Formazione 9 Agosto 2016 10:14

Legge Cirinnà e minori, Ballarani (Università Lateranense): «Consenso informato in sanità, chi ha l’ultima parola?»

Nonostante la recente entrata in vigore della legge che regolamenta le unioni civili, sono ancora molti i punti interrogativi irrisolti per medici e avvocati. In arrivo un corso di formazione che fornisce tutte le risposte

In caso di intervento chirurgico su un “grande minore” (ovvero maggiore di 14 anni), chi deve prestare il consenso informato? Il genitore, il diretto interessato, entrambi? Se lo chiede Gianni Ballarani, professore straordinario di istituzioni di diritto privato nella Pontificia Università Lateranense, ponendo ai microfoni di Sanità Informazione uno dei quesiti ancora al centro del dibattito medico e legale dopo la recente approvazione della legge Cirinnà sulle unioni civili. La nuova normativa ha infatti regolato diversi aspetti del rapporto tra gli elementi che compongono una famiglia di fatto, ma l’evoluzione giurisprudenziale e interpretativa dei vari commi è, come sempre accade in Italia, in continuo divenire. È per questo che il medico deve curare incessantemente la propria formazione, in special modo in un ambito, quello legale, strettamente legato alla sua professione ma non per questo più facile da interpretare per un non addetto ai lavori. Di legge Cirinnà e delle sue interpretazioni se ne è parlato di recente in un convegno a Roma che presto diventerà un corso di aggiornamento professionale rivolto a medici e avvocati.

Professor Ballarani, quanto può un corso di aggiornamento di questo tipo influire sulle capacità dei singoli professionisti?

«Tanto, perché la funzione del diritto è quella di governare dal punto di vista delle regole generali la condotta dei soggetti privati. In ambito medico, le tutele accordate dal diritto al preminente interesse del minore e, secondariamente, a quello dell’adulto, hanno un riflesso diretto. Quindi è senza dubbio una buona occasione di confronto anche per capirne i limiti».

La legge Cirinnà ha preso atto delle evoluzioni sociali in corso e sta ridefinendo il concetto di famiglia in Italia. Qual è la sua portata, soprattutto con riferimento alla figura del minore?

«Quella sulle unioni civili è una legge che segna un traguardo, in parte dovuto, a tutela di situazioni giuridiche soggettive che fino adesso non avevano alcuna copertura, anche se forse poteva essere opportuna una riflessione maggiore. La copertura della posizione giuridica soggettiva del minore trova, infatti, una tutela indipendente e piena rispetto a quella degli adulti, a seguito dell’intervento legislativo del 2012 e del decreto attuativo del 2013. Forse questa stringente necessità di intervenire in modo così, lasciatemelo dire, politico, non c’era».

Parlava di consenso informato e “grandi minori”…

«È evidente che se siamo davanti a un “grande minore”, ossia un minore che abbia già compiuto i 14 anni, e si tratta di un intervento chirurgico, o anche solamente medico, si pone il problema di chi debba prestare il consenso. Esclusivamente l’adulto? E se il minore è contrario? Allora in questi ambiti è evidente che la riflessione è aperta. Di fronte a un grande minore, il massimo sarebbe l’affiancamento dell’adulto al minore stesso nel processo decisionale e la richiesta da parte della struttura sanitaria e del medico della doppia firma».

Articoli correlati
Maltrattamenti su minori in aumento per effetto del Covid: dietro una denuncia, nove casi sommersi
Cesvi lancia l’allarme dopo un anno di pandemia: «Cresce il numero di abusi e violenze tra le mura domestiche. È necessario rafforzare le cure e ricostruire un sistema di servizi capace di metterle in atto»
di Federica Bosco
Consenso informato, Cassazione: «È un atto medico»
Secondo la Corte di Cassazione, l’ottenimento del consenso informato è considerato atto medico. Un’informazione non corretta o carente è responsabilità professionale, con dovere di risarcire un doppio danno: alla salute e all’autodeterminazione
Social, Regimenti (Lega): «Servono nuove stringenti norme per tutelare minori in Rete»
«L'Europa intervenga per evitare che la Rete diventi sempre più una giungla ingestibile», l'appello dell'eurodeputata della Lega Luisa Regimenti
Psicologia di Comunità. Torricelli (ENPAP): «Rapporti sociali condizionano benessere: comunità accogliente rende più sani»
La pandemia da Covid-19 ha allargato il divario sociale e i bambini che vivono nelle famiglie più fragili sono sovraesposti al rischio di stress e disagi psicologi
di Isabella Faggiano
Mortalità neonatale, 40% più alta nel Sud. A rischio anche minori figli di stranieri
«Ecco una violazione dell'articolo 32 della Costituzione» ha commentato il ministro della Salute, Roberto Speranza in occasione della presentazione del Libro Bianco, il documento sull'assistenza dell'Area pediatrica realizzato dalla Fiarped
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 giugno, sono 176.273.244 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.812.157 i decessi. Ad oggi, oltre 2,37 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...