Formazione 29 Marzo 2018

Comunicare meglio con il team e i pazienti: ecco la “ricetta” per i medici

Il manuale, scritto da Maria Elena Capitanio e Andrea Di Cicco e presentato di recente all’Ara Pacis, a Roma, affronta a 360 gradi il tema della comunicazione. Gli autori: «Fondamentale anche per gli operatori sanitari comunicare bene: si arriva prima a diagnosi corrette e aumenta il proprio appeal professionale nei confronti dei pazienti»

Nell’era dei social network è fondamentale anche per i medici riuscire a comunicare al paziente in maniera corretta. Per farlo è necessario aggiornarsi e formarsi costantemente anche su questo aspetto. La giornalista Maria Elena Capitanio e il formatore Andrea di Cicco sono autori del volume “Comunicare da leader – L’arte di convincere nell’era della post-verità”, presentato di recente all’Ara Pacis a Roma. Abbiamo chiesto loro quanto sia importante padroneggiare al meglio le tecniche comunicative fondamentali anche nel settore sanitario.

«Comunicare bene è una competenza cruciale per il medico – spiega ai nostri microfoni Maria Elena Capitanio – perché il rapporto con il paziente ha anche una valenza psicologica che va presa nella giusta considerazione non soltanto nel momento in cui si fa una visita, ma anche in tutto il percorso successivo e nel rapporto stretto e continuativo che si crea con il paziente». «Riuscire ad empatizzare con il paziente – continua Andrea di Cicco – significa sviluppare su di sé quel che si può poi riscontrare nel paziente. Allenarsi tecnicamente a comunicare a tutti i livelli dà la possibilità a chiunque operi nel settore sanitario di capire più velocemente chi ha di fronte e soprattutto il suo livello emotivo. In questo modo la diagnosi non può che diventare più semplice. Questa è l’applicazione pratica di chi lavora nel settore».

Ma come hanno cambiato i social network nel concreto la vita dei professionisti sanitari? «Non so se avete notato – spiega Capitanio – che su Instagram esistono tantissimi profili di operatori sanitari come, ad esempio, i chirurghi plastici o i dentisti. Per professionisti del genere è importante avere un appeal particolare nei confronti del loro pubblico. Il medico “silenzioso” può andar bene in alcune branche della medicina, ma non in tutte: se sei un medico generico è importante comunicare bene, ma se sei un grande specialista in determinati casi puoi cedere su alcuni aspetti della comunicazione. Lo scriviamo nel libro: saper comunicare, imparare a farlo, è un percorso in cui ci sono anche tantissimi consigli psicologici, filosofici, antropologici e sociologici». «Certo – le fa eco Di Cicco –, il discorso è che la comunicazione classica sta diventando un po’ obsoleta, quindi anche nell’esempio del medico di famiglia, se questo comunica bene riesce a capire subito il caso e quindi risparmia tempo e può dare indicazioni più efficaci. Anche una semplice chiacchierata può risolvere i problemi. Basta comunicare meglio».

 

 

Articoli correlati
Crisi di governo, FNOPO: «Sanità sia priorità per il futuro. Tutelare le donne»
«Forse, come ha affermato la stessa titolare del Dicastero, si sarebbe potuto fare di più e meglio», commenta la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica all'indomani della ufficializzazione della crisi di governo
«Ho cercato di mettere le cose a posto nella sanità pubblica», l’addio del ministro Grillo dopo le dimissioni del Governo
«Mi auguro che il mio progetto dell’ostetrica di comunità venga realizzato comunque da chi verrà come anche il ddl anti violenza a difesa degli operatori sanitari»
Salute, Ministro Grillo dimissionario: svolgerà solo l’ordinaria amministrazione
Con le dimissioni presentate al Quirinale dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, anche il resto del Governo è dimissionario. Tra loro anche il titolare del dicastero Salute, Giulia Grillo. Il Governo e tutti i ministri rimangono comunque in carica fino all’insediamento di un nuovo Governo. Questo accadrà anche in caso di elezioni. L’attività del governo […]
Crisi di governo, Sileri (M5S): «Un peccato bloccare le tante cose da fare per la sanità»
Il presidente della Commissione Sanità di Palazzo madama commenta la crisi di governo e i suoi riflessi sulla sanità: «Molto del lavoro di questi 14 mesi rischia di essere buttato: penso ai nuovi provvedimenti sui vaccini, a quello che bisognava ancora fare per i contratti dei medici, all’intramoenia per gli infermieri, penso a tutti i temi legati alla formazione dei camici bianchi, penso alle borse di specializzazione per il prossimo anno. Tantissime cose che ora trovano uno stop che il comparto sanitario non meritava»
Crisi di governo: la diretta di Sanità Informazione
Giuseppe Conte in Senato annuncia le dimissioni: «Alla fine di questo dibattito mi recherò dal Presidente della Repubblica per dimettermi». Attesa del mondo della sanità per l'esito della crisi: ecco i provvedimenti che rischiano di saltare. Dimissionario anche il Ministro della Salute Giulia Grillo. I commenti dei Senatori della Commissione Sanità e della Commissione Affari Sociali: Binetti, Boldrini, Tiramani...
di Cesare Buquicchio, Giovanni Cedrone, Diana Romersi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone