Giovani 12 Ottobre 2020 17:40

La via crucis dei candidati alla Facoltà di Medicina. La storia di Roberto: 7 test di ingresso in 4 mesi

Tantissimi giovani si iscrivono a più Università per avere maggiori chance di sconfiggere il numero chiuso. Cosa significa, al giorno d’oggi, provare a diventare medico? Su Sanità Informazione una storia che ne racchiude migliaia

La via crucis dei candidati alla Facoltà di Medicina. La storia di Roberto: 7 test di ingresso in 4 mesi

Più che di numero chiuso in Medicina si dovrebbe parlare di tanti numeri chiusi in Medicina. Non esiste soltanto la prova unificata a livello nazionale delle università statali. Esistono anche tante università private (più o meno conosciute, più o meno prestigiose) che, con modalità e tempistiche diverse, danno la possibilità a chi da grande vuole fare il medico di mettersi alla prova con un test di ingresso a risposta multipla.

I candidati che si iscrivono e partecipano alle prove delle università private sono, per forza di cose, molto meno numerosi delle decine e decine di migliaia che si candidano per un posto alle università pubbliche: i costi da affrontare, una volta entrati, sarebbero, nel primo caso, nettamente più alti. Ma c’è chi non si fa problemi ed è disposto anche a fare enormi sacrifici pur di realizzare il proprio sogno.

È il caso di Roberto (nome di fantasia), uno dei tanti ragazzi che ogni anno si preparano per una via crucis fatta di università pubbliche e private in cui provare ad entrare. Roberto era iscritto al primo anno di Giurisprudenza alla Sapienza di Roma. Padre avvocato, carriera già scritta. Una carriera che, forse, poteva andargli anche bene, ma di certo non era quel che desiderava veramente.

Ma quando è scoppiata la pandemia e suo padre è rimasto chiuso per due settimane in terapia intensiva, ha capito di aver completamente sbagliato strada. Quando l’avvocato è tornato a casa, debilitato ma fuori pericolo di vita, ha passato giorni, se non settimane, a spiegare con le lacrime agli occhi a sua moglie e ai suoi due figli quanto siano stati eroici i medici e gli infermieri che lo avevano curato e tirato per i capelli da una morte quasi certa. È stato lì che Roberto ha capito che non voleva fare più l’avvocato. Voleva fare il medico.

Si è preparato come poteva e ha preso parte al suo primo test d’ingresso: quello in lingua inglese alla Cattolica del 28 maggio. Per qualsiasi persona senza la preparazione necessaria sarebbe stato un tentativo improbo e, difatti, non passerà. Ci riproverà due mesi dopo, sempre alla Cattolica, ma questa volta in italiano. Così Roberto si è presentato in aula il 29 luglio. Era più tranquillo della volta precedente. Aveva avuto modo di studiare un po’ di più e di farsi un’idea del tipo di domande a cui avrebbe dovuto rispondere. E poi, fosse andata male anche lì, ci avrebbe riprovato solo tre giorni dopo, alle selezioni per il Campus Biomedico, sempre a Roma.

E così, il 31 luglio si è presentato in Via Portuense, all’ingresso nord della “Fiera di Roma”. Lì, tra i padiglioni adibiti appositamente per permettere lo svolgimento del test a tutti i candidati in maniera tale da osservare le regole di distanziamento, Roberto ha messo per la terza volta alla prova le sue capacità, invocando più volte un aiuto quanto mai necessario dalla dea fortuna.

Non passerà neanche lì. Ma lui, determinato come pochi e disposto a tutto per realizzare l’idea di vita che aveva maturato nei mesi precedenti, ha deciso di non partire per le vacanze per studiare e, con i soldi così risparmiati, si è iscritto al test del San Raffaele di Milano (al costo di 170 euro) e ha preso in affitto un piccolo appartamento su AirBnb.

Altro tentativo fallito, ma nulla era ancora perduto: il 3 settembre era la data unica dei test alle università statali. Giusto il tempo di tornare nella sua città che si è ritrovato alla Sapienza a tentare la sorte insieme ad altri tantissimi giovani come lui in tutta Italia. Non nutriva particolari aspettative: solo un candidato su cinque sarebbe entrato, e di certo lui era uno dei meno preparati nelle materie principali. Nella graduatoria che verrà pubblicata il 29 settembre il suo nome non ci sarà.

Nel frattempo, per aprirsi anche altre strade, ora che le possibilità di entrare in facoltà cominciavano seriamente a scarseggiare, ha partecipato al test delle professioni sanitarie, sempre alla Sapienza. Lui voleva fare il medico, non altro, ma prendere parte anche a questa prova gli sembrava un buon paracadute per non perdere inutilmente un anno nel caso in cui il numero chiuso l’avesse avuta vinta su di lui. Tanto valeva provare, e poi l’iscrizione costava solo 35 euro. Pensava ci fossero meno candidati, che avesse maggiori possibilità di entrare. Ma alla fine sono stati poco più di 77mila gli studenti in lizza per una delle 22 Professioni Sanitarie. Impresa quanto mai difficile, anche in quella occasione.

Cosa gli restava ora? Cercando su internet aveva trovato un annuncio dell’Università di Tirana “Nostra Signora del Buon Consiglio”. Al costo di 100 euro, il 30 settembre avrebbe potuto provare ad entrare in un’università straniera ma con i corsi, i professori e i libri in italiano e la possibilità di andare a studiare, dopo un anno in Albania, all’Università di Roma Tor Vergata, all’Università di Bari o alla Statale di Milano. Roberto ha deciso però di soprassedere e di prepararsi a quello che considerava l’ultima possibilità: il test all’Università Unicamillus.

Ora Roberto è in attesa di sapere cosa ne sarà del suo futuro e del suo sogno. Ma, come detto, di ragazzi come lui ce ne sono tanti. Entrare alla facoltà di Medicina, in Italia, è come partecipare ad una corsa ad ostacoli, ad una sorta di gioco dell’oca: si studia, si fanno esercitazioni, si frequentano scuole private per prepararsi al meglio, poi ci si iscrive a quante più università possibile per avere una seconda, terza o quarta possibilità nel caso in cui la prima non dovesse andare come previsto e sperato. Si compilano moduli, si fanno bonifici, si pensa a come affrontare le spese delle università più costose. Si viaggia, si fanno file interminabili, si attende con impazienza la consegna dei fogli con le domande, si fa il meglio possibile e poi si aspetta l’esito delle graduatorie. E se non va bene si ricomincia daccapo, magari in un’altra città, magari in un altro Paese. E così via, per un anno, per due anni, per tre anni di fila.

Il numero chiuso permette solo a pochissimi giovani di coronare il loro sogno. Quanti di questi sarebbero diventati buoni medici? Quanti di questi avrebbero meritato almeno un’occasione di essere valutati per le loro capacità e la loro voglia, e non per una risposta sbagliata. Perché c’è anche questo da considerare: ogni anno, in tutta Italia, migliaia di ragazzi non entrano alla facoltà di Medicina per aver sbagliato una sola, un’unica domanda di troppo. E il nostro Servizio sanitario quanti potenziali bravi medici ha perso per una sola, un’unica domanda sbagliata?

Per tutte le informazioni sul Test di Medicina, vai sul portale Numero Chiuso

Articoli correlati
Università, Raffaele Calabrò è il nuovo vicepresidente della Crui
Eletto nelle passate settimane nella Giunta come rappresentante delle università non statali, con la nuova nomina a vicepresidente, il professor Calabrò sarà chiamato ad affrontare i temi di maggiore attualità del mondo universitario italiano, dai processi di internazionalizzazione alla terza missione e al rapporto con il mondo del lavoro
Numero chiuso Medicina: dal Consiglio di Stato via libera a frequenza corsi a chi è entrato con riserva
L’ordinanza 590/221 sottolinea l’«urgenza di proseguire gli studi». Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Ancora una volta si è dovuti passare per i Tribunali per ottenere il diritto allo studio»
Università UniCamillus: +34,2% di iscrizioni al Test di ammissione a Medicina
L’Università UniCamillus sarà la prima Università del Lazio ad effettuare i test di ammissione ai propri Corsi di Laurea attraverso procedura on line
Numero chiuso, polemica in Sardegna. Pd: «Abolirlo non risolverebbe problema. Soluzione è aumentare le borse di specializzazione»
Una nota congiunta di Paola Boldrini, Vice Presidente Comm. Igiene e Sanità, Gianfranco Ganau, capogruppo del Pd al Consiglio regionale della Sardegna e Stefano Manai, Responsabile nazionale della formazione sanitaria del Pd contesta l'ipotesi avanzata dal senatore Carlo Doria di abolire il numero chiuso
Manai (Pd): «Bene compatibilità USCA – specializzazione. Approvato Odg per aumento posti in infermieristica»
«Le USCA diventano finalmente compatibili con il contratto della scuola di specializzazione» sottolinea il Responsabile nazionale della formazione sanitaria del PD
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 marzo, sono 114.078.673 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.531.004 i decessi. Ad oggi, oltre 239,60 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’avvocato Andrea Marzia...