Formazione 6 Ottobre 2015 15:47

Numero chiuso, cronaca di una disfatta annunciata

Ecco le irregolarità da nord a sud. Con la pubblicazione delle graduatorie definitive valanghe di ricorsi in arrivo

Numero chiuso, cronaca di una disfatta annunciata

Il verdetto sui risultati dei test di accesso a medicina 2015 uscirà a momenti e, stando alle prime graduatorie, lascerà a bocca asciutta migliaia di studenti. Quanti di loro si arrenderanno? Ben pochi.


Lo svolgimento dei test è stato macchiato da irregolarità diffuse a macchie d’olio nei vari atenei d’Italia, e segnalate allo sportello virtuale www.numerochiuso.info. Ma quali sono state, nello specifico, queste irregolarità? Mentre gli esclusi sono già sul piede sul guerra e si preannunciano ricorsi in massa, Sanità informazione ha redatto un dossier per far luce su quello che è accaduto davvero l’8 settembre 2015 nelle aule in cui si sono svolti i test da Nord a Sud dello stivale.

Buste consegnate aperte a Pavia, e svariati minuti di ritardo (8 a Verona, 15 a Trieste) sull’inizio effettivo dei test, decurtati poi dai 100 totali a disposizione per completare la prova. Solo ad alcuni, viceversa, è stato concesso più tempo del previsto: è accaduto a Pisa (addirittura mezzora in più) e a Modena dove, peraltro, le etichette identificative venivano attaccate ai fogli solo dopo la consegna. Torniamo a Trieste, dove sono stati segnalati fogli macchiati con inchiostro (fatto riscontrato anche a Cagliari e Catanzaro) e dove ad alcuni studenti è stato annullato il test poiché mancava la firma, mentre ad altri invece è stata data la possibilità di firmare successivamente. A Milano ‘Bicocca,’ addirittura, gli studenti seduti tra le ultime file hanno potuto modificare le risposte al termine del test, con una penna portata da casa. Un episodio, quest’ultimo, verificatosi anche a Pisa. Confusione a Chieti sui plichi scambiati più volte per presunti errori di stampa.

In due atenei, quello di Roma Tor Vergata e quello de L’Aquila è stato concesso ad alcuni studenti presentatisi in ritardo, di accedere comunque alla prova. Alla Sapienza, principale ateneo della Capitale, invece, non solo non è stata effettuata l’identificazione degli studenti, ma questi hanno potuto tenere ed usare il cellulare durante il test; e non finisce qui: alcuni partecipanti erano in possesso di un foglio dov’erano segnate le risposte del quiz. A Campobasso è successo invece che ad un ragazzo è stata data la possibilità di inserire i propri dati anagrafici a fine test con una penna rossa. La sua scheda sarà facilmente identificabile in mezzo alle altre. A Sassari, ad un ragazzo è stata data la busta con il test già compilato, e successivamente è stata sostituita. Spostiamoci a Bari, dove il chiacchiericcio dei commissari tra i banchi, e il suono dei cellulari, facevano da sottofondo. A Salerno, invece, è stata notata la presenza sospetta di candidati in età non propriamente universitaria, mentre a Palermo Il presidente di commissione ha infranto un divieto staccando personalmente il codice alfa numerico ad un candidato. A poca distanza, a Catania, un caso eclatante: uno studente riferisce di una mancata garanzia dell’anonimato, in merito al quale è stato redatto un verbale e richiesto (e ottenuto) l’intervento della polizia.

Articoli correlati
Test Medicina: da Consulcesi “manuale di sopravvivenza” per gestire studio e stress
Boom di candidature per il Test di Medicina. Anche quest'anno previsto esercito di esclusi. La guida pratica per gli studenti
Tamponi rapidi, Nas chiudono 21 punti prelievo. 18 operatori lavoravano senza Green pass
I servizi di controllo hanno interessato 1.360 farmacie e centri di analisi, rilevando 170 irregolarità e 282 violazioni. Dall’uso di tamponi e kit reagenti non regolari alla mancata identificazione delle persone fino all’effettuazione dei test da personale non qualificato e in ambienti non idonei
Numero chiuso, il Rettore Gavino Mariotti (Sassari): «Incide negativamente sulla carenza di medici, servono graduatorie locali»
Per il Magnifico Rettore dell’Università sarda «i sistemi sanitari regionali, come quello sardo ma non solo, hanno gravi carenze di professionalità mediche». E rilancia la proposta di andare nelle scuole per preparare i giovani al test d’ingresso
di Francesco Torre
Test Medicina, Mur: «Sbagliate una domanda e 3 soluzioni indicate»
Il Ministero dell'Università ammette l'errore (doppio)
Errori nel test di Medicina, nuova interrogazione parlamentare: «Verificare commissioni che preparano le domande»
L’On. Rosalba Cimino (M5S): «È il momento di far venire alla luce il meccanismo attraverso il quale vengono prodotti i test di ammissione a Medicina». Il precedente del test (annullato) per entrare nella Scuola di Specializzazione in Medicina
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale