Formazione 7 Aprile 2022 11:57

Nasce la prima scuola nel Metaverso

All’Istituto internazionale Saint Louis di Milano il progetto pilota realizzato dal gruppo Inspired Educational Group che permette agli studenti di utilizzare un nuovo metodo di apprendimento ibrido per potenziare il percorso di studi

Dopo la didattica a distanza, nasce la prima scuola nel Metaverso. A sperimentare l’apprendimento con la virtual reality è l’Istituto internazionale Saint Louis di Milano, con un progetto pilota che permette agli studenti di vivere esperienze uniche. Siamo andati al campus Archinto di via Olmetto per conoscere come lavorano i ragazzi della Saint Louis. Un magnifico palazzo storico del XVII secolo rappresenta il connubio ideale tra presente e futuro. Le classi si affacciano su bellissime corti e giardini interni, mentre nel seminterrato, dove ancora si possono ammirare rovine storiche, ha sede la palestra dove gli studenti sono impegnati in una lezione di educazione fisica virtual reality.

Visori in 3D e guanti con sensori per competizioni virtuali

Grazie a visori in 3D e guanti con sensori i ragazzi si possono misurano con esercizi di precisione, di forza, fanno attività fisica su campi di calcio, di basket o di atletica virtuali. Strumenti che permettono loro di fare un allenamento individuale, come disputare partite e gare con atleti di ogni parte del mondo. «Questa nuova modalità di studio è stimolante, ci consente di migliorare le nostre capacità, divertendoci» commentano gli alunni presenti. «Si tratta di una tecnologia molto flessibile che può essere utilizzata nell’educazione fisica come in tutte le materie di studio -commenta Marco Trapani, manager di Inspired Educational Group, la rete di istituti privati che opera a livello mondiale e che per prima ha sperimentato la scuola nel Metaverso –. È un progetto sfidante e ci consente di entrare con nuovi strumenti in un contesto educativo, come quello scolastico, dove il connubio tra tecnologia e tradizione è un processo abbastanza complesso».

Apprendimento più veloce e studi più performanti

In aula, grazie alla tecnologia, gli studenti possono entrare in ambienti virtuali dove, attraverso i propri avatar possono interagire con professori e alunni che si trovano a migliaia di chilometri di distanza, lavorare in gruppo o studiare individualmente con l’obiettivo di potenziare il proprio apprendimento. Una ricerca realizzata nel 2021 ha dimostrato infatti i vantaggi dell’utilizzo della Virtual Reality. Il 40% degli studenti risultano più sicuri nell’applicare ciò che è stato insegnato loro e il 100% più impegnati. Inoltre, si è scoperto che la Virtual Reality è più veloce del 400% rispetto all’apprendimento in aula.

«Gli alunni sono molto più coinvolti, hanno un livello di attenzione superiore e partecipano in maniera attiva alle lezioni – aggiunge Trapani -, si sentono protagonisti piuttosto che subire passivamente le nozioni che ricevono».

50 Campus in tutto il mondo dialogano nel Metaverso

Per gli studenti del liceo internazionale di via Olmetto la tecnologia Virtual Reality rappresenta dunque una grossa opportunità ed un elemento essenziale dell’apprendimento ibrido in quanto permette di collaborare e interagire all’interno di un ambiente virtuale. «Ci muoviamo in un contesto internazionale, abbiamo più di 50 campus distribuiti nei cinque continenti e oltre 55 mila studenti – racconta il manager -. La possibilità che offre questa tecnologia è di abbattere le barriere che ci sono oggi nel contesto scolastico, non fermandoci all’interno dell’edificio, ma allargandolo a studenti e insegnanti di tutto il mondo che fanno parte del network Inspired, permettendo così di avere uno scambio più capillare ed efficace con l’obiettivo, in un prossimo futuro, di avere un percorso di studi completamente in modalità Virtual Reality».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Come la vita nel metaverso cambierà le nostre menti
Barbato (psicologo digitale): «Immergendosi completamente nel metaverso, con ognuno dei 5 sensi, indossando sofisticate tecnologie sensoriali, ogni vissuto andrà ad aggiungersi alla nostra memoria autobiografica, arricchendola e modificandola, esattamente come accade nella vita (reale) di tutti i giorni»
Deficit intellettivo, dalla realtà virtuale la chiave per il recupero delle abilità esecutive
Lo studio preliminare condotto dall’Università Federico II ha evidenziato l’importanza di ripensare i percorsi riabilitativi nell’ottica di una maggiore funzionalità
I tocchi virtuali suscitano reazioni reali. Dalla realtà virtuale immersiva nuove possibilità di trattamento del dolore cronico
La ricercatrice: «Persone con disturbo dello spettro autistico, donne e uomini vittime di violenza sessuale e fisica, che rifiutano il contatto fisico, potrebbero trarre giovamento dall’utilizzo della realtà virtuale: sperimenterebbero solo le sensazioni piacevoli, senza il fastidio del tocco reale»
di Isabella Faggiano
Psicologia a portata di click: realtà virtuale e app contro lo stress da Covid-19
Lo psicologo: «Con l’utilizzo di visori per la realtà virtuale portiamo medici e operatori sanitari, impegnati in prima linea nella lotta al coronavirus, nei luoghi dove sono stati felici. Per tutti gli italiani c’è Sygmund, un’app per consulenze psicologiche online ed immediate»
di Isabella Faggiano
Mind-Vr, la realtà virtuale che aiuterà i sanitari a superare il disturbo post-traumatico da stress
Parla l'ideatrice, Federica Pallavicini, ricercatrice all'Università Bicocca di Milano: «Necessario dare supporto emotivo a chi ne ha più bisogno». Nel visore l'operatore troverà educazione alla patologia, esperienza del trauma e infine un ambiente rilassante
di Gloria Frezza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali