole all’Università»
Oggi scadono i termini del bando per arruolare personale da impiegare negli ospedali più in difficoltà. Il presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella: «Sosteniamo l’iniziativa del Governo con una campagna senza precedenti per la pandemia con la forza del più grande big data italiano, ma pretendiamo il rispetto degli specialisti non pagati e di chi fa ricorso per entrare a Medicina: subito la soluzione con l’approvazione della nuova Manovra finanziaria»
«Abbiamo bisogno di giovani con zoccoli sanitari, non sneakers colorate». La provocazione social di Consulcesi
Il presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella: «Migliaia di ragazzi hanno fatto la fila fuori agli Atenei dopo aver studiato e fatto sacrifici e meritano una selezione meritocratica e intanto il Covid ha messo in evidenza la mancanza di specialisti: Parlamento verso una nuova sanatoria per l’ondata di ricorsi»
Medici specializzandi, giustizia per 390 camici bianchi: rimborsi per 10 milioni di euro
Massimo Tortorella (Presidente Consulcesi): «Confidiamo nell'intervento del Parlamento e auspichiamo soluzione nella prossima finanziaria, altrimenti siamo pronti a fare guerra nei tribunali»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli