Formazione 10 Aprile 2018

«Noi medici di famiglia, in formazione svantaggiati rispetto agli specializzandi». Parla Noemi Lopes (Fimmg)

«Positivo il nuovo Acn. Nonostante le disparità economiche e previdenziali i giovani continuano ad avvicinarsi a questa professione anche grazie alle iniziative del sindacato», sottolinea il Segretario nazionale Fimmg Formazione. Che poi aggiunge: «Fare il medico di famiglia è una vocazione, non ci fermiamo alle prime difficoltà»

Immagine articolo

«È difficile fare una famiglia guadagnando soltanto 800 euro al mese. Abbiamo un ruolo importante nella sanità e non siamo medici di serie B». Ha le idee chiare Noemi Lopes, Segretario Nazionale FIMMG Formazione, che, pur ricordando le difficoltà degli studenti del corso di medicina generale, non rinuncia all’ottimismo: «Stiamo lavorando tutti insieme per incrementare sempre di più quelle che sono le nostre competenze, allargare gli orizzonti della nostra professione, supportati dall’intero sindacato», racconta a Sanità Informazione. Del resto, ricorda Lopes, fare il medico di famiglia è una «vocazione» e non ci si arrende alle prime difficoltà. Resta però la disparità di trattamento con gli specializzandi che, come riportato da diverse testate come Libero e Doctor33,  potrebbe portare migliaia di medici di medicina generale a fare causa allo Stato.

SUL TEMA L’ARTICOLO DI LIBERO QUOTIDIANO:

Dottoressa, a settembre lei protestava per il ritardo nella pubblicazione del bando per le scuole di specializzazione. Sul tema della formazione dei medici di medicina generale ci sono novità?

«Sulla formazione al momento è cambiato ancora poco. Le grosse novità sono sulla medicina generale perché sono stati fatti grandi passi avanti per i giovani con il nuovo accordo firmato il 29 marzo, l’Acn, che nella prima parte mira a velocizzare l’ingresso dei giovani alla professione della medicina generale. Tante le novità, tra cui la possibilità di acquisire incarichi di continuità assistenziale e quindi di fare attività pratica durante il corso, incrementando così anche gli introiti della sola borsa di studio. Si tratta di importanti novità per chi sceglie di intraprendere questa strada».

 

Quindi vi soddisfa l’Acn anche dal punto di vista dei giovani?

«Sì anche perché finalmente sono state introdotte le tutele per la gravidanza. Sostanzialmente le donne in gravidanza non perderanno punteggio durante l’astensione obbligatoria, mentre prima chi, per questo motivo, perdeva mesi di graduatoria durante il corso perdeva di fatto un anno per l’iscrizione. Con le nuove regole questo non si verificherà più perché potranno iscriversi autocertificandosi il titolo acquisito entro il 15 settembre. Una misura di tutela per le colleghe in gravidanza».

I medici che seguono il corso di medicina generale hanno un trattamento economico e contributivo diverso dagli specializzandi. In questo senso vi sentite penalizzati?

«Il fatto di percepire una borsa che è la metà di quella dei nostri colleghi e che è anche tassata, sicuramente per noi è una condizione svantaggiosa dal punto di vista pratico perché è difficile fare una famiglia guadagnando soltanto 800 euro al mese dovendo pagare tutte le tasse. È chiaro che anche agli occhi dei colleghi questo ha fatto sempre pensare che la medicina generale avesse un trattamento di serie B quando in realtà sappiamo bene che è un pilastro fondamentale del Sistema Sanitario Nazionale. Per fortuna i colleghi hanno una nuova consapevolezza dovuta al fatto che anche come FIMMG stiamo organizzando diversi eventi per i giovani che si abilitano e che vengono a conoscenza di quella che è la medicina generale. Sono sempre di più i giovani che ci chiedono informazioni, che cercano di avvicinarsi, però sicuramente ancora tanto può essere fatto, a partire dall’aumento della borsa perché è chiaro che se mi paghi tanto quanto il mio collega di specializzazione allora davvero non c’è differenza tra medici che hanno pari dignità, mentre così sembra che siamo messi sempre in un gradino inferiore. Sappiamo che l’aumento della borsa potrebbe invogliare i giovani ad intraprendere questa carriera».

LEGGI ANCHE: RETRIBUZIONE, IRPEF, CONTRIBUTI E ASSICURAZIONE: ECCO QUANTO PERDONO IN FORMAZIONE I MEDICI DI MEDICINA GENERALE

Al di là di queste difficoltà, cos’è che spinge un giovane ad intraprendere questa carriera?

«Sicuramente dal punto di vista della tipologia di professione quella del medico generico è molto completa, perché si trattano tutti gli aspetti della medicina, si cura molto il rapporto medico-paziente, un aspetto fondamentale della nostra professione. È un campo dove si trova lavoro più facilmente rispetto al campo della specializzazione proprio per la carenza a cui stiamo andando incontro. Questi sono i due o tre motivi principali che avvicinano i giovani alla medicina generale. Sicuramente non sono attratti dal compenso».

C’è ancora la tentazione tra i giovani laureati in medicina di andare all’estero o c’è chi resiste?

«Personalmente non ho mai avuto questa tentazione perché l’ho scelta, se così si può dire, per vocazione e sono contenta della mia scelta. Sono tantissimi i colleghi con cui collaboro ogni giorno in ogni parte d’Italia che sono molto motivati e molto felici della loro scelta. Sicuramente ci sono quelli che scelgono in un primo momento la medicina generale e poi tendono a scappare, c’è chi la sceglie per ripiego. Questo purtroppo toglie spazio a chi non riesce ad accedere per poco e vorrebbe farla per scelta: così si vede tolto il posto da chi la sceglie come ripiego e poi va via migrando verso la specializzazione».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <–

Articoli correlati
Medicina di famiglia e prescrizione di farmaci antidiabetici, FIMMG: «Incontro in Aifa con fumata grigia»
L’obiettivo era quello di portare al direttore dell’Agenzia Italiana del Farmaco la preoccupazione per il permanere del divieto di far prescrivere ai medici di famiglia farmaci efficaci nel ridurre le complicanze della malattia diabetica e gli effetti collaterali dei farmaci prescrivibili
Medici di famiglia, Corti (Fimmg): «Siano affiancati da un collaboratore di studio»
Il vicesegretario nazionale della Federazione: «Ad oggi non ci sono le condizioni per sviluppare la figura dell’infermiere di famiglia». E sull’autonomia differenziata: «Non peggiori ulteriormente le differenze tra le diverse realtà regionali»
Convenzione MMG, Scotti (Fimmg): «La ‘busta paga’ dei medici di famiglia è ferma al 2010. Tre mesi per firmare»
Il Segretario della Federazione Italiana Medici di Famiglia spiega ai nostri microfoni qual è la principale urgenza da affrontare. Poi interviene sul regionalismo differenziato: «La variazione dell’assetto attuale può aumentare differenze tra Regioni»
di Cesare Buquicchio e Arnaldo Iodice
Medici di famiglia e cronicità, Bartoletti (Fimmg): «Accesso a farmaci innovativi limitato perché non si vuole che noi li prescriviamo»
Il vicesegretario della Fimmg: «Bisogna prevenire le malattie croniche e poi dichiarar loro guerra, rompendo gli schemi e istituendo una rete di servizi alla persona che integri ospedale e territorio». E sulle liste d'attesa: «È normale che mostri burocratici come i CUP non rispettino i tempi previsti per le singole patologie. Non avere la possibilità di gestire il percorso del malato cronico dal proprio studio è una grave limitazione per il medico di famiglia»
Fimmg Lombardia, parla il segretario Gabriella Levato: «Con malati cronici serve interdisciplinarità. Contratto nazionale sia attento a obiettivi del territorio»
Si è conclusa a Milano l’assise regionale lombarda della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale. L’allarme del vicepresidente Fiorenzo Corti: «Un valore aggiunto è rappresentato dai servizi erogati il sabato mattina che rischiano però di non essere più fattibili se l’accordo integrativo regionale, scaduto nel mese di dicembre, non verrà rinnovato entro i primi giorni di marzo»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone