Formazione 10 Dicembre 2018

Corruzione in sanità, Silenzi: «Medici siano i ‘custodi’ delle risorse. Bene trasparenza, ma non demonizzare privato»

«Ogni decisione terapeutica ha delle ripercussioni non solo sulla salute ma anche sui costi del SSN», sottolinea il vicepresidente della Società Italiana Medici Manager che aggiunge: «Importante permettere al cittadino di conoscere le strutture sanitarie in base ai dati sugli esiti e quelli che sono gli indicatori di qualità»

di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Immagine articolo

Difficoltà di accesso alle prestazioni e lunghe liste d’attesa spingono i cittadini a rinunciare alle cure o ad affidare al privato la propria salute. Nel 2017, infatti, la spesa sanitaria privata ha raggiunto i 40 miliardi di euro.  Oltre a questo, il nostro sistema sanitario – nato quarant’anni fa per decisione dell’allora ministro della sanità Tina Anselmi – un servizio universalistico di garanzia delle cure, deve fare i conti con la corruzione, che consuma i fondi per le strutture, i farmaci e l’assistenza. Secondo Transparency Italia, la sanità rappresenta uno dei settori con più casi di corruzione; per questo motivo, il nuovo Governo sta lavorando al cosiddetto Sunshine Act, il provvedimento sulla trasparenza in sanità in discussione alla Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati.

Andrea Silenzi, vicepresidente della Società Italiana Medici Manager, ci ha elencato gli effetti positivi della trasparenza e del Public Reporting in sanità: permettere al cittadino di conoscere le strutture sanitarie basandosi sull’elaborazione di dati ufficiali e fattori come efficacia, sicurezza, appropriatezza e competenza, migliorano l’assistenza sanitaria. A suo avviso, oltre a combattere con forza la corruzione in sanità, ogni medico deve essere consapevole che ogni decisione terapeutica ha delle ripercussioni non solo sulla salute ma anche sui costi del SSN: un bene comune in sofferenza, che va protetto e difeso dagli sprechi.   

Vicepresidente, parliamo di corruzione in sanità, un tema strettamente connesso con l’etica della professione. Il Sunshine act è in discussione alla Camera dei Deputati: lei che opinione ha di un provvedimento sulla trasparenza delle donazioni?

«La trasparenza è sicuramente qualcosa che fa bene alla sanità, lo vediamo dal punto di vista clinico gestionale; ci sono evidenze che il public reporting in sanità – ossia pubblicare i dati sugli esiti e quelli che sono gli indicatori di qualità delle organizzazioni sanitarie –  migliora l’assistenza sanitaria. Allo stesso modo, la trasparenza permette a tutti di avere le stesse informazioni da condividere per poter fare delle scelte consapevoli. Dal punto di vista degli obiettivi sicuramente è qualcosa da perseguire – è uno strumento che sta avendo i suoi effetti positivi a livello internazionale – quello che deve essere fatto è, a mio avviso, non è solo rendere trasparenti i dati ma anche cercare di analizzare i risultati del rapporto che esiste tra il professionista sanitario e il privato, che però non deve essere demonizzato. Ricordiamoci che, soprattutto la ricerca e la formazione, vanno avanti, spesso, anche grazie agli investimenti e al supporto che il privato dà alla nostra sanità. Rendere trasparenti i dati sì ma anche i risultati, perché investire 10mila euro in un progetto di alta qualità non ha la stessa ricaduta che investirne altrettanti in attività di minor valore, discriminiamo anche il costo».

La corruzione in sanità ha un dato che pesa ancora; i dati di Transparency, sottolineano che non è percepito ancora come uno dei temi da affrontare con più energia, anzi, viene visto ancora in coda. Invece, quanto è importante combattere la corruzione in sanità?

«È fondamentale, non soltanto per il medico e professionista sanitario. Ormai sono 27 le professioni sanitarie riconosciute nel SSN ed è fondamentale avere la consapevolezza di quello che è lo status di conflitto di interessi che può essere diretto o indiretto in relazione alla posizione che si ricopre. Molto sta ad avere consapevolezza di quelle che sono le competenze etiche, di stewardship, ovvero essere custodi delle risorse. Ogni decisione terapeutica del medico, infatti, ha delle ripercussioni non solo sulla salute ma anche sui costi del SSN, che festeggia quest’anno i suoi 40 anni. Devono essere celebrati ma anche meritati da tutti i professionisti, conservando in salute un SSN che ha bisogno dei suoi professionisti in prima linea».

Articoli correlati
Leucemia mieloide e mieloma multiplo, il sì di AIFA a Molmed per la sperimentazione clinica del CAR-T CD44v6
MolMed, azienda biotecnologica focalizzata su ricerca, sviluppo, produzione e validazione clinica di terapie geniche e cellulari per la cura del cancro e malattie rare, comunica di aver ottenuto da AIFA l’autorizzazione ad avviare in Italia la sperimentazione clinica con il proprio CAR-T CD44v6 per il trattamento di pazienti con leucemia mieloide acuta e mieloma multiplo. […]
Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»
La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitari, magistrati e altri vogliono restare al lavoro fino a 80 anni e invece molti medici vogliono fuggire», sottolinea il segretario generale della Cosmed
Patto salute, Fugatti (Trentino): «Rimodulare rete punti nascita alla luce del calo demografico e intervenire su carenza medici specialisti»
«I cittadini trentini chiedono maggiori servizi e nuovi investimenti: se non interveniamo, anche a causa della denatalità, rischiamo lo spopolamento della montagna». E sulla carenza degli specialisti: «Il Governo deve adoperarsi o mancheranno, soprattutto, pediatri, medici di base, guardie mediche e anestetisti» così il Presidente della Provincia autonoma di Trento
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Roma, al Gemelli Antonio Monda conversa con pazienti, medici e studenti su verità e fake news
Giovedì 21 marzo, alle ore 16, la Sala MediCinema del Policlinico Universitario Agostino Gemelli di Roma ospiterà Antonio Monda, scrittore e docente di cinema presso la New York University e direttore artistico della Festa del Cinema di Roma, per una conversazione con pazienti, medici, operatori sanitari e studenti su verità e fake news. L’occasione di questa speciale conversazione è l’uscita del […]
Migranti e salute: prevenzione, cura e false notizie. L’evento all’Ordine dei Medici di Palermo
Secondo i dati del Forum Sociale delle Migrazioni 2018, svoltosi in Mexico, una persona su sette sul pianeta è migrante, avendo sperimentato una qualche forma di mobilità umana. Nel passato le migrazioni erano favorite, in Italia dal sud verso le industrie del Nord, e similmente in altre parti del mondo che soffrono denatalità e scarsa […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone