Formazione 3 Settembre 2019

Milano, la “spinta” dei genitori: «Test da cambiare. E se mio figlio non passa farò ricorso»

Visibilmente emozionati, ma tanto orgogliosi dei loro ragazzi. La squadra dei genitori che ha accompagnato gli oltre 2mila aspiranti medici questa mattina all’università Bicocca di Milano ha atteso per oltre tre ore che le porte dei padiglioni 6 e 7 si aprissero per conoscere l’esito di un test che è stato motivo di preoccupazione per […]

di Federica Bosco

Visibilmente emozionati, ma tanto orgogliosi dei loro ragazzi. La squadra dei genitori che ha accompagnato gli oltre 2mila aspiranti medici questa mattina all’università Bicocca di Milano ha atteso per oltre tre ore che le porte dei padiglioni 6 e 7 si aprissero per conoscere l’esito di un test che è stato motivo di preoccupazione per diversi mesi. La parola d’ordine comunque vada è «cambiare la formula»: selezione sì, ma dopo almeno un anno per quei ragazzi così appassionati da sognare di indossare un camice bianco sin dall’infanzia.

LEGGI ANCHE: I MEDICI (VERI) SUPEREROI ITALIANI ALLE PRESE CON IL PRIMO NEMICO: IL NUMERO CHIUSO E LE TANTE IRREGOLARITÀ

«Mia figlia da quando ha sei anni ambisce a diventare medico – racconta una mamma proveniente da Bergamo -. Per lei oggi è un sogno che si realizza. Se riesce a passare il test e avrà la fortuna di arrivare fino in fondo, dovrà lavorare col cuore perché di business ne abbiamo abbastanza». «Purtroppo, questo sistema non è meritocratico, taglia le gambe a tanti possibili medici – rilancia un’altra mamma in attesa, che di chilometri ne ha macinati oltre mille, provenendo da Vibo Valentia per sostenere la figlia –. In Italia abbiamo carenza di camici bianchi e questo imbuto non aiuta. Già al secondo anno i numeri calano per cui la soluzione migliore sarebbe aprire, lasciare entrare e poi fare la scrematura negli anni. Oggi invece tanti ragazzi che sarebbero potuti diventare dei grandi medici rimarranno al palo e questo non è giusto».

Il 33% degli aspiranti medici arriva da fuori sede, molti dal Sud per alimentare il sogno di una vita. Per alcuni si tratta di un viaggio della speranza perché su 2050 presenti, equivalente al 92,34% degli iscritti, solo 159 ce la faranno e dunque per molti il sogno rimarrà tale o sarà rimandato alla prossima chiamata, nell’attesa di una nuova chance o di un cambiamento tanto invocato, mentre c’è chi addirittura ipotizza per qualche genitore un ruolo non solo di comparsa nella roulette dei quiz. E, infatti, tanti genitori si avvicinano per chiedere informazioni ai legali di Consulcesi presenti per fornire supporto legale in vista dei ricorsi che si dovessero intraprendere contattando lo sportello virtuale www.numerochiuso.info. «Si dà troppa enfasi alla cultura generale, a scapito di materie scientifiche; qualcuno addirittura si lamenta perché un genitore si sarebbe iscritto al test per aiutare il figlio» rilancia un genitore proveniente dalla Sicilia alimentando un dubbio tra i presenti. Un fuori quota in effetti si è presentato oggi in Bicocca – confermano i dati dell’Università –: è lo studente più anziano, 60 anni e un sogno ancora da inseguire, segno che le passioni non muoiono mai.

LEGGI ANCHE: A FERRARA RECORD DI POSTI. ATTESA PER LA SPERIMENTAZIONE CHE PUO’ “STRONCARE” IL NUMERO CHIUSO

Articoli correlati
«Come mamma e come medico dico no al test di ammissione a Medicina. Ecco perché». La lettera al ministro Speranza
«Ministro, prepariamo la nostra Italia, prepariamo i nostri ragazzi. Le squadre si organizzano per tempo e forse, se così fosse stato fatto, non avremmo avuto le difficoltà che abbiamo oggi in questa emergenza, che a mio parere e per mille motivi non sarà unica e isolata»
Milano, attivo al Buzzi il Centro Operativo Dimessi per seguire e supportare il decorso dei pazienti Covid-19 rientrati a casa
Zuccotti (direttore Medicina UniMi): «Cinque specializzandi e tre tutor controllano i dimessi dal Sacco e dal Fatebenefratelli, ma estenderemo il progetto a tutte le ASST milanesi»
di Federica Bosco
Solidarietà per ASST Santi Paolo e Carlo. Ma il direttore avverte: «Emergenza fino all’estate senza atteggiamento responsabile»
Il direttore Matteo Stocco: «156 ricoveri, 30 in terapia intensiva: numeri in crescita costante. Mancano respiratori e CPAP»
di Federica Bosco
Coronavirus, il grande cuore di Milano: donati oltre 150 milioni di euro alla Sanità lombarda
Da Intesa San Paolo a Berlusconi, fino alla ditta Ferragni Fedez: artisti, imprenditori e sportivi, la generosità per vincere la battaglia contro il coronavirus
di Federica Bosco
Coronavirus, Cuppone (Direttore sanitario San Donato): «Il picco non è ancora arrivato, ma tanti stanno guarendo»
L’ospedale milanese più vicino al primo focolaio di Coronavirus ha chiuso parte della chirurgia e dirottato personale nell’area Covid che ospita 6 pazienti in terapia intensiva e 40 in reparto
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 aprile, sono 1.120.752 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 58.982 i decessi e 227.019 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...